Renault richiama Espace V, Talisman e Megane IV per problemi di inquinamento

Potrebbe verificarsi un inquinamento da particelle metalliche o plastiche nel gruppo idraulico

15 febbraio 2017 - 12:00

È stato appena pubblicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un richiamo relativo alle Renault Espace V, Talisman e Megane IV con blocco idraulico di frenatura prodotte tra febbraio 2016 ed aprile 2016. Grazie al nuovo servizio Richiami Auto, SicurAUTO.it è in grado di avvisarvi in tempo reale di questo nuovo richiamo tecnico. Ecco i suoi contenuti:

Nuovo richiamo: Renault S.a.s.

Modelli: Espace V/talisman/megane Iv Con Blocco Idraulico Di Frenatura

Periodo: FEB 2016 – APR 2016

Numero veicoli: 588

Difetto: POSSIBILE INQUINAMENTO DA PARTICELLE METALLICHE O PLASTICHE NEL GRUPPO IDRAULICO

Azioni correttive: EVENTUALE SOSTITUZIONE

Riferimento: 800910199

Note: COD 0CC4 TELAI CONCESSIONARI

Queste sono le uniche informazioni diramate dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per maggiori informazioni riguardo a questo richiamo, cliccate qui . È disponibile anche sul nostro sito l'elenco completo dei richiami Renault con il grafico relativo all'andamento nel tempo dei richiami di questa Casa automobilistica.

SERVIZIO RICHIAMI L'Osservatorio Richiami di SicurAUTO.it è un servizio unico in Italia che monitora tutti i richiami tecnici per l'eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti. Ideato già ad agosto, l'Osservatorio è stato sviluppato e migliorato prima di essere diffuso al largo pubblico. Sono già disponibili anche le due App, iPhone e Android, per consultarlo in mobilità. Solo nelle applicazione per Smartphone sono disponibili i report con gli ultimi richiami pubblicati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche: in Germania il crollo peggiore di tutta l’Europa

Noleggio autobus con autista: servizi, prezzi e preventivo gratis

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023