Problemi col riscaldamento del carburante: Peugeot richiama vari modelli

Il dispositivo di riscaldamento del carburante potrebbe avere problemi di conformità per questo Peugeot richiamerà diversi modelli con motore 2.0 HDI

14 aprile 2016 - 12:00

È stato appena pubblicato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti un richiamo relativo a diversi modelli 2.0hdi della Peugeot prodotti tra settembre 2012 e dicembre 2014. Grazie al nuovo servizio Richiami Auto, SicurAUTO.it è in grado di avvisarvi in tempo reale di questo nuovo richiamo tecnico. Ecco i suoi contenuti:

Nuovo richiamo: Peugeot Automobili Italia S.p.a.

Modelli: Vari Modelli 2.0hdi (dw10c)

Periodo: SET 2012 – DIC 2014

Numero veicoli: 8959

Difetto: POSSIBILE NON CONFORMITA' DISPOSITIVO RISCALDAMENTO CARBURANTE

Azioni correttive: SOSTITUZIONE COPERCHIO FILTRO GASOLIO ED EVENTUALE FASCIO ALIIMENTAZIONE ELETTRICA

Riferimento: 800900901

Note: COD ZZV

Queste sono le uniche informazioni diramate dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per maggiori informazioni riguardo a questo richiamo, cliccate qui . È disponibile anche sul nostro sito l'elenco completo dei richiami Peugeot con il grafico relativo all'andamento nel tempo dei richiami di questa Casa automobilistica.

SERVIZIO RICHIAMI – L'”Osservatorio Richiami” di SicurAUTO.it è un servizio unico in Italia che monitora tutti i richiami tecnici per l'eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti. Ideato già ad agosto, l'Osservatorio è stato sviluppato e migliorato prima di essere diffuso al largo pubblico. Sono già disponibili anche le due App, iPhone e Android, per consultarlo in mobilità. Solo nelle applicazione per Smartphone sono disponibili i report con gli ultimi richiami pubblicati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sciopero 25 febbraio 2022 metro bus

Fermata autobus: regole per veicoli e pedoni

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre