10 Costruttori che hanno prodotto più auto con AEB nel 2018

Test congiunto NHTSA e IIHS sul tema dei sistemi sicurezza anticollisione AEB. Dalla rilevazione emerge che 10 costruttori hanno equipaggiato più della metà dei loro veicoli

21 marzo 2019 - 17:47

L’Istituto americano per la sicurezza stradale IIHS e l’Ente americano per la sicurezza NHTSA mettono alla prova la diffusione dei sistemi di frenata automatica AEB. Messe sotto torchio le case automobilistiche per confrontare il numero dei dispositivi installati a bordo tra il 1° settembre 2017 ed il 31 agosto 2018 con quelli presenti nel 2019. Notevoli gli sviluppi positivi sul fronte delle tecnologie di sicurezza AEB negli Stati Uniti. Dal report emerge che tre produttori, ovvero Mercedes-Benz, Tesla e Volvo riportano un punteggio superiore al 90% (ad essere precisi 93%), mentre l’americana Tesla raggiunge la vetta del 100%. Si tratta di dati interessanti perché oggi molte vetture montano di serie i dispositivi di frenata automatica di emergenza.

IL TEST

Dagli Usa arriva un nuovo test congiunto NHTSA e IIHS sul fronte della sicurezza dei sistemi anticollisione AEB. Dalla rilevazione emerge che dieci case automobilistiche riferiscono di aver equipaggiato più della metà dei loro veicoli, prodotti tra il 1° settembre 2017 e il 31 agosto 2018, con la frenata d’emergenza automatica (AEB). Questo è il secondo aggiornamento che riguarda i progressi dei produttori verso l’equipaggiamento di ogni nuovo veicolo con la tecnologia antiurto entro il 1° settembre 2022. Nel frattempo anche l’Unione europea si sta muovendo sul campo. L’idea è quella di rendere obbligatori i sistemi AEB dal 2020 (Leggi in Ue AEB obbligatorio dal 2020). Dalla rilevazione si colgono quanto siano notevoli gli sviluppi positivi sul fronte delle tecnologie di sicurezza AEB. Le case automobilistiche partecipanti includono Audi, BMW, FCA, Ford, General Motors, Honda, Hyundai, Jaguar Land Rover, Kia, Maserati, Mazda, Mercedes-Benz, Mitsubishi, Nissan, Porsche, Subaru, Tesla, Toyota, Volkswagen e Volvo. Queste aziende rappresentano insieme oltre il 99% del mercato automobilistico statunitense. Ecco i primi 3 nella classifica dei più virtuosi che vantano oltre il 90% di auto prodotte con AEB.

TESLA

Come detto i dati sono frutto di un’impegno volontario dei brand. Notevole lo zelo dimostrato da Tesla che guida la classifica nel periodo 2017-2018 con il 100% di copertura e conferma a pieni voti la performance nel 2019.

MERCEDES-BENZ

Cattive notizie per il brand tedesco. Se nel periodo 2017-2018 il 96% della sua flotta montava i sistemi AEB quest’anno perde quota e scende all’89%. Ad ogni modo riesce a conservare il secondo posto nella classifica assoluta.

VOLVO

Dal canto suo il costruttore svedese si piazza terzo con una prestazione degna di nota. Nel biennio 2017-2018 il 93% dei suoi veicoli erano provvisti di AEB. Al 2019 il loro numero è salito al 100%. Diamo uno sguardo alla classifica generale del report.

LA LISTA DEI “CATTIVI”

Sicuramente alcuni brand si sono impegnati meno di altri. Meno del 10% dei veicoli prodotti durante il periodo di riferimento 2017-2018 da Ford, Mitsubishi e Porsche erano dotati di AEB. Jaguar Land Rover registra addirittura la presenza di nessun veicolo provvisto di AEB tra il 2017 ed il 2018. Comunque va preso atto che il 2019 ha iniziato a segnare una profonda svolta con un crescente numero di esemplari provvisti di AEB anche tra questi marchi. Un esempio su tutti. Jaguar Land Rover accellera dall’inglorioso 0% al 60%. Sulla base delle relazioni fornite dai 20 produttori si evince che circa la metà dei veicoli prodotti durante il periodo analizzato sono stati dotati di AEB. Notevoli gli sviluppi positivi sul fronte delle tecnologie di sicurezza AEB. (Leggi test IIHS AEB pedoni promossi e bocciati).

IMPEGNO COMUNE

Dal 2015 NHTSA e IIHS, si sono impegnate a portare la tecnologia di sicurezza AEB quanto più velocemente sulle auto in commercio. Dal canto loro i brand automotive registrano notevoli sviluppi positivi sul fronte delle tecnologie di sicurezza AEB . “Tecnologie come la frenata d’emergenza automatica possono aiutare a rendere le auto più sicure sulle strade, il che significa che gli americani sono più sicuri quando viaggiano, ha detto il vice dell’NHTSA, Heidi R. King aggiungendo che “Questo aggiornamento sullo stato dell’impegno volontario dell’AEB dimostra come gli approcci collaborativi per far progredire la tecnologia di sicurezza possano essere un modo efficace per far avanzare i nostri obiettivi di sicurezza condivisi”. Secondo l’IIHS, l’impegno preverrà 28.000 incidenti e 12.000 feriti entro il 2025. Secondo i dati ritracciati da Consumer Reports e IIHS, 13 dei 20 produttori “indagati” offrono l’AEB come equipaggiamento di serie per tutti i livelli di allestimento su almeno la metà dei loro modelli 2019.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

La Peugeot 301 e il logo usato illegalmente in Iran

RC auto: tariffe scese del 20% in cinque anni, l’annuncio dell’IVASS

Foratura pneumatico: la riparazione certificata che resiste anche a 300 km/h