Barriere salva motociclisti: ecco le strade da oggi più sicure

Al via le installazioni delle barriere salva motociclisti sulle strade Anas del Molise: entro fine 2016 sarà ultimato il piano da 20 milioni

15 aprile 2016 - 10:00

Di barriere salva motociclisti si parla già dal 2009 (vedi qui): adesso arriva la prima concreta realizzazione del progetto. Sono cominciate nel Molise le prime installazioni delle barriere stradali continue progettate da Anas, secondo il programma annunciato a fine marzo dal presidente Armani Gianni Vittorio Armani. Dove? Sulla strada statale 158 “della Valle del Volturno”, in provincia di Isernia.

QUALI CARATTERISTICHE Sono barriere continue: con un profilo senza interruzioni che offre maggiore protezione per tutti i tipi di veicoli al momento di un eventuale impatto. E vengono denominate anche salva motociclisti perché garantiscono più sicurezza per gli utenti dei mezzi a due ruote che sono quelli a maggior rischio in caso di incidenti. Niente a che vedere con le antiquate barriere “ghigliottina”, che tanti danni hanno causato ai centauri. Ovviamente, sono protettive anche per auto.

SOLO IN MOLISE, 350.000 EURO L'intervento in Molise, del valore complessivo di 350.000 euro, riguarda, nel dettaglio, due tratti della statale 158 nel territorio comunale di Rocchetta a Volturno (IS): dal km 21,740 al km 21,852 – dove verranno installate barriere classe H2 Bordo Ponte – e dal km 30,046 al km 30,352 – dove, per una lunghezza di oltre 260 metri, verranno messe in esercizio barriere classe H3 Bordo Ponte e per circa 40 metri barriere classe H3 Bordo Laterale. Le installazioni delle nuove barriere proseguiranno – fino al luglio prossimo – lungo le strade statali 27 “del Gran San Bernardo” e 26 “della Valle d'Aosta”, in Calabria lungo la strada statale 106 “Jonica” e in Basilicata lungo le strade statali 7 “Appia” e 401 “dell'Alto Ofanto e del Vulture”. Entro la fine dell'anno, poi, le nuove barriere tipo Anas verranno installate anche lungo alcune statali in Friuli-Venezia Giulia.

CIRCA 200 KM Il presidente di Anas, infatti, durante un sopralluogo presso lo stabilimento “Car Segnaletica Stradale Srl” di Ponte, in provincia di Benevento – aggiudicatario della gara in Accordo Quadro per la produzione e fornitura di barriere di sicurezza stradali – aveva comunicato il programma della messa in esercizio delle nuove barriere progettate dall'Anas. Garantendo, entro l'anno, l'installazione su circa 200 km per un importo complessivo di oltre 20 milioni di euro. Insomma, sulla carta siamo solo all'inizio, a beneficio della sicurezza stradale, e della diminuzione dei costi sociali e della Rca.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

I migliori pneumatici estivi per SUV 2021 nel Test Autobild

Segnaletica orizzontale e verticale: quale prevale?

Onestà venditori d’auto: Roma migliore di Milano