Articolo 132 – Circolazione dei veicoli immatricolati negli Stati esteri

10 maggio 2016 - 19:47

Articolo 132 – Circolazione dei veicoli immatricolati negli Stati esteri

1. Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali o a quelle di cui all’articolo 53, comma 2, del decreto-legge 30 agosto 1993, n. 331, se prescritte, sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine.

2. La disposizione di cui al comma 1 non si applica ai cittadini residenti nel comune di Campione d’Italia.

3. Le targhe dei veicoli di cui al comma 1 devono essere chiaramente leggibili e contenere il contrassegno di immatricolazione composto da cifre arabe e da caratteri latini maiuscoli, secondo le modalità che verranno stabilite nel regolamento.

4. Il mancato rispetto della norma di cui al comma 1 comporta l’interdizione all’accesso sul territorio nazionale.

5. Chiunque viola le disposizioni di cui al comma 1 è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da €80,00 a €318,00.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla: nel mondo circolano 2,9 GWh di auto elettriche vendute a marzo 2019

RC auto: massimale, franchigia e scoperto, guida alle clausole

L’Audi TT uscirà dal listino, al suo posto un’auto elettrica