Pirelli Cinturato P7 Blue, più durata ed efficienza da doppia A

La versione 2017 porterà la doppia A su quasi tutte le misure con risparmi di carburante e una durata più lunga del 10%

18 luglio 2017 - 10:14

Quello del Cinturato P7 Blue della Pirelli, è un ottimo esempio di come, la ricerca continua dell'efficienza e delle performance, riesca a portare una chiara e netta evoluzione nella specie. Già nel 2012 avevamo avuto modo di entrare a contatto con le ottime performance di questo pneumatico (leggi qui la nostra prova), il primo in grado di ottenere la doppia sigla “A”, un certificato di eccellenza e tecnologia. La versione 2017 rinnova i contenuti tecnologici in termini di efficienza, prestazioni e durata in ogni condizione di guida del Cinturato P7 Blue che coprirà quasi il 100% delle misure disponibili.

DA DOVE NASCE LA DOPPIA A Nel 2011, il Parlamento Europeo, emanò un regolamento riguardo la classificazione degli pneumatici meglio nota come etichettatura europea delle gomme, scopri qui a cosa serve davvero, comprendente due sostanziali criteri energetici di valutazione per aiutare i consumatori nella scelta: resistenza al rotolamento – scopri come si calcola e grip sul bagnato. La classificazione va da un minimo (evidenziato dalla lettera G) ad un massimo (ovvero la lettera A). I Pirelli Cinturato P7 Blue sono stati in grado, come lo sono tuttora, di raggiungere il massimo dei voti in entrambi i criteri, grazie a tecnologie migliorative delle prestazioni. In questi anni infatti, il Cinturato P7 ha conosciuto una costante evoluzione, richiesta anche da un mercato dell'auto che sta puntando sempre più all'efficienza e alla sostenibilità, migliorando di pari passo la propria offerta. La nuova generazione di gomme Pirelli, presenta una bassissima rolling resistance, che per l'automobilista che le sceglie si traduce in un risparmio di carburante e successiva riduzione nell'emissioni di CO2. Un “doppio colpo” della Casa milanese, che con un solo prodotto riesce ad accontentare un gran numero di esigenze. Ma cosa sta alla base di questo miglioramento?

IL LOW ROLLING TECHNOLOGY PACKAGE Sviluppato nello stabilimento tecnologicamente più avanzato di Pirelli, quello di Settimo Torinese, combina nuovi processi costruttivi che riguardano l'area della cintura dello pneumatico e l'utilizzo di materiali più recenti ed innovativi. Pirelli ha ricerca anche sulle diverse fasi di vulcanizzazione della gomma, il che ha permesso di individuare le temperature ideali di esercizio degli pneumatici, in un'area critica come quella della cintura, portando a notevoli benefici per quanto riguarda sicurezza e performance in tutte le condizioni, rendendo la pressione interna più omogena in tutte le aree. A questo si aggiunge l'utilizzo di una nuova generazione di materiali interni brevettati per ridurre la rolling resistance, con tutti i benefici che abbiamo citato poco più su.

MAGGIORE DURATA Questa evoluzione ha portato ad altri miglioramenti rispetto alla versione precedente, con un aumento della durata del 10% rispetto alla versione precedente. Insomma, una buona occasione per chi, con il cambio di stagione, sta puntando a cambiare i propri pneumatici, magari in vista delle partenze estive per non farsi trovare impreparati ai controlli su strada viaggiare più sicuri (leggi qui l'operazione della Polstrada Vacanze Sicure e le nostre news sugli pneumatici).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acquisto auto nuova: per il 50% degli europei con un motore a combustione

Tesla usata: quanto dura la garanzia del Costruttore?

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più