Traffico 10 e 11 dicembre 2022

Viaggi in Europa a Natale 2021: dove si può andare

Avete in programma viaggi in Europa a Natale 2021? Ecco dove si può andare in auto senza subire particolari limitazioni negli spostamenti

14 dicembre 2021 - 14:15

Nonostante i numeri di Federalberghi, secondo cui il 94,6% dei circa 14 milioni di italiani che si metteranno in viaggio per le festività resterà nel nostro Paese, un certo numero di vacanzieri trascorrerà Natale e Capodanno all’estero sfidando i contagi Covid e l’avanzare della pericolosa variante Omicron. Ovviamente, visti i tempi, prima di partire è consigliabile informarsi sulle modalità di accesso nei vari Paesi e sulle eventuali restrizioni in atto, tenendo comunque conto che in base all’evoluzione della pandemia le regole di oggi potrebbero non essere quelle di domani. Nei prossimi paragrafi riepiloghiamo la situazione sui viaggi in Europa a Natale 2021 spiegando dove si può andare in auto senza sottostare a particolari limitazioni (norme aggiornate al 15 dicembre 2021 dopo la nuova ordinanza del Ministero della Salute sul tampone obbligatorio per chi entra in Italia).

VIAGGI IN FRANCIA A NATALE 2021 IN AUTO

Chi vuole trascorrere le vacanze di Natale 2021 in Francia deve sapere che le autorità francesi hanno classificato i Paesi del mondo in quattro categorie, verdi, arancioni, rossi e rosso scarlatto, a seconda del livello di circolazione del virus e l’Italia rientra per fortuna tra i Paesi verdi, ossia la categoria a minor rischio. Di conseguenza i turisti italiani possono andare in Francia, con qualunque mezzo di trasporto, senza la necessità di eseguire alcun tampone ma dimostrando (tramite Green Pass) di essere già vaccinati, con le seguenti tempistiche:

– 1 settimana dopo la seconda dose dei vaccini Pfizer, Moderna e Astrazeneca;

– 4 settimane dopo la somministrazione del vaccino Johnson & Johnson;

– 1 settimana dopo la prima dose di vaccino approvato dall’EMA per le persone guarite da una precedente infezione da Covid-19;

– 1 settimana dopo la terza dose o dose di richiamo effettuata con un vaccino RNA messaggero.

In caso di assenza totale o parziale di vaccinazione, si può andare in Francia lo stesso effettuando, entro 24 ore dalla partenza, un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (l’obbligo di test non si applica ai minori di anni 12).

Importante: tutti, vaccinati e non e anche i minori, prima di entrare in Francia devono compilare e firmare un’autocertificazione che sarà richiesta ai controlli.

Attualmente in Francia è obbligatorio esibire il Green Pass (loro lo chiamano ‘pass sanitaire’), per accedere a determinati luoghi, locali o eventi, sia al chiuso che all’aperto, come musei, cinema, bar, ristoranti, ospedali, case di riposo e strutture medico sanitarie.

VIAGGI IN SVIZZERA A NATALE 2021 IN AUTO

Un’altra meta molto ambita dai turisti italiani durante il periodo invernale è la Svizzera, facilmente raggiungibile in auto sia dalla Lombardia che dal Piemonte. Tuttavia dallo scorso 4 dicembre 2021 per entrare in Svizzera tutti i viaggiatori a partire dai 16 anni di età, inclusi gli italiani, anche se vaccinati e guariti, devono presentare l’esito negativo di un tampone molecolare risalente a non più di 72 ore prima dell’ingresso. Inoltre, dovranno essere nuovamente sottoposti, a loro spese, a un ulteriore tampone tra i quattro e i sette giorni dopo il loro arrivo, il cui risultato dovrà essere trasmesso alle competenti Autorità cantonali. Tutte le persone devono anche compilare il modulo di entrata Passenger Locator Form, SwissPLF (al più presto 48 ore prima dell’ingresso in Svizzera).

Importante: sono esentate dall’obbligo del tampone le persone che non hanno ancora compiuto 16 anni; che transitano attraverso la Svizzera senza alcuna sosta intermedia; che entrano in Svizzera in qualità di frontalieri; e che entrano in Svizzera da regioni confinanti con le quali esiste uno stretto scambio economico, sociale e culturale. In Italia queste regioni sono Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, e Trentino Alto Adige. Chi arriva da regioni confinanti non deve neppure compilare il modulo di entrata.

VIAGGI IN AUSTRIA A NATALE 2021 IN AUTO

Tra le mete più vicine per fare viaggi in Europa a Natale 2021 utilizzando l’auto c’è anche l’Austria. Però la situazione nel Paese con capitale Vienna è piuttosto difficile a livello di contagi, anche se per fortuna è stato appena revocato il lockdown per i vaccinati.

Dal 13 dicembre 2021 e fino a nuovo ordine, per andare in Austria in macchina dall’Italia è necessario, in alternativa:

– mostrare un certificato o test molecolare (PCR), in inglese o tedesco, attestante la negatività al Covid 19. Il test (tampone) dev’essere stato effettuato nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Austria. Chi è sprovvisto di tale test al momento dell’ingresso nel Paese deve effettuarlo nelle 24 ore successive. Il test antigenico è ammesso solo per i pendolari e dev’essere fatto non più tardi di 24 ore prima dell’ingresso in Austria.

– presentare un certificato, sempre in inglese o tedesco, attestante la guarigione dal Covid-19 contratta negli ultimi 6 mesi;

– mostrare un certificato, in inglese o tedesco, attestante l’avvenuta vaccinazione al Covid, con ciclo completo, eseguita con uno dei vaccini autorizzati dall’EMA o elencati nell’Emergency Use List dell’OMS. Se si è ricevuto un vaccino monodose, esso è valido solo a partire dal 22° giorno dalla somministrazione e per i successivi 270 giorni. Per chi ha ricevuto invece due dosi, la vaccinazione è valida immediatamente per 270 giorni dalla data della seconda dose. Nel caso in cui si sia contratta un’infezione da Covid-19 da almeno 21 giorni o in presenza di anticorpi neutralizzanti, è sufficiente una sola dose di vaccino. In questo caso la vaccinazione ha una validità sempre di 270 giorni.

Il possesso di un tampone molecolare o di un certificato di guarigione o di vaccinazione, presentabili anche mediante Green Pass (purché il testo sia in lingua tedesca o inglese), esonera dalla altrimenti necessaria quarantena di 10 giorni.

Nessuna certificazione è richiesta ai bambini fino a 12 anni e alle persone in transito attraverso l’Austria (senza effettuare soste).

VIAGGI IN SLOVENIA E CROAZIA A NATALE 2021 IN AUTO

Altre due mete molto frequentate dagli italiani per i viaggi di Natale e Capodanno sono la Slovenia e la Croazia, entrambe comodamente raggiungibili in macchina. Ma com’è la situazione Covid a dicembre 2021?

L’ingresso in Slovenia senza obbligo di quarantena, è consentito a coloro che sono muniti di certificato o Green Pass che attesti alternativamente:

– risultato negativo di test molecolare eseguito entro le 72 ore precedenti o di test rapido effettuato entro le 48 ore precedenti;

– certificato di guarigione;

– certificato di vaccinazione o certificato di vaccinazione dopo guarigione.

Sono esclusi da tali obblighi i minori di 12 anni.

In mancanza di certificato la persona viene sottoposta a quarantena domiciliare di dieci giorni (purché dimostri di avere un luogo in cui trascorrere tale periodo).

Invece in Croazia i viaggiatori provenienti direttamente dagli stati membri dell’UE, tra cui l’Italia, possono entrare nel Paese presentando semplicemente il Green Pass. Chi ne fosse sprovvisto può entrare ugualmente in Croazia con uno dei seguenti certificati:

tampone molecolare eseguito non oltre le 72 ore precedenti l’ingresso nel Paese, o antigenico effettuato non oltre 48 ore prima, con esito negativo;

certificato di vaccinazione rilasciato non oltre i 365 giorni precedenti l’ingresso in Croazia che attesti di aver ricevuto le due dosi di vaccino (o la singola dose di vaccino per il monodose, dopo 14 giorni dall’inoculazione);

– certificato medico che confermi la guarigione dal Covid-19 e una singola iniezione entro 8 mesi dall’infezione, se questo vaccino è stato somministrato entro 365 giorni prima dell’ingresso in Croazia;

– o certificato di ricevimento di una prima dose di vaccino tra i 22 ed i 42 giorni prima dell’ingresso in Croazia.

Qualora impossibilitati a presentare uno di questi certificati, i viaggiatori devono effettuare un tampone all’arrivo in Croazia e osservare un autoisolamento fino al ricevimento dell’esito negativo. Nel caso in cui non sia possibile effettuare il tampone, è prevista la misura di quarantena di 10 giorni. I bambini sotto i 12 anni accompagnati da un genitore non devono presentare il tampone.

TAMPONE OBBLIGATORIO PER CHI RIENTRA IN ITALIA

Abbiamo spiegato le norme da osservare per andare in auto in Francia, Svizzera, Austria, Slovenia e Croazia durante le festività di Natale 2021. Per tornare poi in Italia la situazione si è un po’ complicata con l’emanazione della nuova ordinanza del Ministero della Salute che, con decorrenza 16 dicembre 2021 e fino al 31 gennaio 2022, impone, a chi ha soggiornato o soltanto transitato nei 14 giorni precedenti in tutti i Paesi UE/SEE (inclusi Francia, Svizzera, Austria, Slovenia e Croazia), di presentare all’ingresso nel nostro Paese, oltre ai già previsti Green Pass e modulo Passenger Locator Form compilato, anche la certificazione di essersi sottoposti a un tampone molecolare nelle precedenti 48 ore o a un tampone antigenico rapido nelle precedenti 24 ore.

In mancanza di tampone o di Green Pass (o di entrambi) si è soggetti a una quarantena obbligatoria di 5 giorni presso il proprio domicilio, con il vincolo di effettuare un test molecolare o antigenico al termine del periodo di auto-isolamento. Il provvedimento si applica anche alle persone vaccinate contro il Covid-19.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche: in Germania il crollo peggiore di tutta l’Europa

Noleggio autobus con autista: servizi, prezzi e preventivo gratis

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023