Cambio gomme 2021: il 64% dei tedeschi usa ancora le gomme invernali

Automobilisti tedeschi in ritardo con il cambio gomme 2021, ma più attenti all’usura e all’età degli pneumatici che utilizzano

11 maggio 2021 - 9:52

Il cambio gomme 2021 è ormai avviato, anche se la primavera si è fatta attendere un po’ ovunque e molti automobilisti hanno rimandato il passaggio alle gomme estive. E’ quanto viene fuori da un’indagine Dekra in Germania su un campione di 1000 vetture sottoposte ai controlli periodici. Oltre la metà viaggia ancora con le gomme invernali, ma c’è altro riguardo a usura pneumatici e controllo della pressione delle gomme.

CAMBIO GOMME 2021: OLTRE 1 AUTO SU 2 CON PNEUMATICI INVERNALI

L’indagine Dekra sul cambio gomme 2021 ha coinvolto oltre 4.200 pneumatici nell’ambito della campagna presso le filiali di Oldenburg, Minden, Chemnitz, Monaco, Planegg e Rosenheim. Sono stati attenzionati i veicoli che per età e chilometraggio sono rappresentativi del parco circolante tedesco. Oltre all’età degli pneumatici, alla profondità del battistrada e alla pressione di gonfiaggio, è stato anche verificato se erano stati installati pneumatici estivi, invernali o per tutte le stagioni. Ma anche se erano stati rispettati i consigli di installazione e utilizzo.

QUANDO SONO CONSIGLIATE LE GOMME INVERNALI O 4 STAGIONI

Durante la campagna di verifiche dal 6 al 30 aprile, è risultato che il 64% dei veicoli aveva pneumatici adatti all’inverno con il simbolo della montagna con il fiocco di neve. Circa il 12% degli pneumatici invece erano 4 stagioni. “Ovviamente ci sono differenze regionali da considerare”, afferma Christian Koch, esperto di pneumatici Dekra. “Ai piedi delle Alpi, gli pneumatici per tutte le stagioni sono sconsigliati perché sono meno efficaci dei veri pneumatici invernali. D’altra parte, possono essere le gomme giuste per un inverno nel Mare del Nord, ad esempio”.

AL CAMBIO GOMME 2021, LA META’ DEGLI PNEUMATICI HA CIRCA 3 ANNI

Circa la metà delle auto montava pneumatici prodotti 3 anni prima. Il 45% degli pneumatici esaminati proveniva da lotti di produzione 2018 e successivi, come afferma il rapporto. Il 14% delle gomme aveva 7 anni o più, mentre meno del 5% aveva oltre 10 anni. Solo lo 0,4% delle auto è stata trovata con gomme di circa 20 anni. “Consigliamo di far controllare gli pneumatici che hanno più di sette anni da uno specialista per vedere se sono ancora sicuri”, afferma Koch. “Quando uno pneumatico ha 10 anni, dovrebbe essere sostituito”. Per quanto riguarda la pressione di gonfiaggio e l’usura invece il quadro generale al controllo Dekra è stato abbastanza positivo. “C’erano pochi valori anomali per la pressione di gonfiaggio e alcuni molto bassi: il record negativo è stato di 0,8 bar sotto il valore consigliato”. Circa il 74% delle gomme aveva uno spessore di 5 millimetri o più, mentre l’11% era inferiore a 4 millimetri e il 2,5% sotto i 3 millimetri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sicurezza stradale: lo spettacolo “I Vulnerabili” va in DAD

Auto usata: le 5 truffe più diffuse da cui stare alla larga

Green Pass Covid

Green Pass Covid: come funziona e come ottenere la Certificazione verde