Bimbi in auto feriti dai genitori: l'allarme USA sugli incidenti oltre 64 km/h

In 900 incidenti negli USA il sedile anteriore ha colpito il passeggero posteriore. Scopri qual è il posto più sicuro per controllare il bambino

10 marzo 2016 - 17:23

Dai risultati emersi in uno studio svolto in America e che “abbraccia” un arco temporale piuttosto ampio, arriva l'appello del Center for Auto Safety rivolto alle autorità competenti per adottare misure di sicurezza migliori per proteggere i bambini trasportati in automobile durante gli incidenti stradali. Ecco i particolari di questa richiesta, che a primo impatto può sembrare un po' strana, considerando il grado di sicurezza delle auto moderne e tutti i controlli a cui vengono sottoposte.

PIU' INFORMAZIONE – Il Center for Auto Safety ha fatto il suo appello e ha dedotto che in questo ambito, in America, c'è bisogno di più informazione e orientamento, dedicati ai genitori e anche agli operatori sanitari, che lavorano in un contesto in cui comunicare la sicurezza non fa male. Pare che gli americani siano consapevoli del fatto che i bambini nei seggiolini vanno preferibilmente posizionati nel sedile posteriore dell'automobile, ma non hanno idea di quale posto sia migliore. Citando varie ricerche svolte dal 1960 ad oggi, il Center for Auto Safety consiglia a tutti gli adulti che hanno bambini in auto, di montare il seggiolino dietro a un sedile possibilmente non occupato.  A sottolinearlo è stato anche Clarence Ditlow, direttore esecutivo del CAS: “mentre il sedile posteriore è il luogo più sicuro per un bambino, è più sicuro ancora se il bambino è posto dietro un sedile anteriore non occupato o dietro il più leggero occupante del sedile anteriore”.

LA RAGIONE – La ragione di questi consigli è da ritrovarsi negli studi svolti dal 1990 al 2014, periodo in cui si è notato che gli schienali dei sedili anteriori sono inclini a crollare durante un “crash”, generando un pericoloso impatto con i passeggeri posteriori. Addirittura si è verificato che al di sopra delle 30 miglia all'ora (64 km/h), questi schienali sono in grado di schiacciare i bambini che occupano la fila posteriore. La ricerca condotta dal Center for Auto Safety ha contato 900 casi tra il 1990 e il 2014 in cui i bambini seduti dietro gli occupanti dei sedili anteriori sono morti per questo motivo; inoltre ha scoperto ben 22 cause legali contro i Costruttori, per lo stesso motivo che ha ucciso o ferito gravemente i bambini travolti e schiacciati.

VALUTAZIONI – In America già dal 1974 l'NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) ha iniziato a proporre e a studiare nuovi standard di sicurezza per le automobili. La stessa IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha svolto in questi anni un duro lavoro di prevenzione e verifica della sicurezza dei veicoli, che negli ultimi anni hanno comunque raggiunto standard alti per garantire la sicurezza dei passeggeri. Ad ogni modo è anche vero che la ricerca prende in esame periodi in cui le automobili non avevano tali livelli, così come è vero che in America è molto diffuso il fenomeno dell'obesità, che affatica molto di più un sedile, riducendone l'efficacia nel tempo. A tal proposito, nel 1989, un ricercatore dell' Nhtsa ha fatto una petizione per  aggiornare lo standard di tolleranza di peso del sedile di una vettura (20 volte quello del sedile posteriore e 20 volte quello del passeggero), ma Ditlow ha dichiarato che l'agenzia deve ancora agire su tale petizione. Lo stesso anno, un rapporto pubblicato dal dipartimento dei trasporti del Canada ha avvertito dei pericoli durante gli incidenti, causati dai guasti dello schienale. In chiusura, ci sembra importante ricordare qual è il posto più sicuro per montare il seggiolino: ve lo spieghiamo con gli esperti in questo video (guardalo qui!), mentre potete scoprire molto altro ancora sui seggiolini nel nostro #SicurEDU che, attraverso testi e video, aiuta ad orientavi nel complicato mondo dei seggiolini per bambini.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Toyota sceglie Nvidia sulla strada della guida autonoma

Gamma Audi, si rinnovano i motori di berline e station wagon

Jaguar Land Rover punta su Shell per la sua rete di ricarica