controlli sulla carrozzeria

Acquisto auto usate: i controlli sulla carrozzeria

Prima di procedere all'eventuale acquisto di auto usate i controlli sulla carrozzeria sono assolutamente necessari per scoprire possibili magagne

12 marzo 2020 - 9:32

La carrozzeria è una sorta di album dei ricordi dell’auto ma bisogna saper leggere gli indizi che vi mette a disposizione. A differenza del motore, che richiede orecchio per valutarne lo stato di salute, chiunque  può capire se sotto un ‘ritocchino’ si nasconde una manovra di parcheggio poco attenta o qualcosa di più serio. Se state valutando l’acquisto di un’auto usata, i controlli sulla carrozzeria devono cominciare guardando la vettura sia al sole che all’ombra in cerca delle macchie lasciate dalla resina degli alberi e di aloni circolari di un frequente lavaggio rapido a rulli. Intendiamo: niente che una lucidatura non possa rimuovere, ma nel caso vi costerebbe fino a 150 euro dal carrozziere in base alle dimensioni dell’auto. Più o meno quanto la riverniciatura di un paraurti graffiato che si smonta con facilità. Evitate di controllare l’auto nei giorni di pioggia poiché l’acqua nasconde i difetti della vernice meglio di quanto si possa credere. E la polvere attaccata non vi aiuterà a fare una buona valutazione. In generale, chiedete di poter controllare il sottoscocca portando l’auto in un’officina, anche di fiducia del proprietario. Se ciò non fosse possibile tirate fuori lo specchietto alla ricerca di parti del telaio danneggiate in un incidente e riparate alla meno peggio. Lo specchio, insieme a una piccola torcia, vi torneranno molto utili anche in seguito.

CONTROLLI SULLA CARROZZERIA: L’AUTO CON LE LENTIGGINI

Iniziate i controlli sulla carrozzeria osservando la parte anteriore dalla targa. Se è molto ondulata dovete ricercare nel sottoscocca e nel vano motore i probabilissimi segni di un incidente. Poi, se frontale ha tanti piccoli puntini e scalfiture (come delle ‘lentiggini’) l’auto potrebbe aver percorso molti chilometri in autostrada. Dove i moscerini e i sassolini sparati dalle auto davanti sono la regola. Osservate con attenzione se il colore si presenta di tonalità diversa o più vivace tra i pannelli della carrozzeria vicini. Come tra parafango e portiera, tra parafango e cofano motore, tra paraurti e cofano motore e così via, girando intorno all’auto. Se così non fosse, probabilmente uno o più elementi potrebbero aver subito una riverniciatura. Se invece trovate tracce di vernice sulle guarnizioni che circondano i cristalli (prova evidente di una mascheratura poco accorta) non c’è alcun dubbio, l’auto è passata in carrozzeria e il proprietario deve spiegarvi il motivo.  I carrozzieri più abili poi, anziché ‘sfumare’ o verniciare interamente un’area estesa, sfruttano gli spigoli della carrozzeria (come la linea di cintura) per ingannare l’occhio umano. Che sicuramente non percepirà la variazione cromatica. Tuttavia la vernice trasparente applicata sulla base di colore forma dei gradini comunque percepibili al tatto.

CONTROLLI SULLA CARROZZERIA DI UN’AUTO USATA: COME SCOPRIRE I ‘COLPI BASSI’

Tutti i pannelli della carrozzeria che fanno corpo unico con il telaio (longheroni sottoporta, parafanghi posteriori e tetto, ma anche gli scatolati complessi come le portiere) non si possono riparare con la stessa facilità di quelli smontabili, se sono ammaccati. Tagliare e ricucire o ribattere la carrozzeria, come era abitudine tra i maestri lattonieri di un tempo, richiede molta manodopera dai costi eccessivi per un’utilitaria di 5-6 anni. Ecco perché nei punti inaccessibili o più difficili da raggiungere, una riparazione economica impone il largo impiego di stucco metallico per colmare e appianare le irregolarità. Una volta indurito e riverniciato l’aspetto dell’auto tornerà come in origine ma non per molto. Con le vibrazioni e gli sbalzi termici lo stucco tende infatti a fratturarsi e a gonfiarsi facendo staccare la vernice. È il momento di tirare fuori la calamita. Se l’auto non ha una carrozzeria di plastica o di alluminio è sufficiente una calamita di quelle attaccate al frigo di casa per smascherare il trucco. Basta avvicinarla alla carrozzeria nei punti da controllare e se la forza attrattiva diminuisce significativamente rispetto alle zone vicine, vuol dire che in quel punto si è usato molto stucco. Vi raccomandiamo di coprire la parte magnetica con del nastro carta per scongiurare il rischio di graffiare la vernice. E, prima di procedere, assicuratevi che il proprietario sia d’accordo spiegandogli cosa farete. Potrebbe infatti storcere il naso vedendovi armeggiare con un oggetto non identificato!

Andate adesso nell’homepage della nostra guida all’acquisto di auto usate e scegliete gli altri argomenti che potrebbero interessarvi. Ma prima di ciò scaricate la check list dei controlli da fare sull’auto prima dell’acquisto.

Scarica PDF

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida acquisto Auto Usata

Parco circolante Italia: nel 2020 il 60% ha oltre 11 anni

Ecobonus auto 2020

Le 10 migliori auto elettriche del 2020

Garanzia auto

Auto usate a luglio 2020: oltre 300 mila i passaggi di proprietà