10 parole più usate tra i comandi vocali in auto con Android

Avete mai provato a parlare con il vostro smartphone o la vostra auto? Ecco quali sono i comandi vocali più utilizzati nella vita di tutti i giorni

18 gennaio 2018 - 11:02

Dalla loro introduzione i comandi vocali stanno diventando via via una feature sempre più richiesta non solo sugli smartphone, ma anche nelle auto. Con l'arrivo di sistemi come Android Auto e Apple CarPlay poi, “parlare” con la propria auto non è più una cosa così assurda e complicata. Il grande vantaggio dei comandi vocali, specialmente in auto, è quello di poter guidare e nel mentre interagire con diversi sistemi senza dover distogliere gli occhi dalla strada o le mani dal volante, il che non solo si configura come una soluzione particolarmente sicura, ma anche intuitiva e semplice da utilizzare – qui il nostro approfondimento. Ma quali sono i comandi più utilizzati e quelli più particolari per quanto riguarda i sistemi Android? Andiamo a scoprirli insieme.

OK GOOGLE! Come attivarli? Non tutti i possessori di smartphone Android sanno che, pronunciando la frase “ok Google” si attiva l'assistente personale dell'azienda americana – qui le novità di Android Auto presentate al Salone di Detroit 2018 – che non solo risponderà prontamente alle vostre domande, ma con il passare del tempo riuscirà ad archiviare tutte le vostre preferenze, rendendo le ricerche sempre più precise ed indirizzate verso i vostri gusti. Non solo ciò, ma anche dettatura di messaggio e email, apertura di applicazioni e avvio chiamate, insomma, un mondo non da tutti esplorato e sfruttato al 100%.

SIATE SEMPRE GENTILI CON IL VOSTRO ASSISTENTE Ma allora, quali sono le maggiori richieste effettuate all'assistente personale di Google? Quale modo migliore per mettere alla prova il bon ton dell'assistente vocale se non punzecchiandolo con parole, diciamo, colorite? In realtà Google censura e blocca quelle parole che ritiene scurrili e troppo sopra le righe, ma esiste comunque la possibilità di sbloccarle, se non per insultare il povero assistente, quantomeno per pronunciare quei termini che possono sembrare offensivi ma che in realtà non lo sono. Al secondo posto abbiamo le richieste di chiamate ai propri contatti in rubrica, con la possibilità di legare un particolare soprannome per rendere ancora più veloce l'avvio della telefonata, oppure l'invio di un sms o una email. Strettamente legato ai contatti abbiamo la possibilità di segnare un promemoria, o una nota o la sveglia, il tutto poi verrà sincronizzato con il calendario e la propria mail. Quante volte vi è capitato di uscire di casa non pronti per il classico e inatteso acquazzone? Onde evitare ciò, vi basterà chiedere “oggi piove?” al vostro smartphone per sapere se vi converrà uscire con o senza ombrello.

TUTTI I SERVIZI DI GOOGLE ACCESSIBILI CON I COMANDI VOCALI Probabilmente una dei servizi più utilizzati su smartphone è il navigatore. Google Maps è uno dei più utilizzati, non solo da pc, ma anche da smartphone e in auto, e funziona perfettamente con i comandi vocali. Una volta impostato l'indirizzo della vostra abitazione, del vostro luogo di lavoro, della propria palestra etc, basterà chiedere all'assistente “portami a casa” oppure “portami in palestra” per attivare immediatamente la navigazione. Un sistema che in auto trova una reale e interessante utilizzo. Altro comando ampiamente utilizzato dai possessori di smartphone Android, è la ricerca di informazioni. Qualora vi steste chiedendo il significato di una parola, o la storia di una città, l'assistente saprà trovarvi in pochi secondi tutte le informazioni richieste. Non solo, ma grazie ad una funzione di riconoscimento musicale saprà trovare il nome di quella canzone semplicemente ascoltandola. I comandi vocali poi, sono perfettamente integrati con tutti i servizi offerti da Google, come lo stesso Google Translate, così qualora vi steste chiedendo come si dica “macchina” in cinese, l'assistente vocale troverà subito la definizione con tanto di pronuncia.

OBIETTIVO MENO STRESS E MAGGIORE SICUREZZA Queste sono solo alcune delle richieste che vengono fatte quotidianamente dai possessori di smartphone Android, molte delle quali vengono pronunciate da tantissimi automobilisti alle prese con le avventure quotidiane. Il vantaggio è chiaro ed evidente, non solo per la facilità di accesso ad una miriade di servizi e funzioni, ma anche guardando al fattore sicurezza – essendo lo smartphone una delle fonti principali di distrazione. Non dover distogliere le mani dal volante e gli occhi dalla strada, i comandi vocali si stanno ponendo come prossimo traguardo da raggiungere per aumentare sia il confort che la sicurezza a bordo delle auto della attuale e della prossima generazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Auto nuova diesel: il 71% degli italiani indecisi sull’acquisto

Consiglio acquisto SUV: budget fino a 25.000 euro

Skoda testa l’app per ricevere le consegne in auto