USA: Automobilisti più spericolati per il Covid, +7,2% di vittime stradali

L’indagine NSC afferma che il Covid-19 ha catalizzato abitudini scorrette degli americani e causato un aumento delle vittime stradali tra 2020 e 2021

29 dicembre 2021 - 10:26

Il Consiglio Nazionale per la Sicurezza fa il bilancio degli incidenti stradali nel 2020 e nel primo semestre del 2021 e afferma che l’emergenza da Covid-19 ha reso gli automobilisti più spericolati. Secondo l’NSC, gli incidenti stradali negli USA non sono mai stati così numerosi dal 2007.

L’INDAGINE USA SULLA SICUREZZA E I MORTI STRADALI IN AUMENTO

Le restrizioni agli spostamenti hanno in molti Paesi ridotto il numero di auto e moto in strada, mentre sono aumentati i tragitti brevi al di sotto dei 10 km. Non è bastato però a ridurre il numero di incidenti più gravi causati da eccesso di velocità, così in molti Stati USA le autorità hanno deciso per una riduzione dei limiti e più controlli della viabilità. Misure che per il National Safety Council non sono bastate a preservare il trend di riduzione delle vittime stradali degli anni precedenti. “Temo che abbiamo adottato alcune abitudini di guida davvero pericolose, e continueremo a farlo”, le dichiarazioni riportate dal Los Angeles Time, di Ken Kolosh, ricercatore NSC. “Le nostre strade sono meno sicure di quanto non lo fossero prima della pandemia”.

VITTIME STRADALI NEGLI USA IN AUMENTO NEL 2020 E 2021

I dati a cui si riferisce il Consiglio per la Sicurezza riguardano 38.680 morti sulle strade degli Stati Uniti solo nel 2020, quello che è stato definito il peggiore bilancio dal 2007. Secondo i ricercatori si tratta di un passo indietro nell’avanzamento verso la riduzione delle vittime stradali. Rispetto al 1970, infatti, quando le vittime erano circa 55.000, nel 2019 si erano conteggiati 36.096 morti per incidenti stradali. Con l’esplosione della pandemia, il trend ha ripreso a crescere:

– nel 2020 sono aumentate le vittime stradali del +7,2% rispetto al 2019;

– nel primo semestre 2021, l’aumento dei decessi è stato del +18% (stime provvisorie del Governo federale USA);

PERCHÉ GLI AUTOMOBILISTI USA SONO DIVENTATI PIU’ SPERICOLATI

Un’indagine dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Stradale (NHTSA) afferma che l’impennata delle vittime stradali è da attribuire in prevalenza a un cambiamento – inevitabilmente collegato alla Covid-19 – nello stile di vita degli americani. I ricercatori affermano che con la pandemia sono in aumento o più diffusi:

– il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, soprattutto nel 2020, che ha provocato un aumento dei passeggeri espulsi dai veicoli nel 2020 (immagine sopra);

– la vendita e il consumo di alcol e droghe. Almeno il 7% degli automobilisti ha dichiarato in un sondaggio anonimo di aver guidato senza essere nelle condizioni di poterlo fare;

– le distrazioni al volante, per l’utilizzo dello smartphone nei momenti che precedevano l’incidente, secondo i dati dei dispositivi GPS;

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

App parcheggio auto per trovare posto e pagare: la guida completa

Auto usate: +9% degli scambi tra privati da inizio 2022

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild