10 errori da non fare al lavaggio auto fai da te

Un lavaggio auto perfetto è possibile anche a casa, scopri i trucchi più efficaci e gli errori più comuni da non commettere

10 errori da non fare al lavaggio auto fai da te
Il lavaggio della propria vettura è per molti automobilisti un rito sacro, un momento nel quale ritirarsi con il proprio Io e l'amata quattro ruote. In tanti reputano lavare l'auto rilassante e distensivo e preferiscono far da sé piuttosto che recarsi da un professionista. Bisogna però prestare attenzione ad alcune basilari regole e attenersi all'utilizzo di prodotti specifici affinché ci si possa compiacere del lavoro fatto e, soprattutto, non rischiare di arrecare danni alla carrozzeria o a componenti dell'auto. Vediamo assieme il decalogo del lavaggio auto perfetto.

1 ATTREZZATURA INDISPENSABILE

qualora decideste di procedere al lavaggio della vettura in un'area privata e non presso un self service, è indispensabile avere un'attrezzatura minima per procedere all'operazione. L'indispensabile sono due secchi, una spugna antigraffio o meglio un guanto di lana, alcuni panni in microfibra puliti per asciugare la vettura. Per quanto riguarda i prodotti chimici bisogna avere almeno uno shampoo per auto di qualità e con un buon potere schiumogeno, un prodotto per la rimozione di insetti e resine, uno sgrassatore e una spazzola per i cerchi, un prodotto che agevoli l'asciugatura senza aloni e renda le superfici lucide (Scopri il lavaggio auto a domicilio).

2 LUOGO E CONDIZIONI IDEALI

Regola fondamentale è lavare l'auto in una zona ombreggiata e mai sotto la luce diretta del sole. Se dobbiamo procedere al lavaggio in una giornata torrida meglio lavare l'auto in due tempi, ad esempio prima la metà anteriore e poi la posteriore. Questo perché il caldo tende a far evaporare rapidamente l'acqua, rendendo impossibile un buon risultato. Se utilizzate un'area condominiale, verificate l'eventuale regolamento interno e scegliete una zona dove poter fare defluire l'acqua senza creare pozzanghere.

3 MAI LAVARE UN'AUTO CALDA

Se l'auto è stata esposta al sole o il cofano motore è molto caldo è sconsigliato procedere immediatamente al lavaggio. Se non si ha la possibilità o il tempo di aspettare che raffreddi si può procedere ad un lavaggio preliminare con sola acqua corrente, facendo così abbassare gradualmente la temperatura. La superficie troppo calda farebbe evaporare la schiuma rapidamente, seccandola sulla carrozzeria.

4 PRELAVAGGIO

È la fase più delicata e dalla quale dipende il risultato nonché la salute della verniciatura dell'auto. Errore da evitare a vettura sporca è quello di bagnarla e procedere a insaponarla con la spugna o il guanto, non si fa altro che spalmare lo sporco sulla carrozzeria, causando migliaia di micrograffi i quali, oltre che inestetici, faranno perdere lucentezza alla vettura. Un buon prelavaggio si ottiene nebulizzando su tutta la vettura la soluzione di shampoo lasciandola agire; successivamente, meglio se con una idropulitrice, si procede al risciacquo facendo distaccare e scorrere via lo sporco grossolano.

5 MOSCERINI E RESINE

Dopo un viaggio in autostrada è un classico ritrovarsi parabrezza, cofano e tutto l'anteriore dell'auto con centinaia di insetti spiaccicati. Rimuoverli è solitamente difficoltoso e possono essere utilizzati prodotti specifici in fase di prelavaggio, lo stesso vale per resine e residui catramosi (Leggi l'auto pulita è più sicura).

6 CERCHI IN LEGA SPLENDENTI

Croce e delizia di ogni appassionato, i cerchi in lega sono un ricettacolo di sporco pesante, sia raccolto per strada che prodotto dall'impianto frenante. Nella fase di prelavaggio opportuno nebulizzare un prodotto sgrassatore e con l'ausilio di una spazzola pulire tra le razze e altri elementi del cerchio. Dopo il risciacquo il cerchio sarà soltanto da definire.

7 TECNICA DEI DUE SECCHI

Per un lavaggio ottimale è fondamentale imparare la tecnica dei due secchi, nel primo si metterà la soluzione di acqua e shampoo, nel secondo soltanto acqua per risciacquare con frequenza la spugna o il guanto. Questo modo di operare permetterà di avere pulita la soluzione di shampoo, evitando di riportare lo sporco sulla carrozzeria. Con questo procedimento va insaponata per bene tutta la carrozzeria partendo dall'alto e quindi dal tetto, l'ideale sarebbe utilizzare per la parte più bassa dell'auto una spugna dedicata.

8 IL RISCIACQUO

Il risciacquo deve essere effettuato con abbondante acqua, in modo da far defluire la schiuma dagli angoli più nascosti. Ideale sarebbe avere una idropulitrice ma anche un tubo da giardinaggio, magari con un ugello che aumenti la pressione dell'acqua, può assolvere questo importante compito.

9 L'ASCIUGATURA

Dall'asciugatura dipende per gran parte la buona riuscita del lavaggio, è consigliabile utilizzare panni puliti in microfibra, scegliendone una più morbida per la fase iniziare e una più fine per la definizione. In commercio è possibile trovare dei prodotti specifici che aiutano nell'operazione di asciugare rapidamente e senza aloni carrozzeria e superfici vetrate. È buona norma, come per il lavaggio, partire dall'alto asciugando il tetto.

10 LA RIFINITURA

Il tocco finale di un lavaggio è la stesura di una cera sulla carrozzeria, questo passaggio valorizzerà il nostro lavoro rendendo la carrozzeria lucida e al tempo stesso la proteggerà dagli agenti esterni. Bisogna precisare che se la verniciatura è ormai opacizzata o piena di micrograffi causati da errati lavaggi precedenti la cera non potrà fare miracoli (Nissan studia l'auto che non si sporca). Per chi ama il fai da te poco impegnativo sono consigliate le cere liquide pronte all'uso, si possono stendere facilmente e assicurano un buon risultato, ovviamente durano meno di una cera tradizionale.

Pubblicato in Attualità il 19 Luglio 2016 | Autore: Gabriele Amodeo


Commenti

Emanuele Farris il giorno 26 Luglio 2016 ha scritto:

Una volta all'anno consiglio il trattamento della carrozzeria mediante Clay bar, una sorta di panetto di "argilla" che, insieme ad un lubrificante specifico, rimuove impurità e residui dalla superficie trattata rendendola liscia e lucida. Dopodichè è buona cosa trattare la carrozzeria con un polish che lucidi e attenui tutti i micrograffi. Dopo il trattamento col polish è necessario proteggere la carrozzeria con una cera. Quest'ultimo passaggio sarebbe opportuno farlo alla fine di ogni lavaggio semplice, non costa molta fatica in quanto ci sono cere spray molto facili da passare.

Manutenzione Lampade Auto

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri