Richiamo mondiale Bmw: 622 mila SUV con problemi agli attacchi Isofix

Gli attacchi Isofix dei seggiolini per bambini potrebbero cedere sui modelli X3, X4, X5, X6: il richiamo obbligatorio per rinforzare le staffe

17 giugno 2016 - 9:00

L'americana NHTSA ha segnalato dei problemi sugli attacchi Isofix di diversi modelli di BMW. Parte allora la campagna richiami, che abbraccerà circa 622 mila modelli in tutto il mondo, dei quali circa 189 mila negli USA.

IL PROBLEMA Sulle BMW X3 ed X4 l'attacco Isofix composto da una barra rigida potrebbe danneggiarsi qualora vengano utilizzati sistemi di aggancio rigidi, creando così un problema per la sicurezza del bambino ed una debolezza dell'aggancio stesso. Le auto coinvolte nella campagna di richiamo della BMW sono le BMW X3 sDrive28i, xDrive28i e xDrive35i prodotte dal 2011 ad oggi, le BMW X3 xDrive28d prodotte dal 2015 e le BMW X4 xDrive28i, xDrive35i e xDriveM40i venduta dal 2015. Un totale di 188.668 macchine che dovranno rientrare in officina.

LA SOLUZIONE La campagna di richiamo prevede il rientro in officina di tutte le auto coinvolte così che i tecnici possano rinforzare la zona dell'attacco. Ovviamente ogni proprietario verrà contattato per essere messo al corrente della situazione e non dovrà pagare alcuna somma per il ripristino delle condizioni di sicurezza.

OSSERVAATORIO RICHIAMI Il portale SicurAUTO.IT mette a disposizione degli internauti l'Osservatorio Richiami: è un utile strumento che racchiude un database di campagne di richiamo veicoli con oggetto la sicurezza, e consigliamo di visitarlo periodicamente per evitare di “perdersi” importanti richiami sulla propria auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona