Le auto usate trainano il mercato: a settembre quasi 250 mila passaggi

Quasi 2 auto usate vendute ogni nuova immatricolazione, con il diesel tra i motori preferiti da chi cambia auto

5 ottobre 2018 - 12:35

Un andamento a due velocità quello del mercato auto in Italia che con il recente report sul numero di passaggi di proprietà delle auto usate a settembre 2018, allunga ancora di più rispetto alle auto nuove. E se chi decide di comprare un'auto nuova guarda con maggiore interesse le alimentazioni ibride (che siano a gas o elettriche), gli automobilisti che scelgono un'auto usata più recente non si fanno influenzare dai timori dei blocchi al traffico 2018-2019 e dalle correnti ecologiste. Il trend delle auto usate mostra che il mercato è solido rispetto alla contrazione mostrata dalle vendite di auto nuove, influenzata dalle nuove norme di omologazione WLTP: a settembre i passaggi di proprietà sono 249. 910 con i modelli a benzina in calo.

QUASI 2 AUTO USATE OGNI AUTO NUOVA VENDUTA Il report dell'Automobile Club d'Italia sui dati del PRA relativo al mese di settembre 2018 dice che a fronte della brusca frenata delle prime immatricolazioni nel mese di settembre il mercato italiano delle auto di seconda mano resiste, chiudendo il bilancio mensile con 249.910 passaggi di proprietà al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale. Per ogni 100 vetture nuove nel mese di settembre ne sono state vendute 190 usate nel mese e 150 nei primi nove mesi dell'anno.

AUTO USATE PER ALIMENTAZIONE Se la composizione del parco auto circolante nuovo vede una crescita di auto a benzina (dal 32,4% al 38,8% rispetto a settembre 2017) e una diminuzione di quelle diesel (passate dal 56,2% al 49% rispetto a settembre 2017), l'effetto si è invertito per quel che riguarda le auto di seconda mano, dove le auto usate diesel hanno superato il 49% in crescita mentre quelle a benzina sono scese di oltre 2 punti percentuali. In totale secondo l'ACI però l'età del parco auto circolante italiano potrebbe presto scontrarsi con i blocchi al traffico, che hanno preso di mira i diesel fino alla classe Euro 4 e in Italia ci sono circa 16 milioni e 900 mila auto a gasolio.

ANCHE LE RADIAZIONI SONO IN CRESCITA L'effetto delle nuove norme di omologazione WLTP può aver influenzato anche le radiazioni auto, secondo il report ACI in crescita del 2,2% a 120.161, rispetto a poco più di 117.500 del settembre 2017. Il tasso unitario di sostituzione del parco auto nel mese di settembre risulta pari a 0,92 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 92) e a 0,74 nel periodo gennaio-settembre 2018. Ne avremo la conferma nei prossimi mesi, quando il mercato del nuovo “drogato” dalle immatricolazioni forzate di agosto smaltirà le scorte antecedenti al WLTP e contemporaneamente si entrerà nel vivo dei blocchi al traffico auto già attivi in Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e programmati in Piemonte.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

ADAS obbligatori dal 2022: ecco l’accordo dell’unione europea

Nvidia accusata di plagio: il sistema Mobileye che prevede gli automobilisti

Ford svela le novità elettriche: su Fiesta e Focus arriva il mild-hybrid