Acceleratore difettoso Tesla: anche l’NHTSA incolpa i conducenti

Il richiamo Tesla su oltre 660 mila auto è stato disinnescato: l’NHTSA archivia l’indagine sull’acceleratore difettoso: è colpa dei conducenti

13 gennaio 2021 - 13:30

L’acceleratore difettoso delle Tesla in realtà non è un difetto delle auto, come invece sostenuto in una petizione inviata alla National Highway Traffic Safety Administration. La richiesta di aprire un’indagine sulle Tesla perché affette da un presunto difetto del pedale acceleratore, riguarda accelerazioni improvvise non volute dal guidatore. Ma l’agenzia per la sicurezza dei trasporti USA ha negato l’apertura dell’indagine spiegando anche perché.

PROBLEMA ACCELARATORE TESLA: LA PETIZIONE PER IL RICHIAMO

La petizione voluta da Brian Sparks, una persona molto attiva sui social e non nuova a dichiarazioni su Tesla ha raccolto le informazioni di circa 232 reclami Tesla. La missiva indirizzata alla NHTSA includeva una chiara richiesta di richiamo delle Tesla Model S, X, Y e 3 per improvvisa accelerazione non richiesta. L’acceleratore difettoso Tesla sarebbe anche una tra le giustificazioni che in passato sono state fornite dopo gli incidenti più strani senza vittime. Ma per l’NHTSA la richiesta di aprire un’indagine sulla sicurezza delle Tesla è priva di fondamento.

LE INDAGINI NHTSA E I RICHIAMI TESLA

Prima di passare alle motivazioni che hanno spinto l’NHTSA a liquidare la faccenda del pedale acceleratore Tesla difettoso, va precisato che l’NHTSA non è mai morbida in fatto di sicurezza dei veicoli. Nel database NHTSA, dove sono consultabili i richiami tecnici per la sicurezza di tutte le Case auto negli USA, ci sono numerosi richiami Tesla. Una delle indagini NHTSA che ha coinvolto anche il National Transport Safety Board riguarda l’Autopilot Tesla, di cui si torna a parlare con frequenza ogni volta che si verifica un incidente mortale. Ma come nella maggior parte dei casi, Tesla ha la possibilità di analizzare i dati registrati dalle auto e il più delle volte emerge un comportamento inappropriato del conducente. Sulla petizione la stessa Tesla aveva già alcuni mesi fa spento l’attenzione, attribuendola a una manovra speculativa.

ACCELERATORE TESLA DIFETTOSO? NHTSA SCAGIONA L’AZIENDA

Per l’NTHSA la richiesta di richiamo delle Tesla per l’acceleratore difettoso non è fondata su riscontri oggettivi. Lo spiga la stessa agenzia nel rapporto di analisi chiuso l’8 gennaio 2021. L’agenzia spiega che è autorizzata a emettere un ordine di richiamo per un difetto se le indagini mostrano un difetto di progettazione, costruzione o prestazione di un veicolo a motore, che presenta un rischio irragionevole per la sicurezza. L’organo della NHTSA incaricato di fare questo è l’ODI (Office of Defects Investigation), che non ha identificato prove per l’apertura di un’indagine sui difetti denunciati. “Le prove mostrano che gli arresti anomali della SUA (sudden unintended acceleration) nelle denunce citate dal firmatario sono stati causati da un uso improprio del pedale. Non c’è nessuna prova di qualsiasi guasto nel pedale dell’acceleratore”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test gomme invernali e 4 stagioni 2020 – 2021: 15 pneumatici a confronto

Vendita auto usata online truffe

Le auto usate più longeve per Marca e Modello: la Top 10

Batterie auto elettriche: come sono fatte e quanto costano?