T

TPM/TPMS – Tire Pressure Monitoring System

30 settembre 2013 - 18:26

Si tratta di un sistema che monitora la pressione di ciascun pneumatico e avvisa il guidatore se quest’ultima si abbassa considerevolmente rispetto al livello ottimale.

Il sistema TPM/TPMS può essere di tipo diretto o indiretto:

  • Diretto: all’interno di ciascun pneumatico viene installato un sensore di pressione che, attraverso onde radio, trasmette con una frequenza di una volta al minuto i dati rilevati al computer all’interno della vettura. Questo sensore può essere installato direttamente sul cerchione oppure sul retro della valvola dell’aria.
    Questo tipo di monitoraggio ha il vantaggio di offrire un’alta affidabilità e precisione nel controllo della pressione di ciscuna ruota, e di avere un monitoraggio in tempo reale. D’altro canto, tuttavia, durante le operazioni di sostituzione pneumatici questi sensori vengono spesso danneggiati; inoltre esiste il vincolo di dover montare le ruote nella precedente posizione, senza poterle invertire.
  • Indiretto: questo sistema, elaborando i dati rilevati dai sistemi ABS (Antilock Braking System) e ESC (Electronic Stability Control), è in grado di confontare la velocità delle singole ruote e, quindi, determinare eventuali basse pressioni, considerando che a pressione minore corrisponde un diametro inferiore e un aumento di giri di rotazione della ruota.
    I sistemi indiretti più recenti elaborano anche le variazioni dei carichi in fase di accelerazione, frenata o sterzata nonchè le vibrazioni.
    Ma se questo sistema ha il solo vantaggio del basso costo d’installazione (e per questo motivo viene preferito dai costruttori d’automobili) purtroppo offre un rovescio della medaglia ben più “colorito”: per ogni sostituzione dello pneumatico occorre effettuare un inserimento manuale delle impostazioni di ripristino e della calibrazione dello stesso; inoltre se tutti e quattro gli pneumatici dovessero sgonfiarsi alla stessa velocità, il sistema leggerebbe la stessa rotazione e, quindi, non rivelerebbe alcuna anomalia; infine il tempo di reazione del sistema indiretto è tale da avvisarci con notevole ritardo della perdita di pressione, col rischio di ritrovarci con la gomma a terra quando ormai è troppo tardi.

Il sistema, che non deve essere considerato come alternativa ad un regolare controllo e manutenzione dei pneumatici, contribuisce alla sicurezza di marcia, permette di migliorare i consumi, la durata dei pneumatici e, soprattutto, contribuisce a prevenire perdite di aderenza.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Parcheggio con strisce: come “funzionano” i vari colori?

Box Tetto Auto: i migliori del 2020 secondo ADAC

Coronavirus, sanificare l’auto con Ozono funziona o è una truffa?