Pedoni regole per attraversare la strada

Strisce pedonali: 1 adolescente su 3 non sa come attraversare in sicurezza

I bambini non conoscono il pericolo ma pensano, mentre gli adolescenti prendono decisioni affrettate: ecco i risultati di un’indagine sull’attraversamento e le strisce pedonali

10 marzo 2021 - 12:05

I rischi dell’attraversamento sulle strisce pedonali sono al centro di uno studio del Centro di ricerca sugli incidenti dell’Associazione tedesca delle assicurazioni. L’osservazione dei ricercatori si è concentrata sulle capacità degli adolescenti di attraversare la strada nel modo corretto. Il risultato mostra che con l’età aumenta anche la percezione del pericolo sugli attraversamenti pedonali. Tuttavia circa il 30% degli adolescenti si espone ad eccessivi rischi. Ecco quali sono le maggiori criticità emerse dallo studio.

STRISCE PEDONALI: QUANDO E’ SICURO ATTRAVERSARE PER I BAMBINI?

L’obiettivo del progetto di cui ha diffuso i risultati il Network delle polizie stradali europee è comprendere l’influenza delle capacità cognitive nel traffico tra i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni. L’indagine che ha coinvolto 183 bambini e ragazzi di età compresa tra 5 e 14 anni si è svolta con un test di laboratorio e una simulazione reale di attraversamento pedonale in condizioni variabili.

I TEST DELL’INDAGINE SULLE STRISCE PEDONALI

Durante il primo esperimento di attraversamento sulle strisce pedonali è stato osservato il modello decisionale dei bambini. In particolare in base a quali valutazioni i bambini hanno deciso quando attraversare la strada in una situazione di vita reale su una strada a due corsie. In ogni prova un’auto si è avvicinato da destra o da sinistra a una velocità costante di 50 km/h. Nel momento in cui veniva emesso un segnale acustico, il bambino doveva decidere se attraversare oppure no premendo un pulsante. Lo stesso test è stato ripetuto a distanze diverse tra l’auto e il bambino, a cui equivale di norma una diversa valutazione sulla possibilità di attraversare in sicurezza:

– Lunga distanza: attraversamento possibile;

– Media distanza: attraversamento possibile con possibili rischi;

– Breve distanza: attraversamento non possibile;

Il secondo esperimento sulla capacità di riconoscere il pericolo sulle strisce pedonali è stato un esperimento di laboratorio che ha riprodotto situazioni di traffico al simulatore. In questo test il veicolo, prima un’auto e poi un furgone, si avvicinava alle strisce a velocità diverse (30 km/h e 60 km/h) e in accelerazione da 20 a 50 km/h. A distanze diverse tra auto e bambino è stato emesso un segnale e il bambino ha deciso se attraversare la strada premendo un pulsante. In una prova ulteriore ai bambini è stato chiesto di valutare anche diverse scene di traffico con un potenziale pericolo variabile.

RISULTATI DEL TEST: COME SI COMPORTANO I BAMBINI SULLE STRISCE PEDONALI

Se è vero che con l’età si sviluppa una migliore capacità di giudizio e del rischio, l’attraversamento sulle strisce pedonali vede in difficoltà 1 adolescente su 3 dai 13 ai 14 anni. Quando l’auto che si avvicina procede sulla corsia opposta la decisione è più difficile e i bambini in generale hanno bisogno di un tempo molto più lungo per decidere se attraversare.

– A 30 km/h i bambini prendono in media la decisione di attraversare corretta più volte rispetto a 50 km/h, 60 km/h e un’auto in accelerazione da 20 a 50 km/h. Tuttavia, dallo studio emerge anche che la prontezza per l’attraversamento si rivela poi una decisione rischiosa e sbagliata. Negli adolescenti i ricercatori hanno rilevato che la decisione e il tempo di reazione sono più veloci;

– Il test della percezione del pericolo legato alle situazioni di traffico ha rivelato che dai 7 agli 8 anni i bambini hanno già una percezione variabile del rischio, ma raramente prendono decisioni migliori;

In base ai risultati dell’indagine i ricercatori hanno dedotto che sia nelle scuole, sia in famiglia, è importante un’educazione al traffico adeguata all’età. Non sempre gli adolescenti e i bambini hanno una consapevolezza dei pericoli nel traffico. “È importante che i bambini acquisiscano la capacità di prendere decisioni appropriate in base alla situazione e di utilizzarle correttamente nel traffico”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni

Yamaha presenta il motore elettrico da 350 kW