Subaru Legacy 2019, ora con riconoscimento facciale

La settima generazione della Subaru Legacy debutta al Salone di Chicago con un inedito sistema di riconoscimento facciale per rilevare chi guida

12 febbraio 2019 - 10:35

La Subaru Legacy festeggia i suoi primi trent'anni di presenza sul mercato e per farlo sfrutta l'annuale edizione del Salone di Chicago per mostrarsi al mondo nella sua settima generazione. Un salto avanti molto importante dal punto di vista tecnologico ed essendo sviluppata sulla moderna piattaforma Subaru Global Platform, porta all'esordio per il modello, una ricca serie di sistemi di assistenza alla guida. Tra questi spicca il Driving Monitoring System, che non si limita a tenere sotto controllo la stanchezza del conducente, ma tramite il suo sistema di riconoscimento facciale può anche capire chi in quel momento siede al volante, regolando di conseguenza la posizione del sedile, degli specchietti e modificando anche la temperatura del climatizzatore.

DESIGN TUTTO NUOVO Se il frontale della nuova Subaru Legacy non ha stravolto le linee della generazione uscente, lo stesso non si può dire del posteriore. Qui, infatti, gli sforzi dei designer giapponesi si sono incentrati sul disegno dei fanali, completamente nuovo e sulla forma del montante C. Cambiano leggermente anche le proporzioni. L'ultima evoluzione della berlina delle Pleiadi, infatti, è più lunga di 40 millimetri rispetto al passato, portando la lunghezza della vettura a 4,84 metri. Al capitolo motori, due saranno quelli disponibili, entrambi benzina ed entrambi boxer. Il primo sarà un un 2.5 aspirato da 184 CV, il secondo un 2.4 questa volta turbo da 260 CV. Entrambi abbinati alla trazione integrale.

INFOTAINMENT VERTICALE Decisamente più rivoluzionari, invece, gli interni della nuova Subaru Legacy 2019. Si tratta infatti del primo modello di Subaru ad essere dotato del nuovo sistema di infotainment Starlink. Questo è caratterizzato da un'interfaccia costituita da uno schermo touch da 11,6 pollici a sviluppo verticale. Il sistema assicura la compatibilità con i sistemi Apple CarPlay e Android Auto ed è presente anche l'hotspot wi-fi di bordo. Il nuovo sistema, inoltre, limita notevolmente la presenza di comandi fisici in plancia. Anche quelli del climatizzatore, infatti, sono riprodotti sullo schermo del sistema di infotainment.

TI LEGGE IN VISO Importanti novità anche sul fronte dei sistemi di assistenza alla guida. La nuova Subaru Legacy, infatti, sfrutta il pacchetto Adas EyeSight. Questo sfrutta il lavoro di due telecamere stereo montate dietro il parabrezza, nella parte alta, per monitorare costantemente le condizioni della strada intorno al veicolo. L'EyeSight include sistemi come l'Advanced Adaptive Cruise Control con Lane Centering per il mantenimento della carreggiata e ancora il Pre-collision Braking e, novità assoluta al debutto proprio sulla Legacy, il Driving Monitoring System. Questo è in grado di monitorare lo stato di attenzione del conducente, ma non solo. Attraverso una serie di sensori capaci di scansionare il viso del conducente, il sistema è in grado di ricollegare il volto di chi guida a un profilo di guida preimpostato e di richiamarne quindi i parametri quali, posizione del sedile e degli specchietti e anche la temperatura interna dell'abitacolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Nuova Nissan Micra 2019: per l’Italia arriva la versione GPL

Hyundai Venue: ecco la crossover compatta globale

Mercedes GLS 2019: più autonoma e con l’assistente per tutti i passeggeri