Dalmine: attivo il car sharing elettrico E-Vai PUBLIC tra Comune e cittadini

A Dalmine, in provincia di Bergamo, i cittadini potranno utilizzare E-Vai PUBLIC, un nuovo car sharing con auto elettriche del Comune

8 aprile 2019 - 10:59

Ha preso il via il car sharing elettrico E-Vai PUBLIC del Comune di Dalmine, cittadina alle porte di Bergamo. L’amministrazione comunale ha ricevuto sabato scorso le due auto elettriche che verranno usate per offrire il nuovo servizio sul territorio. Tra pochi giorni saranno disponibili anche per i residenti.

DUE AUTO PER TUTTI

L’iniziativa fa parte del progetto europeo I-SharE LIFE, che investe nella sperimentazione di nuovi modelli di condivisione di veicoli. Il Comune di Dalmine si è dotato di due Renault Zoe, con un’autonomia di oltre 400 km con un pieno. Queste saranno usate in parte dall’amministrazione, dal lunedì al venerdì tra le 8.30 e le 17.30, in parte dalla cittadinanza. Infatti, al di fuori delle ore in cui verranno utilizzate dai dipendenti del municipio, chiunque potrà prenotare una delle vetture tramite un’applicazione dedicata. L’auto potrà essere usata per muoversi non solo sul territorio comunale, ma in tutta la regione. Sono oltre 100 i punti E-Vai, di proprietà della società di car sharing Fnm, già installati su suolo lombardo. Il servizio pubblico sarà attivato non appena il Comune avrà concluso i lavori di realizzazione delle colonnine di ricarica.

SI PRENOTA VIA APP

“Niente chiavi, tutto prenotabile tramite smartphone. In quanto elettriche (le auto, ndr) rappresentano un passo alla lotta contro le emissioni inquinanti”, ha dichiarato la Sindaca Lorella Alessio. “Grazie alla collaborazione delle amministrazioni comunali – aggiunge il consigliere delegato al progetto E-Vai Augusto De Castro – il car sharing può arrivare anche in realtà locali non raggiunte dai grandi operatori. Riduce così il ricorso all’auto privata da parte dei cittadini. Inoltre, rende più efficiente e sostenibile la gestione del parco vetture del comune. Ci fa particolare piacere la scelta del Comune di Dalmine perché permetterà anche collegamenti diretti con i 3 E-Vai point già presenti nella città di Bergamo“. La cittadina infatti ospita anche alcuni dipartimenti dell’UniBg, di fronte ai quali saranno installati dei punti di ricarica per incoraggiare gli studenti all’uso delle nuove auto elettriche.

VANTAGGI PER TUTTI

Sono molteplici le ricadute positive di questo progetto sinergico tra pubblico e privato. Sia per il Comune sia per i residenti. Da un lato infatti, la spesa per l’acquisto delle nuove vetture (circa 20.000 euro l’una) sarà ammortizzata dai proventi del noleggio, dall’altro l’amministrazione compirà un passo avanti nella riconversione verde della macchina pubblica. Inoltre il progetto permette la diffusione di questo modello di condivisione anche in realtà più piccole, normalmente non raggiunte dai grandi servizi di car sharing presenti ad oggi solamente nelle maggiori città italiane e del mondo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori