mezzi pubblici cani gatti

Mezzi pubblici: cani, gatti e altri animali viaggiano gratis?

Come funziona il trasporto sui mezzi pubblici di cani, gatti e altri animali domestici? Viaggiano gratis o 'pagano' il biglietto? Scopriamo le possibilità più comuni.

26 giugno 2019 - 19:46

È fresca la notizia del Comune di Milano che con l’avvio dal 15 luglio 2019 delle nuove tariffe ATM consentirà agli animali d’affezione di viaggiare gratis su metro, bus e tram. Registrata la bella notizia, vediamo come funziona più a largo raggio il trasporto di cani, gatti e altri animali sui mezzi pubblici in Italia. E quali sono i requisiti da rispettare e le restrizioni da conoscere.

CANI, GATTI E ALTRI ANIMALI D’AFFEZIONE SUI MEZZI PUBBLICI URBANI

Per mezzi pubblici urbani intendiamo principalmente autobus di linea e, dove presenti, tram e linee della metropolitana. Diciamo subito che non c’è una normativa nazionale ma ogni città regolamenta come meglio crede. Detto per esempio della scelta ‘rivoluzionaria’ di Milano, a Roma gli animali domestici (in particolare cani di piccola e media taglia) sono ammessi sui mezzi pubblici dietro pagamento del biglietto singolo ordinario. Solo i cani guida viaggiano gratuitamente. Ovviamente sono previste alcune restrizioni (nella metro i cani possono viaggiare solo nel primo e nell’ultimo vagone del treno e massimo due cani per ciascun vagone). Gli altri piccoli animali come gatti e volatili viaggiano sui mezzi solo se alloggiati in trasportini o gabbie non superiori a 25x45x80 cm. Sui mezzi pubblici di Napoli è consentito invece il trasporto gratis di un cane per ogni passeggero, ma solo se viene tenuto in braccio. Normativa che di fatto esclude i cani di taglia medio-grande o grande.

CANI, GATTI E ALTRI ANIMALI D’AFFEZIONE SUI TRENI

Sui treni di Trenitalia i cani di piccola taglia, i gatti e gli altri animali domestici viaggiano gratuitamente in prima e seconda classe, su tutte le categorie di treno, purché custoditi in un trasportino che non superi le misure di 70x30x50 cm (massimo un trasportino per passeggero) e muniti di certificato di iscrizione all’anagrafe canina e libretto sanitario. Anche i cani più grandi sono ammessi sui treni, ma dietro pagamento di un biglietto al 50% della tariffa standard e con guinzaglio e museruola. Restrizioni: i cani di taglia grande sono esclusi dai livelli di servizio Executive, Premium, dalla Working Area, dall’area del silenzio e dai salottini dei Frecciarossa; dai treni regionali nell’orario 7-9 del mattino dal lunedì al venerdì, tranne i festivi; dai compartimenti delle carrozze letto, a meno che non vengano acquistati per intero. Nel mese di agosto, per scongiurare il triste fenomeno dell’abbandono dei cani in occasione delle vacanze, il biglietto del treno per i cani grossi costa soltanto 5 euro. Inutile precisare che i cani guida per le persone non vedenti viaggiano su tutti i treni senza dover pagare nulla.

CANI, GATTI E ALTRI ANIMALI D’AFFEZIONE SU AEREI ALITALIA

Si può viaggiare con cani, gatti e altri animali sugli aerei della compagnia di bandiera Alitalia? Certo che si può, basta rispettare lo specifico regolamento. Tenendo comunque presente che servizio di trasporto animali non è disponibile su tutti gli aeromobili e le dimensioni massime imbarcabili variano a seconda dell’aero utilizzato. Quindi è sempre meglio informarsi in anticipo. In ogni caso per volare con un animale domestico è necessario acquistare un supplemento al biglietto che varia a seconda del peso, del trasporto in cabina o in stiva e degli aeroporti di partenza e destinazione. Tranne alcune eccezioni il trasporto sugli aerei di cani, gatti & co. costa 40 euro sui voli nazionali, 75 euro sui voli per l’Europa e il nord Africa, 150 euro sui voli per il Canada e 200 euro sui voli per USA, Messico e resto del mondo. Sono inoltre richiesti documenti sanitari diversi a seconda che il volo sia nazionale, per un paese europeo o un paese extra-europeo. Per esempio per una tratta italiana sono sufficienti tessera sanitaria e microchip. Mentre per viaggiare in UE, i cani, i gatti e anche i furetti devono essere muniti di passaporto rilasciato da un veterinario che riporti le vaccinazioni (obbligatorio l’antirabbico) e lo stato di salute dell’animale, oltre a tatuaggio leggibile o sistema elettronico di identificazione. Inoltre gli animali di età inferiore ai 3 mesi non possono viaggiare in aereo. Il trasporto di cani guida o d’assistenza riconosciuti per passeggeri disabili è gratuito.

CANI, GATTI E ALTRI ANIMALI D’AFFEZIONE SU NAVI E TRAGHETTI

In Italia cani, gatti e altri animali da compagnia possono viaggiare su navi e traghetti, ma con particolari attenzioni. Per essere ammessi a bordo, è richiesto, oltre il pagamento di un biglietto ridotto (ogni compagnia marittima ha la sua tariffa), il rispetto delle normative igienico-sanitarie in vigore. In particolare, i cani devono essere muniti di libretto d’iscrizione all’anagrafe canina. E in generale tutti gli animali domestici devono avere la certificazione veterinaria di buono stato di salute. Solitamente gli animali di piccola taglia viaggiano in una gabbietta e possono sostare in cabina con i propri padroni, mentre quelli più grandi vengono sistemati in un’area riservata, dove è comunque possibile visitarli e accudirli (la cura e il mantenimento sono a carico dei proprietari). Importante: durante la traversata cani e gatti non vanno mai  lasciati nell’auto, perché nei garage dei traghetti si raggiungono spesso temperature elevatissime! Da ricordare, infine, che nelle operazioni di imbarco e sbarco è sempre necessario l’uso del guinzaglio e della museruola.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mascherine all’aperto e in auto

Mascherine all’aperto e in auto: quando finisce l’obbligo?

Gomme usate: è legale montarle sull’auto?

Autostrade: un cantiere ogni 18 km da nord a sud