Dossi artificiali

Dossi artificiali: normativa e dove sono vietati

Tutto ciò che bisogna sapere sui dissuasori o dossi artificiali: la normativa di riferimento e le strade dove sono permessi e dove sono vietati

16 settembre 2020 - 18:15

Croce (molta) e delizia (poca) degli automobilisti, i dissuasori o dossi artificiali sono dei sistemi di rallentamento della velocità costituiti da bande trasversali a effetto ottico, acustico o vibratorio, ottenibili con opportuni mezzi di segnalamento orizzontale o trattamento della superficie della pavimentazione. Sono citati dall’art. 42 comma 2 del Codice della Strada, che li classifica come “segnali complementari”, mentre la normativa di riferimento è l’art. 179 del regolamento d’attuazione dello stesso codice.

DISSUASORI DI VELOCITÀ A EFFETTO OTTICO, ACUSTICO O VIBRATORIO

Come detto, i dissuasori di velocità possono essere di tre tipi:

– i dissuasori a effetto ottico sono realizzati mediante l’applicazione in serie di almeno quattro strisce bianche rifrangenti con larghezza crescente nel senso di marcia e distanziamento decrescente. La prima striscia deve avere una larghezza di 20 cm, le successive con incremento di almeno 10 cm di larghezza;

– i dissuasori a effetto acustico sono realizzati mediante ‘irruvidimento’ della pavimentazione stradale ottenuta con la scarificazione o incisione superficiale della stessa o con l’applicazione di strati sottili di materiale in rilievo in aderenza, eventualmente integrato con dispositivi rifrangenti. Tali dispositivi possono anche determinare effetti vibratori di limitata intensità;

– sulle strade dove vige un limite di velocità inferiore o uguale ai 50 km/h si possono invece adottare dossi artificiali a effetto vibratorio, costituiti da elementi in rilievo prefabbricati o da ondulazioni della pavimentazione a profilo convesso, evidenziati da zebrature gialle e nere parallele alla direzione di marcia, di larghezza uguale sia per i segni che per gli intervalli, visibili sia di giorno che di notte.

NORMATIVA DOSSI ARTIFICIALI: REQUISITI DEI DISSUASORI PREFABBRICATI

In base alla normativa sui dossi artificiali, i dissuasori costituiti da elementi in rilievo prefabbricati devono rispettare determinati requisiti, in particolare riguardo le dimensioni, il materiale di costruzione e l’ancoraggio alla pavimentazione stradale. Prima dell’installazione sulla sede stradale devono essere approvati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ecco il dettaglio delle dimensioni:

– i dossi prefabbricati posizionati su strade con limite di velocità pari o inferiore a 50 km/h devono avere una larghezza non inferiore a 60 cm e un’altezza non superiore a 3 cm;

– quelli posizionati su strade con limite di velocità pari o inferiore a 40 km/h devono avere una larghezza non inferiore a 90 cm e un’altezza non superiore a 5 cm;

– e infine i dossi posizionati su strade con limite di velocità pari o inferiore a 30 km/h devono avere una larghezza non inferiore a 120 cm e un’altezza non superiore a 7 cm.

I dossi per strade con limite massimo di 40 e 50 km/h devono essere realizzati in elementi modulari in gomma o materiale plastico, mentre quelli per strade con limite 30 km/h possono essere realizzato anche in conglomerato.

È necessario che i dissuasori di velocità prefabbricati risultino fortemente ancorati alla pavimentazione, onde evitare spostamenti o distacchi dei singoli elementi o parte di essi. Allo stesso tempo devono essere facilmente rimovibili. La superficie superiore dei dossi artificiali, sia prefabbricati che strutturali, deve essere antisdrucciolevole.

DOSSI ARTIFICIALI: DOVE POSIZIONARLI E DOVE SONO VIETATI

I dossi artificiali possono essere posti in opera, previa ordinanza dell’ente proprietario della strada (che ne determina anche il tipo e l’ubicazione), solo su strade residenziali, nei parchi pubblici e privati, nei residence e altri luoghi simili. Possono essere installati anche in serie (con distanza compresa tra 20 e 100 metri) e devono essere presegnalati da un segnale posto almeno 20 metri prima.
Di conseguenza i dossi artificiali sono vietati sulle strade con limite di velocità superiore a 50 km/h, su tutte le altre strade non comprese nella definizione “strade residenziali, parchi pubblici e privati, residence e altri luoghi simili”, e anche sulle strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli normalmente impiegati per servizi di soccorso o di pronto intervento. Escluse quindi le grandi arterie di scorrimento e i viali principali delle città, dove in caso d’emergenza devono poter sfrecciare i mezzi di soccorso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete