I fari dell'auto abbagliano? In Cina la punizione è esemplare

La multa per gli automobilisti cinesi che abusano dei fari abbaglianti è niente rispetto al trattamento che la Polizia riserva a chi infrange il CdS

3 novembre 2016 - 11:32

Gli abbaglianti sono uno degli apparati che creano più discussioni in assoluto sull'auto, poiché spesso vengono utilizzati in modo improprio. Secondo una sorta di “occhio per occhio, dente per dente”, meglio conosciuta come Legge del Taglione, in Cina l'utilizzo improprio di questi proiettori può costare caro: la Polizia potrebbe far vivere in prima persona l'esperienza dell'abbagliamento al diretto interessato.

SE ABBAGLI TI ABBAGLIANO La notizia arriva direttamente dall'agenzia Xinhua e riporta di una pena che viene inflitta a chi utilizza in modo scorretto le luci di profondità nella Cina meridionale, a Shenzhen (provincia di Guangdong). Gli automobilisti che verranno sorpresi a “sfanalare” in modo non corretto verranno fermati, gli verrà imposta una multa equivalente ai nostri 40 euro e verranno sottoposti ad una curiosa pena corporale: seduti su uno sgabello di fronte ad un'auto verranno abbagliati per un minuto. Tralasciando la speranza che vengano indossate lenti protettive, in Cina non sono affatto nuovi a punizioni di questo genere.

DALLA CINA ALL'ITALIA Pene del genere potrebbero essere sollevate per diversi motivi, ed immaginiamone la loro applicazione in Italia. Avere lampade sempre efficienti è fondamentale per evitare di abbagliare chi ci precede o viene in senso opposto così come la regolazione del fascio luminoso non deve essere troppo alta (trovi tutte le informazioni giuste per avere un impianto illuminazione sempre efficiente leggendo il nostro #SicurEDU sulle lampadine). Se poi pensiamo all'abitudine tutta italiana di allertare, chi sopraggiunge, della presenza di eventuali posti di blocco con dei colpi di abbagliante, forse risulterebbe anche poco esemplare (leggi a cosa incorre chi allerta della presenza di posti di blocco o di autovelox).

PEDONI EDUCATI Nella stessa cittadina di Shenzhen la Polizia ha pensato anche ai pedoni indisciplinati, che attraversano non sulle strisce pedonali oppure con il semaforo pedonale rosso (leggi dello “scambio comportamentale” tra pedone ed automobilista). Per questi trasgressori c'è la possibilità di essere inseriti in un programma di ausiliari del traffico, con tanto di divisa e cappello per essere visibili e riconoscibili dagli utenti più virtuosi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Migliori gomme 4 stagioni 2022 – 2023: lista dei test

Move-In Piemonte: come funziona, quanti km e costo

Michelin CrossClimate 2 SUV: aderenza sorprendente nei test