Batterie auto elettriche riciclabili, nasce il consorzio europeo di recupero

Bmw e altri partner fondano un consorzio tecnologico per riciclare le batterie e creare un processo di produzione a ciclo chiuso

16 ottobre 2018 - 19:18

Gli investimenti sostenuti dalle case automobilistiche per la mobilità elettrica sono estremamente rilevanti. Bmw, oltre ad essersi fatta promotrice di un consorzio in materia, è anche all'opera per individuare partners strategici per la realizzazione di batterie sempre più performanti. Bmw Group, Northvolt e Umicore stanno gettando le basi per una catena del valore sostenibile per le celle delle batterie auto in Europa; dallo sviluppo alla produzione fino al riciclaggio. Le batterie delle auto elettriche, ad esempio, a “fine carriera” possono essere utilizzate come dispositivi di accumulo di energia in applicazioni domestiche e industriali.

IL CONSORZIO TECNOLOGICO Bmw Group, Northvolt e Umicore hanno scelto di costituire un consorzio tecnologico congiunto al fine di lavorare insieme allo sviluppo continuo di una “filiera del valore” sostenibile per le batterie destinate ai veicoli elettrificati. Il progetto europeo sta cercando di portare avanti una elettrificazione sostenibile che parta dallo sviluppo delle batterie, passando per la produzione fino al riciclaggio. Bmw aveva già tempo addietro presentato un progetto desinato alle batterie esauste delle sue i3 (Leggi Bmw e la seconda vita delle batterie). Le attività di ricerca del consorzio contribuiscono alla EU Battery Alliance che, voluta dal commissario europeo Maroš Šef?ovi?, è intenzionata a stimolare costruzione di poli europei per la realizzazione delle batterie destinate ai veicoli elettrici. Lo sviluppo di batterie sostenibili inizia con la progettazione di celle riciclabili e passa per un processo di produzione che sfrutta, in via principale, energie rinnovabili. L'obiettivo è quello di far seguire alla fase di utilizzo su strada una secondaria vita come dispositivi stazionari di accumulo di energia. Una volta che le batterie arriveranno alla fine del loro ciclo di vita, le celle saranno riciclate e le materie prime riutilizzate.

LO SVILUPPO DELLE BATTERIE Bmw sceglie quindi di ragionare sul fronte ambientale oltre che alla pianificazione di partnerships strategiche con aziende fornitrici (Leggi Daimler investe 1 miliardo nella produzione di batterie). Al fine di accelerare lo sviluppo di batterie sempre più perfomanti, Bmw aprirà nell'estate 2019 un centro di ricerca dedicato. Di cruciale importanza è garantire che le materie prime utilizzate nel processo produttivo provengano da fonti responsabili sotto il profilo ambientale e sociale. Necessario, quindi, la ridurre le emissioni di CO2 ed utilizzare materiali riciclati. Questo permetterà di costruire prodotti riparabili e facilmente riciclabili. In questo senso Group e Northvolt collaborano da tempo come parte di un progetto tecnologico strategico.

RICICLAGGIO DEI MATERIALI Per far seguire alla fase di utilizzo delle batterie la possibilità di riciclo delle stesse Bmw ha scelto come partner del progetto Umicore. L'azienda si occupa da tempo dello sviluppo e del riciclaggio dei materiali utilizzati per la produzione di anodi e dei catodi destinati alle batterie. Questa collaborazione consentirà di impiegare maggiormente materiali riciclati. Particolare attenzione sarà prestata anche al disassemblaggio delle batterie, allo screening delle componenti e al riutilizzo delle componenti non deperibili. Con l'avanzare della mobilità elettrica, quindi, la necessità non è solo quella di garantire l'estrazione sostenibile delle materie prime ma anche quella di assicurare il recupero dei materiali già utilizzati per ridurre la richiesta di materie prime.

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio

Nuova Nissan Micra 2019: per l’Italia arriva la versione GPL