Class action Volkswagen: ok della Corte d'Appello sui consumi bugiardi

La class action contro Volkswagen crea un precedente giuridico a favore dei consumatori italiani

21 giugno 2016 - 9:00

Lo diciamo subito, a scanso di equivoci: il dieselgate Volkswagen (vedi qui) non c'entra niente. Non parliamo di emissioni, ma di consumi. Vediamo qual è la questione: dopo quasi un anno e tre mesi, due fasi di giudizio, cento pagine di atti tra atto di citazione e reclamo, centinaia di documenti esaminati, due consulenze tecniche di parte, ben 20.000 consumatori che hanno già manifestato la loro intenzione di aderire all'azione, ecco l'ok della Corte d'Appello di Venezia alla class action di Altroconsumo contro Volkswagen. Il collegio giudicante ha dato formalmente il via libera all'azione collettivo contro il colosso automobilistico tedesco che ha mentito ai consumatori.

BUGIE SUI CONSUMI Tutto è nato nel 2014, quando Altroconsumo ha messo alla prova in un laboratorio specializzato due modelli di auto (Fiat Panda 1.2 benzina, 51 kW e Golf 1.6 TDI BM, 77 kW) confrontando i risultati relativi ai consumi di carburante con i dati dichiarati dalle case automobilistiche. I dati non erano risultati omogenei: i consumi e le emissioni del modello di Panda sono risultati più alti del 18% rispetto al dichiarato dalla Casa, quelli del modello di Golf addirittura più del 50%.

FALSE ASPETTATIVE I due Costruttori, attacca Altroconsumo, hanno di proposito creato false aspettative nei consumatori: una pratica commerciale scorretta, sulla quale sta indagando l'Autorità garante della concorrenza e del mercato. Ora il Tribunale di Venezia dovrà stabilire le modalità per rendere nota la decisione e invitare i consumatori ad aderire formalmente all'azione risarcitoria collettiva. Adesso, Altroconsumo terrà i consumatori informati sulle possibilità che i proprietari della Golf in questione ottengano un rimborso. Un precedente giuridico importante.

E PER FIAT? Analizzato il capitolo VW, passiamo a Fiat (leggi qui). Si è conclusa a maggio 2016 la raccolta delle adesioni alla class action sulle bugie del Costruttore nostrano. Le richieste sono state tantissime, e Altroconsumo ne ha gestite e portate davanti al giudice 21.031. A brevissimo, prenderà il via tutto l'iter processuale: anche in questo caso, i consumatori verranno informati su tutto. Al di là delle questioni pratiche ed economiche, e di possibili rimborsi a favore dei clienti da parte di VW e Fiat, e sempreché il tentativo di barare venga confermato da specifici studi e dalle sentenze di ultimo grado, resta la brutta figura dei due Produttori.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto ibride fino a 40.000 euro

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio