Montaggio ammortizzatori auto: come farlo correttamente

Il montaggio degli ammortizzatori è importante per allungarne la durata: ecco i consigli sulla sostituzione e come montare gli ammortizzatori correttamente

27 novembre 2019 - 13:30

Cambiare gli ammortizzatori è un investimento importante per la sicurezza di guida e risparmiare diventa una necessità. Tra le richieste che spesso si fanno in officina c’è sostituire solo un ammortizzatore o cambiare gli ammortizzatori con un tipo diverso. E’ possibile farlo? Dopo aver visto come accorgersi se gli ammortizzatori sono scarichi e le prove da fare, parliamo di altre curiosità sulla sostituzione e montaggio degli ammortizzatori. Thomas Sebulke, Managing Director dello stabilimento Sachs a Lezama, nel video qui sotto ci spiega quali sono i dettagli più importanti (e a volte sottovalutati) quando si cambiano gli ammortizzatori.

SOSTITUZIONE AMMORTIZZATORI: UNO, DUE O QUATTRO?

Risparmiare sui costi di manutenzione non è pericoloso, lesinare sulla sicurezza invece sì. Sono ricorrenti le domanda quanti ammortizzatori cambiare? Anteriori, posteriori o tutti? E le risposte sono molteplici. Se si tratta di ordinaria manutenzione per usura, gli ammortizzatori vanno cambiati sempre per asse. Quindi entrambi gli anteriori e i posteriori se necessario. Si può cambiare un solo ammortizzatore solo in casi rari: un incidente su un solo lato dell’auto nuova oppure un ammortizzatore difettoso sostituito da poco. Bisogna affidarsi sempre all’esperienza dell’autoriparatore che valuterà se cambiare anche gli altri componenti della sospensione.

CONSIGLI SUL MONTAGGIO DEGLI AMMORTIZZATORI

Per aumentare la durata degli ammortizzatori nuovi è fondamentale che il serraggio degli ammortizzatori sia fatto con gli pneumatici a terra. In questo modo la sospensione si troverà nella sua posizione normale di lavoro. Diversamente, se l’auto è sul ponte sollevatore e vengono fissati gli ammortizzatori con le ruote sospese, i supporti saranno sollecitati in modo anomalo. Particolare attenzione, come spiega Thomas Sebulke nel video qui sopra, va data al dado di serraggio superiore del cuscinetto usando una chiave dinamometrica. Una coppia eccessiva potrebbe danneggiarlo e compromettere il corretto movimento degli steli quando si gira il volante con inevitabili rumori. Lo stesso vale per la biella (lo stelo) che durante il montaggio va tenuta ferma evitandone la rotazione. Se la biella ruota, ad esempio per effetto dell’avvitatore pneumatico, si corre il serio rischio di danneggiare le guarnizioni di tenuta e prima o poi l’olio inizierà a trafilare.

MONTARE AMMORTIZZATORI DIVERSI DAGLI ORIGINALI

Cambiare ammortizzatori, come altre parti dell’auto permesse dalla legge, alla ricerca di prestazioni migliori è possibile. Gli esperti consigliano di sostituire gli ammortizzatori originali con altri di tipo diverso attenendosi però sempre al design previsto dal Costruttore dell’auto. Gli ammortizzatori più performanti, ma diversi dagli originali infatti potrebbero interferire con il corretto lavoro della sospensione. In questi casi se si decide di cambiare gli ammortizzatori originali con altri di tipo diverso è sempre meglio affidarsi a un installatore esperto, meglio se specializzato in sospensioni. Abbiamo visto tante curiosità sul funzionamento degli ammortizzatori, la sicurezza in frenata con ammortizzatori scarichi, ma non ancora com’è fatto un ammortizzatore nel prossimo video.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto connesse liberalizzate: la proposta di legge dei produttori aftermarket

Ammortizzatori a gas e ad olio: consigli e differenze

Ammortizzatori scarichi: di quanto si allunga la frenata?