Vendere un'auto con finanziamento in corso

Vendere un’auto con finanziamento in corso: è possibile?

Si può vendere un'auto con finanziamento in corso, quindi prima di aver pagato tutte le rate? La risposta è semplice, anche vanno valutati alcuni aspetti

27 maggio 2020 - 14:23

Può capitare di dover o voler vendere un’auto con finanziamento ancora in corso. Ma è possibile? Non è così raro ricorrere a un prestito per comprare un’automobile e non è neppure raro che si rivenda la macchina prima ancora di aver concluso il piano di rientro (i motivi possono essere diversi, dalle mutate esigenze personali o familiari al bisogno di urgente liquidità). Si tratta di un’azione assolutamente lecita e che non comporta alcun rischio per il nuovo acquirente. Le rate mancanti continuerà infatti a pagarle colui che ha acceso il finanziamento, salvo accordi diversi.

VENDERE UN’AUTO CON FINANZIAMENTO IN CORSO: PERCHÉ SI PUÒ

Questo perché il contratto di finanziamento è totalmente svincolato dall’auto, e riguarda soltanto l’intestatario e la finanziaria o banca con cui l’ha sottoscritto. Nel frattempo la concessionaria (o altro rivenditore) che aveva venduto l’auto ha già incassato la totalità dell’importo e non ha più nulla a pretendere. Quindi una volta acquistata la vettura con un prestito il proprietario può disporne come crede, a prescindere che il finanziamento l’abbia estinto o meno. Decidendo anche di venderla, di rottamarla o di farne ciò che vuole. Chi richiede un prestito per un’auto, dunque, deve soltanto saldarlo e stop, del destino dell’auto la finanziaria si disinteressa completamente. Tanto che permane l’obbligo di pagare le rate anche se il veicolo resta distrutto in un incidente e diventa inservibile…

VENDERE UN’AUTO CON FINANZIAMENTO IN CORSO: TUTTE LE POSSIBILITÀ

In ogni caso la vendita di un’auto con finanziamento non si risolve solo con il vecchio proprietario che continua a pagare le rate del finanziamento fino al termine del piano di rimborso, ma possono verificarsi altre possibilità. Il venditore può infatti cedere la restante parte del finanziamento all’acquirente dell’auto (abbassando il prezzo di vendita), e sarà pertanto quest’ultimo a pagare le rate residue. Nel caso serve l’esplicito consenso non solo dell’acquirente ma anche della finanziaria, che prima di dare l’ok è tenuta a verificare l’affidabilità creditizia del soggetto subentrante. In alternativa il venditore può utilizzare il ricavato della vendita della vettura per estinguere il prestito anticipatamente, risparmiando qualcosina sugli interessi.

DOVERI VERSO L’ACQUIRENTE

Chiudiamo ricordando che in qualunque caso chi compra un’auto su cui il venditore sta pagando un finanziamento dev’essere sempre informato dell’esistenza di un prestito in corso. Altrimenti ha il diritto di chiedere l’annullamento del contratto, la restituzione degli importi versati e, volendo, anche il risarcimento di danni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione: danni da buca stradale, Comune non sempre responsabile

Auto senza assicurazione

Auto senza assicurazione: lo Stato perde 280 milioni all’anno

Ztl Torino orari

Ztl Torino: orari di oggi, mappa e proroga