Pneumatici invernali: l'acquisto corre sul web

L'obbligo di utilizzare gli pneumatici invernali è scattato il 15 ottobre. Ecco come evitare file e strappare sconti interessanti

21 ottobre 2015 - 12:08

Finita l'aria d'estate, l'inverno è ormai alle porte e con esso arriva anche il tanto atteso cambio gomme. In molti comuni sono già partite le ordinanze dal 15 ottobre 2015, vedi l'elenco aggiornato, mentre in altre zone d'Italia l'obbligo delle gomme invernali o delle catene  a bordo scatterà con ritardo e a  macchia di leopardo. A differenza di qualche anno fa, quando gli automobilisti attendevano l'ultimo giorno utile al cambio  e rischiavano di finire nelle interminabili liste d'attesa per scorte esaurite, il web ha cambiato il modo di preparare l'auto all'inverno. Tra sconti, consulenza e risparmio di tempo vediamo come l'automobilista non deve più accontentarsi di quello che l'installatore può offrire e fare una scelta consapevole e sicura.

VANTAGGI DELLE INVERNALI – Che in inverno le strade siano per lo più bagnate è un'evidenza sotto gli occhi di tutti. Quello che invece desta meno sospetti e preoccupazioni è la variabilità delle condizioni dell'asfalto quando la temperatura scende sotto i 10 °C. E' da questa temperatura in giù che le gomme invernali mitigano i passaggi da asfalto bagnato, ghiacciato, innevato o freddo garantendo direzionalità e aderenza all'auto anche nelle situazioni di emergenza improvvise. Rispetto agli pneumatici estivi le gomme termiche sono realizzate con una mescola ad elevato contenuto di silice, per garantire migliore aderenza alle basse temperature (ecco perché è solo antieconomico usarle in estate ma non illegale). Inoltre, il battistrada presenta una maggiore tassellatura con lamelle che migliorano la presa su neve e ghiaccio. Per molti automobilisti è un investimento a lungo termine (neppure poi tanto più costoso rispetto alle gomme estive – in media circa il 30%) visto che scambiandole con le estive è possibile rimandare ulteriormente la sostituzione di entrambi gli equipaggiamenti. I più aggiornati, poi, riescono a trarre ulteriore vantaggio acquistando le gomme online che le consegnano a casa o direttamente presso l'officina che le installerà, accordandosi preventivamente con l'autoriparatore. Un trend che molte aziende hanno assecondato ma poche con autentici servizi di consulenza in lingua italiana, con unesperto gommista in linea, pronto a rispondere ad ogni domanda su caratteristiche prezzi e compatibilità.

SCEGLIERE BENE E USARLE MEGLIO – Mentre per le gomme estive si fa presto a scegliere quelle più sicure consultando anche le prove delle associazioni dei consumatori, con le gomme invernali  non sempre è facile districarsi tra dimensioni e indice di velocità. Il Codice della Strada, infatti, consente il montaggio di pneumatici invernali con un indice di velocità inferiore rispetto a quello riportato sul libretto (non inferiore a Q), questo però ingenera confusione nella scelta e nell'obbligo di doverle smontare una volta terminate le ordinanze, pena una sanzione di 419 euro. Se si utilizzano pneumatici invernali o M+S con indice di velocità inferiore a quello riportato sulla carta di circolazione bisogna smontare le gomme entro il 15 maggio per non venire multati. Questo significa, che, come SicurAUTO.it ha più volte ribadito, nulla vieta di circolare con pneumatici invernali con l'esatto indice di velocità del libretto anche d'estate.

GOMME INVERNALI PER L'ESTATE – Una valutazione a se va fatta invece sul piano della sicurezza, poiché non smetteremo mai di ripetere che, anche se perfettamente legali, le gomme invernali d'estate non garantiscono la stessa aderenza a temperature superiori a 10 °C. Indubbiamente se l'asfalto è asciutto potreste non accorgervi mai di particolari differenze nella guida in città, ma basta una frenata di emergenza a velocità sostenute su asfalto bagnato a 30°C per accorgersi del paradosso normativo, che obbliga a montarle ma non a toglierle. Negli ultimi anni i maggiori costruttori di pneumatici ci hanno messo una toppa, seguendo anche le necessità di chi non ha spazio in garage per conservare durante l'estate le gomme invernali ma soprattutto del clima in continuo cambiamento, così hanno realizzato le gomme estive con la certificazione invernale 3PMS. Il principio secondo i produttori è opposto alle gomme All season: mentre queste sono ottenute partendo dalle gomme invernali con peculiarità spiccatamente estive, le nuove gomme quattro stagioni innovative seguono il percorso di progettazione inverso. Nei test si sono rivelate la scelta mediamente adatta ad affrontare con sicurezza le strade invernali ed estive, ovviamente senza la presunzione di ricercare quelle prestazioni caratteristiche delle invernali “pure”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Prezzo benzina oggi: quanto costa dopo l’aumento delle accise?

Autolavaggi in zona: come trovarli online

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035