Bollo auto ex storica: fatta la legge trovato l'inganno. Ecco i più diffusi

Per eludere il pagamento del bollo chi possiede diverse auto ultra 20enni preferisce segregarle in casa come reperti da museo. L'avevamo predetto

27 gennaio 2015 - 9:00

Cominciamo da quello che SicurAUTO.it aveva detto qui. Attenzione all'effetto superbollo (maxi tassa per vetture molto potenti), dicevamo a proposito del bollo auto per le 20ennali (la legge stabilità ha eliminato le agevolazioni per le macchine over 20 e under 30): con la tassazione pesantissima sulle vetture di alta cilindrata, queste sono sostanzialmente sparite dal mercato italiano. Con danni all'indotto: carrozzerie, meccanici, tappezzieri, gommisti. Ragionamento identico va fatto per le auto storiche: alla stretta può seguire la fuga all'estero. Nel caso delle ultraventennali di pregio, il danno non è solo all'indotto, ma anche al patrimonio automobilistico nazionale: rischiamo di perdere le Lancia Delta Integrale e certe Alfa come la 75 America che circolano solo in Italia, non essendo state vendute altrove. E purtroppo ora arrivano le prime conferme: l'epilogo rischia di essere analogo a quello superbollo.

DOV'È IL TRUCCO – C'è chi ha già iniziato a raggirare il pagamento del bollo delle auto 20ennali, per tenersi la macchina sotto un telo in garage fino al compimento dei 30 anni, tirandola fuori solo in occasione dei raduni autorizzati. Le agevolazioni restano per i veicoli ultratrentennali. Quindi alcuni ultraventennali vengono radiati in base all'articolo 60 del Codice della strada, in modo da non essere tenuti a pagare il bollo: verranno reimmatricolati al compimento del 30 anni. Oltre alla beffa per le casse regionali, c'è un danno al patrimonio automobilistico perché si perdono le targhe originali (vanno consegnate al PRA in sede di radiazione). Infatti, l'articolo 60 considera appartenenti alla categoria di veicoli con caratteristiche atipiche i motoveicoli e gli autoveicoli d'epoca, nonché i motoveicoli e gli autoveicoli di interesse storico e collezionistico. Rientrano nella categoria dei veicoli d'epoca i motoveicoli e gli autoveicoli cancellati dal PRA perché destinati alla loro conservazione in musei o locali pubblici e privati, ai fini della salvaguardia delle originarie caratteristiche tecniche specifiche della Casa costruttrice. E che non siano adeguati nei requisiti, nei dispositivi e negli equipaggiamenti alle regole per l'ammissione alla circolazione. Questi veicoli sono iscritti in apposito elenco presso il Centro storico della Motorizzazione.

UN RADUNO L'ANNO… – Per quanto riguarda i veicoli d'epoca destinati alla loro conservazione, la loro circolazione può essere consentita soltanto in occasione di apposite manifestazioni o raduni autorizzati, limitatamente all'ambito della località e degli itinerari di svolgimento delle manifestazioni o raduni. Ecco perché c'è il rischio di un unico raduno annuale, per le storiche divenute d'epoca. Questi mezzi, per circolare, devono essere provvisti di una particolare autorizzazione rilasciata dal competente ufficio della Direzione generale della Motorizzazione nella cui circoscrizione è compresa la località sede della manifestazione o del raduno e al quale sia stato preventivamente presentato, da parte dell'ente organizzatore, l'elenco particolareggiato dei veicoli partecipanti.

SECONDO TRUCCO – Come se non bastasse, stanno scattando le false perdite di possesso in base alla circolare 204 del 1994 del ministero delle Finanze. Una dichiarazione sostitutiva che fu ammessa per chi perde le tracce del veicolo. Casi classici: una demolizione affidata a un demolitore abusivo, un passaggio di proprietà non trascritto o comunque operazioni avvenute diversi anni prima e di cui non si trovano documenti. Sono quelle situazioni diffusissime in passato e per le quali ci si trovava sul groppone anche dieci annualità di bollo arretrato, che non si sapeva come gestire. Annotata al PRA, consente di non pagare il bollo dal periodo d'imposta successivo all'annotazione (quindi non salva il passato ma solo il futuro). Ha rilevanza esclusivamente tributaria: per gli altri aspetti è come se si fosse ancora proprietari. Quindi, per esempio, è legittimo che una multa venga spedita ancora al vecchio proprietario e starà a lui dimostrare che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà, mostrando all'organo di polizia la dichiarazione sostitutiva fatta annotare al PRA. Addirittura, c'è chi ne ha presentate più di dieci di fila per ognuna delle sue macchine tutte ultraventennali, e i casi aumentano di giorno in giorno: certo, si potrebbe sempre controllare se la macchina è nel box o in garage, ma quale giudice darebbe mai l'ok a questo provvedimento? Fatta la legge (sciocca, perché danneggia un settore vitale) trovato l'inganno. Il quale, va evidenziato, è una legittima difesa contro uno Stato che vuole mettere le mani nelle tasche di chi ha un'auto storica per passione, per amore. Un Governo strano, quello di Renzi: in ambito automobilistico, doveva rimodulare il bollo rendendolo più equo, doveva accorpare PRA (ACI)-Motorizzazione, doveva introdurre l'omicidio stradale, doveva rifare il Codice della strada, doveva tagliare le auto blu, doveva riformare il settore Rca a favore dei consumatori (non certo col disegno legge concorrenza che è un regalo alle Assicurazioni), e adesso gli italiani si ritrovano solo una mazzata sul collo, ossia il bollo delle vetture storiche. Un Esecutivo che si sta dimostrando più parolaio di quello dei predecessori: altro che politica nuova e giovane…

2 commenti

Gianni
13:44, 27 gennaio 2015

Sarebbe interessante sapere chi è la fonte di queste xxxxxxxxx, questa pratica non è più possibile dal decreto Ronchi del 1997 per evitare di avere in giro dei rottami.
Oggi si può radiare il veicolo solo per demolizione o esportazione, nel primo caso bisogna avere la documentazione del rottamatore che ha preso in consegna il veicolo per demolirlo, nel secondo bisogna dimostrare che non si è più in possesso del veicolo che deve risultare esportato all'estero.

Daniele
15:20, 28 gennaio 2015

Emilio, mi chiedo quale sia il senso della tua affernazione dal momento che lanci un'accusa senza fornire elementi in merito. Quali sarebbero queste inesattezze ed informazioni assolutamente errate!! di cui parli?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Monopattini elettrici come biciclette

Monopattini elettrici, in arrivo nuovi limiti e sanzioni?

Tariffe taxi da e per gli aeroporti

Parcheggio aeroporto: un sito ti aiuta a non perdere tempo

Come pulire la carrozzeria dell’auto sporcata dagli uccelli