Costruttori auto sempre più social: ecco la classifica

A ottobre, Blogmeter ha analizzato le performance dei brand del mondo auto & moto su Facebook e Twitter

19 novembre 2015 - 10:00

I social network come strumento per far conoscere i nuovi modelli di auto e moto: Blogmeter (specializzata nel fornire soluzioni di social media monitoring) ha voluto vederci chiaro. Tante novità nella classifica dei migliori brand su Facebook (a proposito, ecco la nostra pagina) e Twitter (vedi qui), innanzitutto per quanto riguarda il focus settoriale incentrato sui brand di auto e moto. Ad ottobre, dall'analisi delle performance dei profili italiani emerge che i brand del settore ottengono le performance migliori in occasione di eventi importanti come il lancio di nuovi modelli, sponsorship e iniziative particolari.

FACEBOOK: CHI FA IL PIENO – Le due classifiche di Facebook sono dominate dalle pagine ufficiali di diverse case automobilistiche. Per quanto riguarda il page engagement, grosso modo traducibile come l'interazione alimentata dai fan, a trionfare è il brand di moto Triumph MotorcyclesItalia che genera “discussioni” grazie alla partnership con David Beckham e al lancio della nuova moto Bonneville. Segue in seconda posizione la pagina di Michelin che raggiunge l'apice delle interazioni in concomitanza del Campionato del mondo Rally (WCR) e al terzo posto Peugeot che genera un'esplosione di interazioni grazie alla sponsorship di #XF9. Un altro brand che fa il pieno di engagement è Mazda Italia: il post più engaging in assoluto è quello relativo al Tokyo Motor Show durante il quale è stato presentato il nuovo modello Mazda RX-VISION.

LA BASE DI FAN – Considerando invece i nuovi fan, è BMW Italia ad avere la meglio, piazzandosi anche al quarto posto per engagement: il merito del suo successo è stata la campagna #‎40annidiSerie3 attraverso cui è stata celebrata la nuova BMW Serie 3. Tra gli altri brand che più hanno accresciuto la propria fan-base ci sono le due case automobilistiche tedesche Mercedez-Benz, la cui comunicazione risulta efficace anche su Twitter, e Audiche, grazie alle foto suggestive scattate dal profilo Auditography, appassiona gli utenti di Facebook. Seguono infine in terza e quarta posizione, il brand francese Renault che attraverso contest e sondaggi conquista sempre nuovi fan e infine Toyota, diventato a  fine settembre main sponsor di AS Roma.

TWITTER: CHI SVETTA – Su Twitter, invece, le due classifiche risultano piuttosto omogenee, presentando all'incirca gli stessi nomi per entrambe le metriche. Primo classificato per total engagement è il profilo Twitter di Fiat, che si posiziona terzo per numero di nuovi follower: il brand propone gli stessi contenuti in italiano e in inglese e la sua comunicazione è improntata sul divertimento e l'originalità. Segue in seconda posizione Peugeot che colleziona la maggior parte delle interazioni in occasione della campagna sociale #MoveYourEnergy legata al lancio della nuova Peugeot 208. Si piazza in terza posizione invece Ford, conquistando anche un quinto posto per numero di nuovi seguaci: in questo caso, è l'iniziativa di guida sicura #DontEmojiAndDrive a suscitare la curiosità degli utenti italiani di Twitter. A livello di new follower, invece, il brand che conquista la vetta è Mercedes-Benz, che tra l'altro si distingue anche per total engagement piazzandosi al quarto posto: il tweet che genera il successo maggiore è l'omaggio al #BackToTheFutureDay, giornata durante la quale c'è stato anche il divertente scambio di tweet tra le due case automobilistiche, Toyota e Smart, quest'ultima al secondo posto della nostra classifica per new follower. Quinto posto infine per total engagement e quarto per capacità di accrescere la propria community, per Renault: il brand francese cattura l'attenzione degli utenti soprattutto in occasione dellancio della Clio Duel.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consiglio acquisto utilitaria: budget fino a 10.000 euro

Ciclisti più spericolati degli automobilisti? Uno studio spiega perché

Cassazione: omicidio stradale, l’imprudenza altrui non è un’attenuante