Home > Test e recensioni > TomTom Start 60: la prova su strada del nuovo navigatore per auto

TomTom Start 60: la prova su strada del nuovo navigatore per auto

Il nuovo navigatore satellitare TomTom Star 60 è pronto a girare l’Europa con un maxi display da 6" e tante applicazioni

Categoria: Test e recensioni | 05 Novembre 2012

Quello dei navigatori satellitari per auto è un settore di mercato che ha dovuto nell'ultimo periodo arginare la diffusione dei cellulari dalle "mille e una App", tra cui anche quella che detta le svolte agli incroci. L'ascesa degli smartphone, però, si complica dove i più recenti navigatori satellitari portatili sono inarrestabili: migliore visualizzazione delle mappe con schermi più grandi e indicazioni più chiare, grazie agli indicatori avanzati di corsia (presenti, in modo "ristretto" anche su alcune App). Il TomTom Start 60 Europa è il nuovo oggetto dei desideri di chi non vuole perdere mai la bussola, con il grande display da 6 pollici e un design moderno che nasconde tanti contenuti utili, ma anche qualche vuoto colmabile con funzioni non disponibili.

DESIGN RICERCATO - La finitura ad effetto ebano impreziosisce l'ampio display widescreen senza eccessi di stile, rendendo il navigatore TomTom Start 60 adatto all'abitacolo più esclusivo ed elegante ma interpretando efficacemente anche il design minimalista della plancia più innovativa. Con una risoluzione di 800x480pixel, lo schermo 16:9 visualizza mappe più ampie grazie alle dimensioni generose (165x105 mm) e per non limitare troppo la visuale di guida TomTom ha previsto il doppio sistema di montaggio, al parabrezza con la ventosa (ora integrata al device) e al cruscotto con un supporto adesivo (meglio questa soluzione per evitare di oscurare la visuale). Trasportarlo con sé richiede quasi imperativamente la custodia rigida (24.95 euro) che protegge dagli urti il navigatore, il cavo e l'adattatore di ricarica USB per auto, inclusi nel kit.

TECNOLOGICAMENTE INTUITIVO - Chiunque abbia smanettato almeno una volta con un computer palmare o uno dei moderni smartphone touchscreen si troverà subito a suo agio, se invece il navigatore TomTom Start 60 rappresenta il primo approccio hi-tech, le guide multimediali per l'utente sulle funzioni principali non mancano. L'interfaccia di navigazione user-friendly è immediata, come da tradizione del marchio olandese, e le grandi dimensioni consentono un confort di navigazione superiore rispetto allo schermo dei più piccoli smartphone, ma si percepisce qualcosa di differente al tatto. Lo schermo da 6 pollici, infatti, è di tipo resistivo e la caratteristica tecnologia adottata richiede una pressione relativamente maggiore sul display per trasmettere il contatto tra i due conduttori sottostanti. Quest'aspetto ne limita l'uso multitouch, come ingrandire la mappa allontanando pollice e indice (il cosiddetto "pinch to zoom") con cui si può invece interagire attraverso i grandi pulsanti del menù o scorrendola con un dito.

FA ANCHE RISPARMIARE - Pensato in maniera specifica per l'impiego in auto, il TomTom Start 60 può guidare passeggiate a piedi o in bicicletta con la stessa precisione, sempre che la batteria sia d'accordo. L'autonomia effettiva con il pieno di carica è di circa 1 ora e mezza che richiede una ricarica alla presa 12 V dell'auto piuttosto frequente. La scelta dei percorsi si basa sulle tecnologie IQ Routes che analizza tutti i fattori (semafori, rotatorie, passaggi pedonali) che possono influenzare la durata di un percorso, misurando la reale velocità di percorrenza e non quella imposta dai limiti ed Eco Routes che consiglia la strada con un minor consumo di carburante e minori emissioni. Quest'ultima si rivela interessante sulla carta, considerando quanto costa mantenere un'auto, anche se bastano gli pneumatici sgonfi e l'attrezzatura da immersioni dimenticata nel bagagliaio per vanificare la ricerca degli sconti alla stazione di rifornimento. La funzione Parking Assist tranquillizzerà i più ansiosi di non trovare mai un parcheggio una volta arrivati a destinazione e l'indicatore di corsia avanzato contribuisce a limitare la probabilità di causare incidenti per manovre errate sulle articolazioni stradali, come svincoli, rotatorie e raccordi.

di Donato D'Ambrosi


© Riproduzione Riservata
Vuoi partecipare alla discussione?
Puoi farlo indicando solo nome e indirizzo email (anonimo), oppure accedendo con il tuo account facebook o twitter cliccando sui due pulsanti corrispondenti.
   

Come nasce un crash test?

Listino auto nuove

Le più cliccate

Abarth 500

Abarth 500 - berlina 2 vol. 3 Porte

€ 17.700 - € 24.750

BMW Serie 1

BMW Serie 1 - berlina 2 vol. 5 Porte

€ 23.700 - € 47.600

BMW Serie 3

BMW Serie 3 - coupé 2 Porte

€ 36.050 - € 71.850

Citroën DS3

Citroën DS3 - cabriolet 2 Porte

€ 18.950 - € 25.600

Rolls-Royce Phantom

Rolls-Royce Phantom - coupé 2 Porte

€ 475.000 - € 475.000