Problemi con l'airbag passeggero: Toyota richiama Picnic, Corolla e Yaris

Il dispositivo di gonfiaggio dell'airbag lato passeggero potrebbe rompersi con conseguenti lesioni. Coinvolti nel richiamo oltre 216mila veicoli

12 giugno 2015 - 12:00

È stato appena pubblicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un richiamo relativo alle Toyota Picnic, Corolla e Yaris prodotte tra gennaio 2001 e marzo 2007. Grazie al nuovo servizio Richiami Auto, SicurAUTO.it è in grado di avvisarvi in tempo reale di questo nuovo richiamo tecnico. Ecco i suoi contenuti:

Nuovo richiamo: Toyota Motor Europe Marketing & Engineering S.a.

Modelli: Pic Nic, Corolla e Yaris

Periodo: GEN 2001 – MAR 2007

Numero veicoli: 216500

Difetto: POSSIBILE ROTTURA DISPOSITIVO GONFIAGGIO AIRBAG PASSEGGERO E CONSEGUENTI LESIONI

Azioni correttive: SOSTITUZIONE GONFIAGGIO

Riferimento: 800252527

Note: COD 5KET039 TELAI CONSULTARE CONCESSIONARI

Queste sono le uniche informazioni diramate dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per maggiori informazioni riguardo a questo richiamo, cliccate qui . È disponibile anche sul nostro sito l'elenco completo dei richiami Toyota con il grafico relativo all'andamento nel tempo dei richiami di questa Casa automobilistica.

SERVIZIO RICHIAMI – L'”Osservatorio Richiami” di SicurAUTO.it è un servizio unico in Italia che monitora tutti i richiami tecnici per l'eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti. Ideato già ad agosto, l'Osservatorio è stato sviluppato e migliorato prima di essere diffuso al largo pubblico. Sono già disponibili anche le due App, iPhone e Android, per consultarlo in mobilità. Solo nelle applicazione per Smartphone sono disponibili i report con gli ultimi richiami pubblicati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?