Dubai, la nuova Silicon Valley delle auto a guida autonoma?

La sperimentazione della guida autonoma potrebbe presto estendersi a Dubai, gli Emirati fanno pressing per avere Google, Tesla e Uber in casa

8 marzo 2017 - 9:00

La ricca e scenografica Dubai potrebbe presto divenire la nuova culla della guida autonoma. L'emirato ha mostrato un forte interesse al crescente fenomeno delle auto senza conducente e sarebbe perfino in trattative con i principali attori della sperimentazione driverless. Tesla, Google e Uber potrebbero estendere il terreno dei test stradali dalla Silicon Valley agli assolati viali degli Emirati Arabi, l'obiettivo è quello di rendere il trasporto pubblico driverless entro il 2030.

LA GUIDA AUTONOMA PER RISPARMIARE 6 MILIARDI L'ANNO Secondo la Road and Trasportation Authority (RTA) di Dubai l'emirato è fermamente determinato a portare in casa la sperimentazione della auto senza conducente e ad agevolarne lo sviluppo. L'obiettivo finale è quello di convertire almeno il 25% del trasporto pubblico alla tecnologia autonoma entro i prossimi 12 anni. Qualora questo obiettivo venisse raggiunto si potrebbero abbattere le emissioni inquinanti del 12%, ridurre gli incidenti e i relativi rimborsi della stessa percentuale, dimezzare la richiesta di parcheggi, abbattere le spese del trasporto del 44% (Sapevi che gli Emirati hanno investito su Hyperloop) e risparmiare ogni anno 6 miliardi di dollari.

GLI EMIRATI PUNTANO AD AVERE IL MEGLIO Con queste prospettive è ben comprensibile l'interesse di Dubai verso le tecnologie driverless e la disponibilità delle autorità locali a spianare la strada per raggiungere l'ultimo livello della guida autonoma (Leggi secondo Bosch quanto farà risparmiare la guida autonoma). Le intenzioni dell'emirato sono state chiaramente dichiarate da Ahmad Hashem Behroozian, CEO di RTA: “Siamo in contatto con Tesla, Uber e Google, lavoreremo per la cooperazione e la partnership con queste aziende. Queste Case porteranno i propri veicoli a Dubai per fare ricerca e sviluppo proprio come avviene nelle altre città”.

PRONTI 200 TAXI TESLA CON AUTOPILOT Il mese scorso la RTA ha firmato un contratto di fornitura con Tesla per la fornitura di 200 veicoli elettrici equipaggiati con il sistema Autopilot (Leggi come Autopilot ha superato tutti i test di sicurezza). Si tratta di esemplari di Model S e Model X che verranno dati in dotazione alla Dubai Taxi Corporation. Questo rappresenta un primo passo verso l'automazione del trasporto pubblico e ovviamente una grande apertura verso una delle primarie aziende impegnate nella ricerca. Tesla ha già aperto un ufficio a Dubai e lo ha dedicato alle operazioni di consegna e manutenzione della flotta commissionatagli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 24 ottobre 2020

DPCM 24 ottobre 2020: spostamenti ‘sconsigliati’ (ma non vietati). Testo PDF

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché