Congedo parentale: 6 mesi retribuiti per i dipendenti Volvo

Volvo Cars adotta il congedo parentale standard per tutti i suoi dipendenti nel mondo: ecco cosa cambia per chi avrà un figlio dal 1 aprile 2021

6 aprile 2021 - 17:00

Volvo Cars ha annunciato un nuovo piano di congedo parentale che riguarderà i suoi dipendenti – genitori. L’iniziativa che coinvolge oltre 40 mila dipendenti (sia negli stabilimenti sia negli uffici) non fa distinzione tra mamma o papà. Ecco i dettagli del congedo parentale Volvo a partire dal 1 aprile 2021 che potrebbe (e dovrebbe) essere adottato anche in altre realtà aziendali.

CONGEDO PARENTALE VOLVO: COME FUNZIONA

Si chiama “Family Bondil piano di congedo parentale che offrirà a tutti i dipendenti con almeno un anno di anzianità di servizio, 24 settimane di congedo retribuite all’80% della loro paga base. Il congedo potrà essere richiesto da uno dei due genitori, in qualsiasi momento, dalla nascita di un figlio ed entro i primi tre anni. Il piano punta ad abbattere gli ostacoli più temuti verso la richiesta del congedo parentale:

– preoccupazioni dei genitori sul potenziale impatto che potrebbe avere sul loro team di lavoro;

– il timore di eventuali impatti sulle opportunità di carriera a lungo termine;

– il pregiudizio culturale su ciò che ci si aspetta dai padri sul posto di lavoro e a casa.

CONGEDO PARENTALE: IN SVEZIA E’ LA NORMA

La nuova policy globale di Volvo Cars è ispirata alla legislazione in Svezia, dove i provvedimenti in materia di congedo parentale sono a uno stadio avanzato di diffusione. Negli ultimi decenni hanno portato benefici tangibili sia ai genitori sia ai figli, secondo il Costruttore. Prima però è stato sperimentato un programma pilota di congedo parentale lanciato nella regione EMEA nel 2019, in cui il 46% di tutti i richiedenti era costituito da padri. “Si tratta di qualcosa di più di una nuova regolamentazione del congedo parentale per i nostri dipendenti.”, afferma Hanna Fager, responsabile Corporate e Risorse Umane. “Vogliamo essere leader del cambiamento in questo settore e definire un nuovo standard globale a favore delle persone”.

IL DIRITTO DI CHIEDERE IL CONGEDO PARENTALE PER OCCUPARSI DELLA FAMIGLIA

Per incoraggiare l’accettazione del nuovo sistema, Volvo Cars si è concentrata su una comunicazione più efficace della nuova policy. Presentando le 24 settimane di congedo parentale come un’opzione preselezionata, l’azienda mira a creare un “effetto default”, visto che le persone tendono essenzialmente ad attenersi alle opzioni standard. Si è evitata una formulazione ambigua, come ad esempio “fino a 24 settimane”, perché quando c’è incertezza si tende a prevedere esiti negativi, afferma Volvo. “Consentendo a tutti i nostri dipendenti di usufruire del congedo parentale retribuito, riduciamo il divario di genere e creiamo una forza lavoro più diversificata, aumentando le prestazioni e rafforzando il nostro business”, ha spiegato Fager.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu Milano

Strisce blu Milano 2021: orari, tariffe e norme

Prezzi carburante: come trovare quelli più convenienti

Pressione gomme auto: come cambia quando fa caldo