Michelin “Check&Go”: controlli gratuiti sulla salute dei pneumatici in 17 città italiane

Arriva in 17 città italiane "Check&Go", iniziativa Michelin per il controllo dello stato di usura dei pneumatici attraverso una tecnologia laser

8 maggio 2019 - 17:42

Non è la prima volta che Michelin da avvio a iniziative di questo tipo. L’azienda francese è periodicamente protagonista di iniziative che promuovano un corretto uso dell’auto, sia in ottica di un aumento della sicurezza, sia di migliorare l’efficienza delle auto per ridurre consumi ed emissioni inquinanti. Oggi è la volta del progetto Check&Go, che vuole porre l’attenzione sullo stato di salute dei pneumatici, per informare gli automobilisti dell’importanza di controlli periodici proprio sulle gomme e sul loro stato di usura.

IL CONTROLLO VIA LASER

Con il progetto Check&Go, Michelin, grazie all’installazione di strutture dedicate, potrà verificare in pochissimi secondi lo stato di salute del battistrada di ogni singolo pneumatico. Lo farà grazie all’utilizzo di un’innovativa tecnologia laser. Effettuata l’analisi, comunicherà all’istante il risultato del test agli automobilisti coinvolti. Dopo questo primo riscontro, Michelin invierà un resoconto dettagliato via email, nel quale saranno contenuti anche consigli, raccomandazioni e suggerimenti in base ai dati raccolti.

17 CITTÀ, 23 GIORNATE

Con il progetto Check&Go, Michelin darà il via ad un vero e proprio tour per le città della penisola. Le aree per i test saranno allestite infatti presso i centri commerciali o gli outlet di 17 città italiane, dove per 23 giorni complessivi gli automobilisti potranno far controllare i pneumatici delle proprie vetture. La prima città toccata da Check&Go sarà Milano, dove l’iniziativa prenderà il via il prossimo 11 maggio. Poi sarà la volta di Brescia, Cuneo, Torino, Parma, Padova, Udine, Vicenza, Ravenna, Bologna, Livorno, Grosseto, Firenze, Perugia, Ascoli, Roma, Napoli.

UNA QUESTIONE DI SICUREZZA

Emanuele Quattrin, Digital & Consumer Experience Manager di Michelin, ci ha tenuto ha spiegare l’importanza del progetto. “Un’erronea convinzione diffusa tra gli automobilisti e molti addetti ai lavori mette in relazione la profondità del battistrada con la sicurezza. Inducendo a sostituire i pneumatici quando sono ancora lontani dal limite legale di usura. Ciò ha un impatto negativo sulle tasche degli automobilisti. Che devono affrontare la spesa del cambio gomme con maggiore frequenza. Ma anche sull’ambiente, a causa del maggiore utilizzo, e successivo smaltimento, delle gomme”.

NON CONTA SOLO L’USURA

“Con Check&Go vogliamo sfruttare l’opportunità offerta dagli strumenti digitali – continua Quattrin – Consente di promuovere la cultura della sicurezza stradale. Molti non sanno che, con l’usura, alcune caratteristiche del pneumatico migliorano. Infatti, su asciutto, più vicini si è al limite legale, ovvero 1,6 mm, più aumenta la sicurezza e migliora il consumo di carburante. La frenata su asfalto bagnato è invece la principale prestazione che con l’aumentare dell’usura tende a deteriorarsi. Tuttavia, non tutti i pneumatici sono uguali. E l’evoluzione delle loro prestazioni è differente da un prodotto all’altro. In questo contesto, l’impegno di Michelin è chiaro. Sviluppare pneumatici che siano sicuri e performanti fino al limite legale di usura”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Estate 2019: il 57% degli italiani farà le vacanze in auto

Nuova Renault ZOE 2019: nuovi interni hi tech e autonomia a 390 km

USA: la pizza a domicilio arriverà con la guida autonoma di Nuro