Richiami Volkswagen per le vibrazioni sui motori TDi 2.0

Un lettore ci segnala un richiamo per i motori VW 2.0 TDi ma per adesso risulta ufficialmente solo quello sulle Audi 3 2.0 TDi

18 gennaio 2012 - 7:00

Ringraziamo anzitutto il lettore “energia” per averci sottoposto gli interessanti quesiti relativi al richiamo (cod. 23K2) riguardante vari modello di Volkswagen: Golf, Tiguan, Passat con motorizzazione 2.0 TDi. Proprio pochi giorni dopo la sua segnalazione ci risulta che analogo richiamo coinvolge anche un certo numero di Audi A3 (in Italia 1040 esemplari) con analoga motorizzazione TDi 2.0 prodotte nel periodo 2008-2011. Il cod. richiamo in questo caso è 23J8. In tutta evidenza, si tratta quindi di un richiamo di tipo trasversale che interessa modelli VW e Audi con stessa motorizzazione (anche se quello Volkswagen deve essere ancora inserito nell'albo richiami).

CAUSE E RIMEDI – Tale richiamo è stato necessario per ovviare a problemi di “vibrazioni di risonanza” sulla tubazione carburante di alta pressione che potrebbero causare incrinature sulla tubazione stessa con conseguenti perdite di gasolio e, nel peggiore dei casi, rischio di incendio. L'intervento consiste nel montaggio di uno smorzatore di vibrazioni con un tempo di mano d'opera di 0,25 (15 min.).

COME NASCE UN RICHIAMO – Generalmente i richiami e le azioni di servizio vengono decisi dalle Case solo a seguito di un certo numero di segnalazioni o reclami da parte della rete di assistenza o della clientela. A seguito di tali segnalazioni i costruttori effettuano verifiche anche in produzione, atte ad individuare il range dei telai interessati al potenziale problema ed il periodo di fabbricazione dei veicoli coinvolti. Può anche accadere che il range (cioè la forbice) dei telai interessati al richiamo, inizialmente stabilito, venga poi esteso anche ad altri esemplari. E' intuitivo che la rapidità nell'effettuare l'intervento correttivo sia un elemento fondamentale, soprattutto nei richiami che riguardano la sicurezza del veicolo. Qualsiasi ritardo nell'informare gli utilizzatori e nell'organizzare il risanamento tecnico delle vetture coinvolte già circolanti, può creare verosimilmente situazioni di pericolo. Infatti la Toyota, ha subito di recente una pesantissima multa negli USA per non aver effettuato tempestivamente il richiamo sul pedale acceleratore (rischio di bloccaggio), nonostante fosse da tempo a conoscenza di svariati casi di incidenti anche gravi causati da tale inconveniente.

PARLIAMO DI VIBRAZIONI – Tornando al caso specifico segnalatoci dal lettore, è opportuno ricordare che un fenomeno di risonanza è maggiore se la frequenza della vibrazione proveniente dalla fonte è vicina alla frequenza dell'elemento risuonatore. Se la frequenza della fonte è “fisiologica” e non modificabile, bisogna agire sulla frequenza del risuonatore modificandola al fine di eliminare o ridurre notevolmente la fastidiosa risonanza. Probabilmente è ciò che si ottiene montando lo smorzatore citato nel richiamo in oggetto. Se l'intervento attuato da VW si rivelerà efficace e definitivo nel tempo, si potrà affermare che il fabbricante abbia rispettato i propri obblighi legali e contrattuali. Come già detto in precedenza, un eventuale ritardo nell'ufficializzare un richiamo che riguarda la sicurezza è sempre un fatto deprecabile che comporta oggettive responsabilità del fabbricante. Il rischio potenziale che corrono gli utilizzatori nel periodo di “non conoscenza” del problema è reale sebbene non facilmente quantificabile.

SERVE LA LETTERA? – La richiesta del riparatore autorizzato della lettera (basta fornire la fotocopia) inviata ai clienti è una prassi diffusa anzitutto per attestare alla Casa quanti clienti si sono realmente presentati per il richiamo dopo il ricevimento della stessa. Il riparatore/venditore è in possesso dell'elenco dei telai delle vetture coinvolte da esso vendute e dovrà compilare la “richiesta di garanzia” per ogni vettura contromisurata anche se venduta da altra concessionaria. Taluni richiami importanti che coinvolgono un gran numero di esemplari, sono effettuabili nel corso di alcuni anni fino al raggiungimento di almeno il 90% di veicoli contromisurati. E' molto improbabile che il riparatore/venditore o il costruttore rilascino, a semplice richiesta del cliente, una dichiarazione impegnativa scritta di “ragionevole certezza di qualità” a seguito del richiamo effettuato. Per non farlo, almeno in Italia, si appellerebbero a mille cavilli legali e contrattuali.

4 commenti

Carlo
14:26, 18 gennaio 2012

Buon giorno, in merito alla segnalazione sulla rumorosità dei VW2.0TDI volevo chiedere se anche per la Skoda è previsto tale richiamo in quanto utiliza i medesimi propulsori. Sono possessore di una Yeti che per il momento sembra funzionare bene. Premetto che non sono del mestiere, quindi descrivo solo la mia impressione di autista, tuttavia le vibrazioni mi sembrano quelle che normalmente uno si può aspettare da un motore diesel. Anticipatamente ringrazio per le eventuali info che potrete darmi. Buona giormnata. Carlo.

Carlo
20:47, 22 gennaio 2012

Sig. Roberto buona sera e grazie per la preziosa informazione. Dopo aver visionato il sito governativo ho provveduto ad inviare una mail alla Skoda per chiedere se anche il mio veicolo è interessato al richiamo. Cordiali saluti. Carlo.

franco
12:18, 3 marzo 2012

ho una passat del 2011 con problemi al navigatore/radio/telefono
quanto devo aspettare per la risoluzione del problema?
grazie
saluto

Fernando
9:37, 31 marzo 2012

Ho comprato un WV Crafter nel Febbraio 2012

A poco meno di 10mila km ho notato un'usura pessima sul sedile di guida il quale si è infeltrito ed è rovinato. Premetto che tale mezzo è usato solo da me e con abbigliamento normale senza tute con rinforzi eventuali etc. La casa madre dice: non passa in garanzia, è un discorso di usura!! Ma scherziamo??

Mi raccomando state attenti, non consiglio tale acquisto e non consiglio la VW di Sassari in quanto sono da mesi che attendo una loro risposta in merito all'eventuale garanzia (che non avverrà mai) senza nessun esito.

Tornerò al mio adorato Mercedes Sprinter

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?