Pedoni salvati dalla visione notturna, arriva la prima termocamera per AEB

La visione notturna sulla nuova Volkswagen aumenterà la sicurezza di pedoni in condizioni di visibilità ridotta. Ecco come funziona la termocamera

4 maggio 2018 - 11:27

La frenata automatica AEB è il sistema ritenuto più indispensabile dagli italiani, secondo solo (stranamente) al navigatore satellitare integrato a bordo; leggi qui la classifica dei 10 accessori più richiesti dagli italiani. Tutti ormai riconoscono il contributo alla sicurezza di guida di quella telecamera che trova posto sotto al retrovisore centrale sul parabrezza (in questo video mostriamo come si ripara un parabrezza intelligente con telecamera) che si può richiedere anche su auto più democratiche che non ambiscono a clienti facoltosi. Se dopo la telecamera stereoscopica che simula la vista umana per riconoscere meglio la distanza dagli ostacoli e frenare in modo più efficace – leggi qui come funziona in un nostro test in anteprima, pensavate che si fosse raggiunto lo stato dell'arte dell'innovazione in fatto di tecnologia applicata alla sicurezza di guida dovrete ricredervi, poiché presto le auto saranno dotate di termocamera, abbinata ai sistemi convenzionali, per riconoscere in modo più efficace i pedoni e gli animali in strada. L'annuncio è di Volkswagen all'albo del lancio di un nuovo modello, ecco quali novità ci attendono!

SARA' ABBINATA AI FARI LED MATRIX La nuova Volkswagen Touareg sarà lanciata sul mercato con una serie di innovazioni progettate per ridurre al minimo le situazioni al volante e sarà il primo modello Volkswagen disponibile con il sistema di assistenza Night Vision. Una telecamera ad infrarossi integrata nella parte anteriore della macchina registra la radiazione infrarossa proveniente da un organismo vivente. Se la videocamera rileva persone o animali, il sistema avverte il conducente entro i limiti di tolleranza di funzionamento. Un'innovazione importante che dovrebbe ridurre ulteriormente il rischio di mettere in pericolo i pedoni, soprattutto quando si è lontani da strade cittadine ben illuminate, ma anche la sicurezza dei passeggeri che spesso finiscono fuori strada per evitare un animale che sbuca all'improvviso. Il sistema night vision sarà abbinato esclusivamente ai fari LED matrix IQ Light che illuminano i pedoni a rischio investimento senza abbagliare le altre auto a velocità superiori a 60 km / h quando non sono nelle aree urbane per renderle ancora più visibili al conducente.

COME FUNZIONA LA TERMOCAMERA Uno sguardo dettagliato alle caratteristiche del sistema: la telecamera a infrarossi può registrare oggetti come pedoni in piedi a patto che non siano nascosti, ciclisti e animali selvatici più grandi a una distanza compresa tra 10 e 130 metri davanti all'auto. Se il sistema si accorge che la traiettoria impostata dal guidatore coincide con un corridoio di sicurezza del target rilevato, il guidatore viene avvisato tramite uno schermo nel Digital Cockpit – il pannello degli strumenti digitali della Touareg.

COSA SUCCEDE ENTRO E OLTRE 50 KM/H Se invece i pedoni e gli animali sono vicini, ma al di fuori del corridoio di sicurezza verranno evidenziati in giallo nell'immagine in bianco e nero creata dal sistema di visione notturna; appena si muovono all'interno della zona di rischio le figure contrassegnate in giallo diventano rosse. Anche se il display per il sistema di visione notturna non è attivato nel Digital Cockpit –  fa sapere Volkswagen -, lo schermo passa automaticamente alla night view quando viene rilevato un pericolo a velocità superiori a 50 km/h. A velocità inferiori a 50 km/h invece, sul quadro strumenti si accende un segnale di avvertimento rosso senza display attivo con un avviso acustico. Allo stesso tempo, se il conducente non interviene, il sistema di frenata è preimpostato per fornire la massima forza per decelerare l'auto prima possibile.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi