4 motivi per cui il climatizzatore in auto non funziona più

In estate è facile capire se il clima non funziona ma le cause di un guasto possono essere varie e insidiose: ecco le dritte degli esperti

4 motivi  per cui il climatizzatore in auto non funziona più
La primavera è ufficialmente iniziata e ha iniziato a dare i primi assaggi di caldo tepore con giornate soleggiate da tirare giù la capotte e i finestrini, peccato che non tutti amino stare al sole o peggio ancora chi soffre di allergia (leggi qui i consigli per sopravvivere in auto con l'allergia) è costretto a blindarsi nell'abitacolo e a fare affidamento al climatizzatore. Visto che per molti italiani il climatizzatore fa rima con estate come abbiamo scoperto nelle esilaranti risposte video qui sotto, è proprio in questo periodo che si corre in officina perché l'aria condizionata non funziona. Quando la corretta manutenzione del filtro abitacolo è la prima causa da escludere, quali sono i problemi da ricercare e i guasti più frequenti al climatizzatore? Un'importante azienda che produce compressori per auto ci aiuta a fare chiarezza sui guasti da ricercare e i trucchi più frequenti da adottare in officina quando il climatizzatore dell'auto non funziona come dovrebbe.

1. POCA PRESSIONE NEL CIRCUITO

Quando la temperatura del climatizzatore non sembra abbastanza fresca la prima operazione che si fa di norma in officina è fare un controllo della pressione svuotando e riempiendo nuovamente il circuito con un'apparecchiatura specifica che si vede nel video sotto. Il problema però sorge quando ci si accorge che il gas nel sistema non viene trattenuto: c'è qualche perdita. Una delle principali cause di perdite dal compressore è dovuta all'abitudine di utilizzare il climatizzatore solo in estate  - mentre usandolo in inverno aiuterebbe ad asciugare prima i vetri e i tappeti evitando l'odore di muffa. Quando la guarnizione dell'albero della puleggia si asciuga troppo, al riavvio estivo dell'aria condizionata l'oring di tenuta inizia ad usurarsi dando vita alla perdita. Per evitare questo problema secondo gli esperti basterebbe accendere l'aria condizionata almeno 30 minuti a settimana.

2. NON C'E' PRESSIONE NEL CIRCUITO

La causa principale da ricercare in un compressore che non si attiva quando accendiamo il pulsante nell'abitacolo  - almeno per i compressori più efficienti dotati di frizione - è di natura elettrica o meccanica. Nel primo caso basta controllare lo stato delle connessioni elettriche, se ci sono tagli o danneggiamenti e se il computer di bordo rileva anomali o errori in diagnosi. Se invece il problema è di natura meccanico il maggiore indiziato è il corretto accoppiamento tra l'albero e la puleggia del compressore che devono rispettare una precisa tolleranza, nei casi in cui ci fosse troppo spazio allora andrebbe ripristinata o riparato il compressore.

3. IL COMPRESSORE E' RUOMOROSO

Una delle lamentele degli automobilisti oltre al poco freddo o poco caldo riguarda il rumore proveniente dal compressore che poi in officina viene collegato a un evidente pressione ridotta nel circuito A/C e l'albero del compressore che non gira liberamente o anche rotto. In questo caso gli esperti consigliano di approfondire la ricerca del guasto nel funzionamento della valvola di espansione (leggi qui per scoprire come funziona il climatizzatore in auto). Non sono rari anche i casi in cui un basso livello di gas all'interno del compressore provochi l'essiccazione delle guarnizioni e l'usura dei cuscinetti del'albero motore. Un problema che sicuramente si potrà prevenire con un controllo periodico in occasione del tagliando. Guarda nel video qui sotto come andrebbe usato il climatizzatore tutto l'anno.

4. IL CRUSCOTTO FISCHIA

Se il clima si accende l'aria sembra anche uscire dalle bocchette ma è associate a un evidente rumore proveniente dall'interno del cruscotto ed è molto simile a un fischio gli esperti individuano il problema più verosimilmente al funzionamento non corretto della valvola di espansione. In casi di piccole impurità che ne limitano il funzionamento non servirà altro che smontare la valvola e pulirla, ma è sempre consigliata la sua sostituzione in occasione del montaggio di un nuovo compressore. Resta aggiornato su tante curiosità per tenere l'auto in perfetta efficienza nei video #SicurEDU sulla manutenzione auto.

Pubblicato in Tecnica, Aftermarket e Manutenzione Auto il 16 Aprile 2018 | Autore: Donato D'Ambrosi


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri