Skoda svela la Kamiq: il piccolo SUV in arrivo nel 2019

Skoda allarga la famiglia dei SUV. Dopo Kodiaq e Karoq, ecco come sarà la compatta Kamiq pensata per la città

1 febbraio 2019 - 14:08

Per vederla dal vivo si dovrà attendere il Salone di Ginevra, in programma dal 5 a 17 marzo, ma la Skoda Kamiq anticipa le forme del nuovo modello con un bozzetto che ne svela da vicino le fattezze. La Kamiq ha dimensioni compatte, tipiche di un city-SUV, ma muscoli ben in vista. Il frontale, molto aggressivo, introduce un elemento di forte personalità come i fari sdoppiati e una nuova calandra che, ai lati, tende ad allargarsi verso la parte superiore. Il paraurti, invece, tende ad enfatizzare la sagoma con una presa d'aria larga quanto l'auto e un baffo cromato che corre da lato a lato. La Kamiq, in più di un elemento, anticipa alcuni stilemi che caratterizzeranno le Skoda di prossima uscita. Tra questi, ad esempio, la scritta posteriore con il nome della Casa, che da adesso in avanti fregerà ogni modello.

PARENTELA ILLUSTRE Nel pieno rispetto delle strategie del gruppo Volkswagen, che prevede che ogni marchio abbia un modello in ogni categoria o quasi, questa Kamiq ha una parentela strettissima con la Seat Arona, che è in commercio già dalla fine del 2017, e con la Volkswagen T-Cross, che è pronta al debutto. Considerando che sono lunghe rispettivamente 4,13 e 4,11 centimetri, anche la Skoda non si discosterà molto da queste misure.

SICUREZZA DI LIVELLO Compatta e cittadina, la Skoda Kamiq sarà equipaggiata con una serie di tecnologie di ultima generazione che la renderanno moderna quanto sicura. Riguardo al primo aspetto, l'auto avrà un infotainment all'insegna ella massima connettività e, in opzione, anche la strumentazione digitale. Riguardo al secondo aspetto, invece, la Kamiq potrà vantare dispositivi quali il cruise control adattativo, il Blind Spot Monitor, il sistema di frenata anticollisione multipla, il sistema di riconoscimento della stanchezza e il Rear Traffic Alert che avverte della presenza di un veicolo quando si esce da un parcheggio a retromarcia e riduce così il rischio di incidente.

UNA GAMMA COLLAUDATA L'auto nascerà sulla solita piattaforma MQB A0 che fa da base a tutti i modelli compatti del gruppo di Wolfsburg e che è pensata per le sole auto a trazione anteriore. Al lancio, con tutta probabilità, sarà disponibile con due motori a benzina, il 1.0 TSI da 95 o 115 CV (il primo solo con cambio manuale il secondo anche con il doppia frizione) e un motore a gasolio, il 1.6 TDI da 95 CV, anch'esso abbinabile sia al manuale sia al DSG a sette marce che offre anche la funzione di veleggiamento staccando la trasmissione dal motore in rilascio o in discesa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Kia Ceed: prima immagine del crossover

Ford: il futuro in Michigan tra auto autonoma e elettrica

Gamma Audi, si rinnovano i motori di berline e station wagon