Audi SQ5 TDI: anche il Diesel turbo diventa mild-hybrid

Come la sorella a benzina, l’Audi SQ5 TDI passa a uno schema mild-hybrid con sovralimentazione elettrica

10 aprile 2019 - 12:20

La Audi SQ5 TDI, SUV ad alte prestazioni della Casa del Quattro Anelli, è arrivato sul mercato. La vettura si caratterizza per la presenza di una doppia alimentazione. A fianco della turbina tradizionale, infatti, mette un sistema mild hybrid con compressore elettrico. L’auto sarà in consegna a partire dall’estate, con prezzo di partenza di 76.250 euro.

UN TURBOCOMPRESSORE ELETTRICO AGGIUNTIVO

Ma torniamo al sistema ibrido. Dopo aver lanciato la versione a benzina della SQ5, Audi mostra la nuova versione top di gamma a gasolio. Può contare su un motore V6 3.0 da turbodiesel da 347 CV, che grazie al sistema ibrido riduce i consumi e aumenta le prestazioni. Il mild hybrid serve ad azionare un turbocompressore elettrico aggiuntivo che azzera il ritardo di risposta della sovralimentazione. Il sistema è alimentato da una batteria da 48V serve anche un alternatore a cinghia che funziona come motorino di avviamento.

VELEGGIA PER QUASI 40 SECONDI

La nuova Audi SQ5 TDI può anche veleggiare per 40 secondi. Lo fa quando viaggia a velocità comprese tra i 55 e i 160 km/h, spegnendo il motore termico e recuperando così energia (fino a 12 kW). Le varie funzioni del mild hybrid, a detta di Audi, permettono di risparmiare fino a 0,7 litri ogni 100 km, con un consumo medio su ciclo NEDC combinato tra gli 8,1 e gli 8,7 litri ogni 100 km.

PRESTAZIONI MIGLIORI DELLA PRECEDENTE

Il sistema ibrido aiuta anche a livello di prestazioni. L’auto, che di serie ha trazione integrale e cambio automatico tiptronic a 8 rapporti, è capace di scattare da 0 a 100 km/h in soli 5”1, con una velocità massima limitata elettronicamente di 250 km/h.

DOTAZIONI AL MASSIMO

La nuova Audi SQ5 TDI è al top dlla gamma anche dal punto di vista della dotazione. Ha il sistema di infotainment MMI all-in-touch con touchscreen da 8”3. Il sistema integra i servizi Audi Connect e il modulo LTE per collegarsi a internet e usufruire della funzione hotspot wi-fi. A livello di Adas, inoltre, ha tra i vari dispositivi, il mantenimento attivo della corsia, il Traffic Jam Assistant con cruise control adattivo, il side assist, il pre-sense front collision avoid system, il riconoscimento della segnaletica e l’assistentenza alla svolta.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto senza assicurazione cosa si rischia

Codice della Strada: la mini riforma slitta al 2020

Black Friday 2019: le offerte FCA durano fino al 2 dicembre

Auto usate certificate: brumbrum apre la prima fabbrica della qualità