Bmw, Daimler, Ford e VW annunciano la più grande rete di ricarica d'Europa

L'accordo tra i Costruttori di auto prevede 400 stazioni di ricarica rapida dal 2017: i supercharger avranno potenze fino a 350 kW

29 novembre 2016 - 13:14

Un protocollo d'intesa siglato da alcuni dei maggiori e più importanti produttori di auto al mondo permetterà l'avvio della costruzione di una rete di ricarica europea funzionale ed estremamente veloce, permettendo così di viaggiare in tranquillità con le auto elettriche. I supercharger saranno utili a qualsiasi auto dotata del sistema di ricarica combinata CCS, permettendo tempi di accumulo di energia simili a quelli di un normale rifornimento di carburante.

L'ACCORDO Il fatto stesso che alcuni tra i principali brand automobilistici mondiali, e parliamo di BMW, Audi, Porsche, Daimler, il Gruppo Volkswagen e Ford, abbiano siglato un accordo di collaborazione per dotare l'Europa di un'adeguata infrastruttura in termini di colonnine di ricarica per veicoli elettrici, la dice lunga sull'attenzione ormai riservata a questa tipologia di auto. Il protocollo siglato permetterà in primis di garantire viaggi attualmente impensabili con le auto elettriche, con tempi di ricarica il più possibile snelliti (leggi del tour “Io sono elettrica” di Mercedes).

LE INFRASTRUTTURE Secondo l'accordo nel 2017 partirà la costruzione di 400 colonnine di ricarica veloce per auto elettriche lungo l'Europa, situate in punti strategici sulle principali rotte di transito veicolare. Questi punti di accumulo elettricità potranno garantire dei “pieni” di corrente in pochissimo tempo, merito anche di potenze che arrivano fino a 350 kWh e che dovrebbero definitivamente accantonare i sistemi attualmente utilizzati, così come i Supercharger di Tesla che sono diventato a pagamento (leggi dei supercharger di Tesla a pagamento dal 2017). Secondo i piani dei colossi mondiali si passerà da 400 a migliaia di colonnine entro il 2020.

LE RICARICHE Lo standard richiesto dalle colonnine sarà il Combined Charging System, grazie al quale tutte le auto potranno avere accesso alla fornitura di energia elettrica. Attualmente i tempi di ricarica vanno dai 20/30 minuti per l'80% della carica totale fino a diverse ore, quindi ben lontano dai pochi minuti necessari per rifornire il serbatoio di benzina prima di ricominciare il viaggio, ma i nuovi supercharger permetteranno di abbattere queste tempistiche ed avvicinarsi in modo netto a questo traguardo (leggi anche dei supercharger di Nissan): significherà che uno dei grandi problemi che finora non hanno permesso il decollo effettivo dell'auto elettrica verrà abolito. Staremo a vedere il mercato, poi, come risponderà.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Divieto di fermata

Divieto di fermata: cartello, multa e rimozione

Costo Multe in Germania: dal 2021 aumentano fino al doppio

Motorizzazione Brescia: contatti, indirizzo e come raggiungerla