Salone di Detroit: Honda Ridgeline è il pick-up innovativo

Al NAIAS 2016 il Costruttore giapponese torna con un pick-up tecnologico negli Usa e con i dispositivi del pacchetto Honda Sensing è anche sicuro

13 gennaio 2016 - 11:26

Dopo aver tanto parlato di auto sportive e di grandi berline o ammiraglie, il Salone di Detroit ci offre la possibilità di apprezzare le proposte dei costruttori in altri segmenti. La Honda, ad esempio, ha messo “in vetrina” il nuovo Ridgeline, un pick-up che si propone al pubblico americano puntando forte su versatilità, funzionalità e confort. Dopo tutto, gli Usa sono il Paese dei pick-up, una tipologia questa di veicoli da sempre molto apprezzata dagli americani per le capacità utili alle necessità quotidiane. Tra l'altro il Ridgeline è stato progettato e prodotto proprio negli Usa e dispone di tutti i sistemi di sicurezza del pacchetto Honda Sensing, oltre ad avere una struttura solida, che ha ricevuto il massimo punteggio sia nelle prove NCAP, sia nelle valutazioni della NHTSA.

UN RITORNO OBBLIGATO – La nuova generazione del pick-up giapponese era attesa da molto tempo, anche dalla concorrenza e soprattutto dagli americani, che oltre ad amare il segmento in questione hanno sempre visto di “buon occhio” i mezzi del Marchio giapponese (che intanto si “fa largo” anche nel mondo dell'idrogeno, leggi qui le caratteristiche della Clarity). Pertanto la seconda generazione del Ridgeline ha una doppia responsabilità, quella cioè di riconquistare la fetta di mercato lasciata, in passato, ad altri costruttori e quella di riconquistare la fiducia del cliente, proponendo tutto ciò che Honda ha nel suo “bagaglio”. Così l'Azienda nipponica è stata chiara sin da subito e in riferimento alla progettazione del Ridgeline, la sua linea di condotta è stata basata su due punti fermi: offrire soluzioni pratiche e innovative ai clienti, mentre dal punto di vista stilistico era necessario non esporsi troppo con l'innovazione del design, ma prediligere linee più conservative, evitando passi falsi.

A PRIMO IMPATTO – Proprio per questo motivo, quando ci si trova davanti al Ridgeline ci si “scontra” immediatamente con quello spirito conservativo sopra scritto. Questo nuovo pick-up mette da subito in risalto una certa “maturità”, con un design non vecchio, ma oseremmo dire “attuale”, senza però “salti verso il futuro”. Così le sue linee riprendono certamente gli stilemi nuovi del design di Honda, ma non azzardano idee stravaganti. Tutto il resto è sostanza, tornando al punto fermo delle soluzioni pratiche e innovative da offrire ai clienti. Gli interni risultano ben curati, spaziosi e accoglienti e il Costruttore giapponese ha assicurato che sono in grado di offrire il confort tipico dei modelli con scocca portante, offrendo anche qualche soluzione “extra”, come ad esempio l'impianto audio integrato nel vano posteriore da 540 watt per ascoltare musica all'aria aperta, mentre è persino disponibile in opzione un inverter per alimentare accessori esterni.

ABITACOLO E CASSONE – L'abitacolo propone finiture e accessori presenti in segmenti di livello superiore, così nel Ridgeline si scoprono il climatizzatore trizona e il sistema di infotainment con schermo da 8″ compatibile con gli standard Apple CarPlay e Android Auto. Nella zona posteriore il divano a tre posti frazionabile consente di sfruttare ulteriore spazio per il trasporto di eventuali bagagli. Nella zona successiva, il nuovo Ridgeline punta su soluzioni speciali per il vano di carico posteriore, ovvero per il cassone: è stata progettata infatti la doppia apertura della ribaltina, che si può aprire dal lato sinistro o si può far cadere giù nel modo classico; inoltre viene proposto un ampio vano inferiore con coperchio, denominato “In-Bed Trunk”. Il nuovo cassone ha dimensioni più grandi rispetto a quello della vecchia generazione: è largo 1524 mm e lungo 1626 mm ovvero circa 137 millimetri più largo e 100 mm più lungo rispetto al vecchio, mentre la capacità di carico sembra essere stimata a circa 725 kg.

SICURI CON HONDA SENSING – I clienti che sceglieranno di acquistare il nuovo Ridgeline non avranno l'imbarazzo della scelta in merito alla motorizzazione, perché il nuovo pick-up di Honda è al momento disponibile soltanto con un solo propulsore, ovvero il V6 di 3,5 litri i-Vtec aspirato, associato alla trazione anteriore o integrale i-VTM4 e al cambio automatico a sei marce. L'unità a nove rapporti sembra non essere stata presa attualmente in considerazione, una nota invece va menzionata per il Torque Vectoring, un sistema di gestione di marcia del mezzo su tutti i tipi di terreno con neve, fango, sabbia e condizioni normali. Il sistema di trazione integrale con Torque Vectoring fa parte dell'Intelligent Terrain Management, mentre per quanto riguarda la sicurezza sono disponibili i sistemi di supporto alla guida del pacchetto Honda Sensing: il Lane Departure Warning, il Collision Mitigation Braking System, il Forward Collision Warning, il Road Departure Mitigation, il Lane Keeping Assist e il sistema Honda LaneWatch. Oltre a tutti questi contenuti tecnologici di assistenza alla guida, alla Honda sono soddisfatti anche della solidità della struttura del Ridgeline, che ha già ricevuto il massimo punteggio sia nelle prove NCAP, sia nelle valutazioni della NHTSA.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP