Salone di Ginevra 2015: Mercedes G 500 4×4 e l'off-road all'ennesima potenza

A Ginevra Mercedes presenta la piccola fuoristrada di lusso in grado di "camminare? anche su Marte

3 marzo 2015 - 11:27

Sorellina della G 63 AMG 6×6, la Mercedes G 500 4×4 che verrà esposta al Salone di Ginevra è una Classe G dotata di un potenziale massimo, perché la Casa di Stoccarda gli ha dato la denominazione “(4×4)²”. Per l'occasione, i tecnici tedeschi non hanno voluto fare le cose a metà e l'hanno equipaggiata con un nuovo V8 4.0 litri biturbo. Certo, non sarà così stravagante ed esagerata come la G 63 AMG 6×6 presentata qualche anno fa, eppure la G 500 4×4 non sembra affatto da meno, anzi. Per di più è molto probabile che la show car sarà destinata alla produzione in piccola serie per facoltosi nababbi, magari anche blindata. Ma questo lo scopriremo dal vivo solo nel corso della fiera dell'auto ginevrina.

PENSATA PER DESTINAZIONI INARRIVABILI – Lo percepiamo in ogni particolare, Mercedes ha puntato il tutto per il tutto progettando la G 500 4×4 per affrontare percorsi sterrati sul pianeta Marte se ce ne fosse bisogno, visti i suoi pneumatici che sembrano non temere assolutamente nessun tipo di percorso terrestre. Le sospensioni sono regolabili nelle modalità Comfort e Sport e in altezza, portando il telaio a ben 450 mm dal suolo rispetto ai 210 mm di una Classe G standard. Questo consente al fuoristrada massiccio con la stella a tre punte di guadare fiumi con una profondità massima di 1 metro. Siamo d'accordo, per Marte bisognerà aspettare, ma altrimenti potrebbe tornare utile.

SENZA MEZZE MISURE, FUORI E DENTRO – Questa Classe G “esagerata” a cinque porte riceve la trazione integrale, ma con un asse in meno, dalla versione 6×6, così come il nuovo motore V8 4.0 litri delle ultime Mercedes C 63 AMG e Mercedes-AMG GT. Tuttavia, questa unità motrice eroga solamente – si fa per dire – 422 CV. Il propulsore tedesco è accompagnato da una trasmissione 7G-Tronic con rapporti accorciati e da ben tre differenziali meccanici che possono essere bloccati dal guidatore. Sul piano estetico, non si possono di certo ignorare il suo colore giallo appariscente, i suoi passaruota a forma semi esagonale e i suoi immensi cerchi in lega da 22 pollici. Il frontale è tipico dei modelli AMG (anche se non esibisce il caratteristico fregio) con una seconda fila di luci diurne a LED posizionata al di sopra del parabrezza. Anche gli interni sono molto esclusivi e non è un caso. Bisogna ora sapere solamente quale sarà l'accoglienza che le verrà riservata a Ginevra, il che determinerà la produzione limitata o in serie di questo modello Mercedes. Anche se c'è da scommettere che il SUV non avrà affatto problemi ad attrarre sguardi e scatti.

I PRIMI DATI TECNICI – Nasce da una costola della sorella maggiore G 63 AMG 6×6, che si caratterizza con il suo sistema a sei ruote motrici. La più mastodontica delle Mercedes, benché ormai fuori produzione (sono stati previsti solamente 100 esemplari in tutto il mondo), sarebbe stata venduta qualche mese fa nel suo ultimo esemplare a tiratura limitata. La tedesca 6×6 da 416.500 euro è mossa da un possente motore V8 biturbo AMG in grado di sprigionare 544 CV e 758 Nm di coppia massima, gestiti grazie ad una trasmissione automatica AMG SPEEDSHIFT PLUS 7G-TRONIC. Il SUV estremo Mercedes è lungo 5.87 metri, largo 2.10 e alto 2.30. Il peso? Si aggira intorno a 3.850 kg. Mercedes non parla di prestazioni, anche perché la vocazione della G 63 AMG va ben al di là dell'accelerazione pura. Una vera auto per le avventure. A proposito di avventure, rimanendo in tema Mercedes, i produttori del prossimo Jurassic Park hanno optato per un crossover di Stoccarda, anche se non si tratterà della Classe G. Nel nuovo film in arrivo comparirà la nuova GLE Coupé. Il crossover di lusso dall'aspetto coupé, sarà l'auto protagonista del nuovo lungo metraggio americano.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 35.000 euro

Attività di parcheggiatore abusivo

Attività di parcheggiatore abusivo: illecito o reato?

Auto elettriche 2020: i problemi più frequenti e su quali modelli