Deposito auto in officina

Garanzia sull’auto acquistata all’estero

Come funziona la garanzia sul'auto acquistata all'estero? Facciamo chiarezza proponendovi alcuni esempi che riguardano situazioni diverse

26 febbraio 2020 - 15:06

La nostra guida sull’importazione delle auto estere, nuove o usate, non può tralasciare un argomento importante come la garanzia. Giova ricordare che in caso di difetti di funzionamento di un bene regolarmente acquistato, il consumatore può avvalersi della garanzia legale di conformità, la cui durata è stabilita dalla direttiva UE 44/1999 ed è pari a 2 anni in tutti i 27 paesi dell’Unione Europea. Il diritto di garanzia si può far valere direttamente presso il venditore, anche se l’applicazione pratica della garanzia nel caso delle auto usate è più complessa, tra poco spiegheremo perché.

LA GARANZIA SULL’AUTO IMPORTATA

È bene comunque mettere nero su bianco come il venditore intenda coprire eventuali costi di riparazione ‘a distanza’, visto che non sempre chi compra all’estero è poi disposto a tornare dal venditore per avvalersi dei propri diritti di garanzia in caso di malfunzionamento o guasto. Possiamo quindi ben dire che l’applicazione pratica della garanzia legale nel caso di acquisto transfrontaliero dell’automobile può rivelarsi molto costosa per il consumatore, soprattutto a causa della distanza che lo separa dal venditore.

GARANZIA SULL’AUTO ACQUISTATA ALL’ESTERO USATA

Il venditore professionista estero deve coprire i costi per il ripristino dell’auto in garanzia ma non ha alcun obbligo di assumersi le spese di trasporto del veicolo guasto. Tuttavia può pretendere che lo stesso sia recapitato presso la sua concessionaria/officina per la riparazione. Ciò significa che, se l’auto acquistata non può più circolare a causa del guasto sopravvenuto, l’acquirente deve farsi carico delle spese per il suo trasporto fino all’indirizzo del venditore. Per prevenire questa eventualità, specialmente quando si tratta di sostituire parti o ricambi molto costosi, è consigliabile per lui accordarsi con il venditore estero affinché si impegni a far pervenire in Italia il pezzo necessario, mentre l’acquirente accetta di assumersi buona parte delle spese di manodopera del meccanico. Questo compromesso permette di risparmiare le spese di trasporto del veicolo.

GARANZIA SULL’AUTO ACQUISTATA ALL’ESTERO NUOVA

Se l’auto acquistata all’estero è nuova l’applicazione della garanzia diventa più semplice. Basta informarsi, all’atto della stipula del contratto, se sia possibile far valere la garanzia presso un concessionario operante in Italia. Qualora questa possibilità venga accordata, è necessario farsi rilasciare una conferma scritta e accertarsi che gli interventi coperti da garanzia si possano effettivamente eseguire in Italia.

GARANZIA SULL’AUTO ACQUISTATA ALL’ESTERO DA PRIVATI

All’estero, così come in Italia, ci sono molti privati che vendono direttamente la loro auto usata, spesso a prezzi decisamente interessanti. Il canale privilegiato per questo tipo di offerte è il web. La transazione tra privati può però nascondere varie insidie e richiede particolare cautela. Inoltre occorre tenere presente che, comprando da un privato, si deve con tutta probabilità rinunciare a ogni forma di garanzia, specie se il periodo di validità della garanzia contrattuale è già stato superato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Noleggio auto con bancomat

Noleggio auto con bancomat: come funziona

Si può assicurare l'auto per un giorno

Si può assicurare l’auto per un giorno?

Rimozione forzata

Rimozione forzata: come recuperare il veicolo