Diesel senza futuro? Il parere di Costruttori ed esperti contraddice l’UE

Il futuro dei motori diesel è sempre più minato dalle politiche governative ma quanto è realmente fondata la lotta al diesel? Ecco come stanno le cose

Diesel senza futuro? Il parere di Costruttori ed esperti contraddice l’UE
Ha destato molto interesse la dichiarazione di Matthias Muller, AD del gruppo VW rilasciata in occasione del Salone di Ginevra secondo cui "In un futuro non troppo lontano, il diesel vedrà una ripresa perché gli automobilisti si renderanno conto che si tratta di motorizzazioni molto efficienti". Ma gli automobilisti europei sono ben consapevoli delle eccellenti qualità del diesel moderno ed è per questo che da alcuni decenni in tanti lo preferiscono al motore a benzina. Quindi non bisogna convincere gli acquirenti ma i legislatori europei e i sindaci delle grandi città, compatti nella assurda crociata anti-diesel. Negli ultimi anni la classe politica e i vari governi, influenzati negativamente e in modo esagerato dalle teorie catastrofiste della OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dal dieselgate, hanno criminalizzato il diesel annunciando drastici divieti alla circolazione e produzione delle auto a gasolio da attuare fra qualche anno. Ovviamente questi provvedimenti, non supportati da riscontri oggettivi e super partes ma dettati sull'onda emotiva del suddetto scandalo delle emissioni truccate, stanno condizionando i programmi produttivi dei costruttori e le scelte dei consumatori.

RIDUCE LA CO2

Muller ha inoltre sottolineato che le motorizzazioni diesel sono necessarie per rispettare i nuovi limiti di emissioni CO2 fissati per il 2021 (95g/km) e di questo i governi ne devono tener conto. Quella di VW appare come una inattesaretromarcia strategica se si pensa ai frequenti proclami sul futuro elettrico del gruppo tedesco allo scopo di ricostruire un'immagine aziendale (danneggiata dal dieselgate) su basi ambientaliste. Anche Ford da Ginevra ha lanciato il suo messaggio a favore del diesel, precisando comunque che i costosi investimenti necessari per rispettare i nuovi limiti di emissioni porteranno alla rinuncia di tale motorizzazione sulle piccole cilindrate.

DIESEL IN CADUTA LIBERA

Intanto, in attesa che le timide (e forse tardive) voci di questi costruttori a favore del diesel vengano ascoltate almeno a livello UE, il mercato delle auto a gasolio sta progressivamente crollando in tutti i Paesi europei. In Germania la percentuale delle immatricolazione delle vetture diesel è scesa al 30% (leggi qui i dati del mercato Europa) ed anche in Francia, patria di Peugeot e Renault grandi produttori e fornitori di motori diesel anche per altri Marchi, e in Gran Bretagna si assiste a un forte calo delle vendite di vetture a gasolio. Fino a qualche mese fa l'Italia non era stata ancora contagiata, in termini di vendite, dalla caccia alle streghe anti-diesel,ma dopo le recenti dichiarazioni di alcuni sindaci che hanno preannunciato l'ostracismo verso i diesel dal 2024, si è creato il panico anche da noi. Proprio in questi giorni ci giungono notizie dalle concessionarie prese d'assalto dai clienti allarmati che chiedono di modificare il loro ordine di un modello diesel con un altro a benzina. Ma non sempre ciò è possibile poiché le fabbriche producono in base agli ordini, poi se la vettura è già immatricolata il problema diventa insormontabile. Le Case e i concessionari dovranno far fronte a questa emergenza con campagne di sconti straordinari che potrebbero annullare i rispettivi margini di guadagno. Gli automobilisti più disperati e imbestialiti sono quelli che pochi mesi fa hanno ritirato la loro nuova auto diesel euro 6 e si ritrovano ora con un veicolo di ultima generazione ma già di serie B, super svalutato, quasi invendibile, ghettizzato dai sindaci cosiddetti "ambientalisti". In buona sostanza, ci troviamo di fronte a decisioni superficiali, pericolose, di stampo demagogico che mettono in crisi i consumatori e l'intera filiera dell'automotive.

GUERRA ALLE POLVERI SOTTILI

A fasi alterne il motore diesel viene colpevolizzato di inquinare più del propulsore a benzina. Poiché per quanto riguarda le emissioni di CO2 il diesel è in netto vantaggio rispetto al benzina, allora i legislatori si sono accaniti sul particolato PM (polveri sottili), prodotto peraltro in grande quantità dagli impianti di riscaldamento e industriali (specie se a gasolio, carbone, pellet) degli edifici. Le polveri sottili sono anche prodotte per via naturale (terreno, vegetazione). Il limite tollerato di polveri sottili nelle zone urbane nell'ambito UE è di 50 mg/m3, valore molto ridotto e di tutta sicurezza se si considera che negli anni '60-'70-'80, con le industrie vicine ai centri urbani, in assenza di riscaldamenti a metano e con i veicoli privi di qualsiasi dispositivo anti-emissioni, si raggiungevano nelle città industriali del nord come Milano o Torino,  normalmente valori di PM superiori a 280-350 mg/m3. Quindi è scientificamente falso affermare, come usa fare anche gran parte dei  media allineati alle politiche catastrofiste, che l'aria delle nostre città è oggi inquinata come mai in passato. E questo vale anche per gli altri elementi inquinanti non sottoposti all'epoca a nessuna regolamentazione o limitazione.

QUAUNTO POSSONO INQUINARE LE AUTO NUOVE

Per chiarire meglio le differenze esistenti tra motori diesel e benzina in termini di limiti di emissioni Euro 6 (obbligatoria per le auto nuove vendute dal 1 settembre 2015), riportiamo di seguito i valori previsti.
Benzina+GPL+metano
  • CO: 1000 mg/km (500 mg/km per diesel)
  • NOx: 60 mg/km (80mg/km per diesel)
  • HC: 100 mg/km (valido x benzina e diesel)
  • HC+NOx: 170 mg/km (solo per diesel)
  • PM: 5-4,5 mg/km (solo x diesel e motori a benzina a iniezione diretta)
Come si può vedere le differenze sono minime, alcune a favore del diesel come le emissioni di CO (monossido di carbonio) dimezzate rispetto al benzina. I limiti degli HC (100 mg/km) sono identici, mentre il divario degli NOx (ossidi azoto) è minimo. Il limite delle polveri sottili (PM), notevolmente ridotto rispetto alle Euro 4 (-80%) ma invariato rispetto a Euro 5, è identico per le auto a benzina iniezione diretta e per le diesel. Gli NOx per i diesel passano dai 180 mg/km dell'Euro 5 a 80 mg/km. Per poter rientrare in questo limite è stato necessario ricorrere alla doppia valvola EGR o al post-trattamento dei gas discarico con il fluido del tipo AdBlue (miscela di urea e acqua demineralizzata). Approfondisci qui il tema delle emissioni e cosa cambia tra Euro 5 ed Euro 6.

MANCA LA CO2, NEMICA DEL PIANETA

Analizzando questi valori, emerge l'assenza della CO2 (biossido di carbonio o anidride carbonica secondo la vecchia nomenclatura). Il motivo è semplice: la CO2 non entra nella lista delle emissioni inquinanti poiché è un gas ad effetto serra non inquinante. Eppure in Europa le emissioni di CO2 sono diventate paradossalmente l'ossessione dei legislatori addetti all'ambiente e dei costruttori, e per questo si è deciso di legiferare a parte attraverso i protocolli di Kyoto, Parigi e seguenti.

LO SCIENZIATO SMENTISCE BRUXELLES

In merito alle polveri sottili ritengo utile riportare uno stralcio di quanto scritto pochi giorni or sono su un noto quotidiano dal prof. Franco Battaglia docente di chimica ambientale presso l'università di Modena e noto ricercatore presso prestigiosi atenei americani, tedeschi e italiani. "Ma poi, perché il diesel? È un ottimo motore, di lunga durata e usa il carburante liquido che ha la massima densità d'energia, sia in massa che in volume.Qualcuno insiste con le polveri sottili che starebbero provocando una strage: mezzo milione di morti in Europa, dicono quei geniacci di Bruxelles. Ora, siccome hanno anche affermato che il contributo dei diesel a questa ecatombe è di 10mila decessi, facendo l'aritmetica del caso si scopre che questo contributo è il 2%. Insomma, il 98% dei deceduti per polveri sottili non hanno nulla a che vedere col diesel." Prosegue il prof. Battaglia: "L'auto elettrica? Scordatevela. Finché avremo carburante liquido e ne avremo per il prossimo secolo nessuno vorrà l'auto elettrica. Neanche gratis. E taccio del fatto che se il nostro parco-auto fosse elettrico, avrebbe bisogno dell'elettricità prodotta da 50 reattori nucleari per essere alimentato. Lo scorso novembre, invitato a Piazza Pulita, un giovanotto che diceva d'essere fisico del Cnr sosteneva che non il nucleare ma il fotovoltaico avrebbe fornito l'elettricità. Ma s'era dimenticato di fare l'aritmetica: l'impegno economico necessario è pari al nostro debito pubblico, euro 2mila miliardi." Estremamente interessante lo studio dell'EPA americano e di 4 università europee, citato pochi giorni fa anche su radio Rai dall'ing. Enrico De Vita, uno dei giornalisti tecnici più esperti del settore auto. Ebbene, tale studio dimostra che l'auto diesel emette meno PM10 rispetto ad una  a benzina o addirittura elettrica, tenendo anche conto delle polveri sottili derivanti da usura freni, pneumatici, strada e polveri terreno.

GLI ALTRI TRASPORTI INQUINANTI MENO TARTASSATI

In questo mare magnum di falsità scientifiche e tecnologiche anti-diesel, non possiamo fare a meno di sottolineare l'assoluta mala fede dei provvedimenti annunciati poiché questi non colpirebbero il trasporto merci e persone su strada ( veicoli industriali, commerciali, pullman, bus), via mare e il trasporto aereo. Come è noto la suddetta tipologia di veicoli si avvale di motori diesel di grossa cilindrata (non potrebbe essere diversamente) e i motori a reazione degli aerei sono alimentati a cherosene (un gasolio meno raffinato). Un TIR moderno consuma in media 1 litro di gasolio ogni 2-3 km da scarico, mentre un solo giorno di traffico aereo a Fiumicino inquina come 350 mila auto non catalizzate. Per non parlare delle emissioni provenienti dalle navi. La sindaca di Roma Virginia Raggi giustifica il suo annunciato provvedimento anti-diesel (leggi qui del divieto di circolazione e quando scatterà a Roma) con la volontà di contribuire a mitigare i cambiamenti climatici (attribuiti alle emissioni di CO2, ndr). Ma cosa c'entrano le polveri sottili di cui sarebbero colpevoli le auto diesel?

Pubblicato in L'esperto di SicurAUTO il 12 Marzo 2018 | Autore: Bruno Pellegrini


Commenti

Mauro Poletto il giorno 31 Marzo 2018 ha scritto:

Sono un convinto sostenitore dell'Ibrido, mi sono informato negli anni e questo articolo mi fa letteralmente infuriare, soprattutto perché si nomina come esperto Enrico De Vita, da anni acerrimo nemico di chi conosce ed apprezza il motore ibrido.

Bruno Pellegrini il giorno 31 Marzo 2018 ha scritto:

(risponde l'autore dell'articolo)
Egregio Sig. Poletto,
in questo articolo non sono in discussione le auto ibride, bensì gli annunciati divieti nei confronti delle vetture diesel anche di ultima generazione. L'ing. De Vita è uno dei pochi giornalisti di settore che ha reso noti i valori di PM10 rilevati a Milano negli anni '70-80 per dimostrare, con dati incontestabili, che il livello di inquinamento dell'aria urbana era in quegli anni di gran lunga maggiore di quello attuale. Invece i sindaci e i vari enti preposti ci vogliono far credere tutto il contrario. L'ing. De Vita, da esperto tecnico, ben conosce i limiti delle auto ibride e quanto siano sopravvalutate dalle varie amministrazioni pubbliche. Chi scrive ha provato su strada gran parte delle auto ibride in commercio e non ha mai riscontrato i consumi irreali che le Case dichiarano grazie a normative compiacenti. La ringrazio per la cortese attenzione.
Bruno Pellegrini

Francesco Gabelli il giorno 10 Aprile 2018 ha scritto:

Aggiungiamoci che ci sono state vetture ibride con unità termica a Gasolio e ci potrebbero essere in futuro

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri