Richiamo Toyota per 14 modelli: rischio incendio per i sedili riscaldati

Toyota richiamerà 7749 auto negli USA perché il sistema riscaldante dei sedili potrebbe danneggiarsi e innescare un incendio

14 giugno 2016 - 10:00

I Distributori Toyota del Sud-Est hanno avviato una campagna di richiamo in America per quasi 8.000 veicoli, ai quali sono stati installati dei sedili riscaldabili che potrebbero provocare un incendio e danni ai passeggeri.

IL DIFETTO Sono tanti i modelli di auto che i Distributori Toyota Sud-Est, svincolati dalla casa madre, hanno in progetto di richiamare per evitare danni a passeggeri e conducenti, poiché i sedili riscaldabili potrebbero prendere fuoco a causa di un corto circuito della resistenza interna. Questi componenti sono stati montati successivamente alla produzione dell'auto ed a causa del peso degli occupanti potrebbero vedere i circuiti interni danneggiati.

LE RIPARAZIONI In totale le auto che saranno richiamate saranno 7749, molte dimeno rispetto alle RAV4 coinvolte in un richiamo per le cinture di sicurezza (leggi del richiamo Toyota RAV4 per le cinture), nei seguenti modelli: 4Runner 2005-2011, Avalon 2005-2010, Camry 1988-1990 e 2005-2010, Camry Solara 2006-2008, Corolla 1989 e 2009-2010, Fj Cruisero 2007-2010, Highlander 2005-2011, Prius 2010-2012, RAV4 2006-2011, Squoia 2005-2011, Sienna 2005-2011, Tacoma 2006-2011, Tundra 2005-2010, Venza 2009-2010. I proprietari vedranno il rimborso della cifra di acquisto del componente, poiché non essendo più in commercio le officine provvederanno semplicemente a staccare i connettori per renderlo non più funzionante.

OSSERVATORIO RICHIAMI Il portale SicurAUTO.it mette a disposizione di tutti gli interessati l'Osservatorio Richiami, che consigliamo di consultare periodicamente per essere aggiornati sui richiami che riguardano la sicurezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici