Test TCS: 5 navigatori per camper a confronto

Il Touring Club Svizzero ha confrontato 5 navigatori portatili per camper, solo due convincono i tecnici

26 marzo 2012 - 10:05

L'acquisto di un camper è motivato spesso dal desiderio di avventura, di trascorrere le vacanze in giro per il mondo, puntando anche ai reconditi paradisi terrestri immersi nella natura. Da un lato i comfort più esclusivi per una casa su ruote trasmettono la sicurezza di raggiungere qualsiasi meta senza problemi, dall'altro, dimensioni e peso del mezzo potrebbero mettere in difficoltà il camperista stagionale su strade a lui sconosciute. I navigatori satellitari specifici per camper, caravan o mezzi pesanti in genere guidano il conducente lungo itinerari sicuri, lontano da sottopassaggi troppo bassi, strettoie o salite ripide. Il TCS (Touring Club Svizzero) ha messo a dura prova 5 PNA (Portable Navigation Assistant) dotati di un software specifico per camper.

5 NAVIGATORI – Molto simili per dimensioni e funzioni a quelli da auto, in realtà i navigatori satellitari per mezzi pesanti permettono di inserire manualmente i dati esatti del veicolo e del rimorchio, pianificando al meglio l'itinerario in funzione delle dimensioni e del peso in viaggio. Il PNC 70 Active Camping di A-rival (285 euro) è uno dei più grandi navigatori con dispaly da 7 pollici, offre la possibilità di inserire una carta sim per il traffico dati, decoder digitale terrestre integrato e l'ingresso video per una retrocamera di parcheggio. Il Becker Active 43 Transit (231 euro) ha il più piccolo display della prova, solo 4,3 pollici, ma offre l'update gratuito delle mappe per 45 giorni, la visualizzazione tridimensionale dell'itinerario e una connessione Bluetooth. Il Garmin dezl 560 LT (356 euro), molto simile a uno smartphone, ha un display di 5 pollici e l'aggiornamento gratuito delle mappe per 60 giorni; è equipaggiato con connessione wireless Bluetooth e collegamento per una retrocamera ma niente digitale terrestre. Il NavGear GTX-60 Camping è il più economico (223 euro), ha un display di media ampiezza, 6 pollici, ma una dotazione completa: update delle mappe gratis per 30 giorni, connessione Bluetooth, decoder digitale terrestre e ingresso retrocamera. Il Ventura S7000 di Snooper ha il display ampio da 7 pollici e un prezzo non da meno (663 euro) ha in dotazione assistente di guida 3D, connessione Bluetooth, decoder digitale DVB-T e i collegamenti esterni per retrocamera e antenna GPS.

SOLO UNO BRILLA – La valutazione dei tecnici svizzeri si è concentrata sulle capacità dei dispositivi di segnalare prontamente la criticità delle tratte stradali presenti sul percorso selezionato, premiando con il risultato migliore il Becker Active 43 Camping. Molto vicino, il navigatore Garmin offre percorsi alternativi per qualsiasi tipo di veicolo e informa delle strade pericolose nei dintorni anche se non si è scelta una destinazione. I modelli Snooper, A-rival e NavGear hanno in memoria una banca dati completa e una guida sui campeggi. Il Ventura S7000 è stato studiato specificamente per i camper ma ha mostrato molte lacune sul suono, la pronuncia e il calcolo dei percorsi alternativi. Il PNC 70 Active Camping offre informazioni supplementari sulle aree da campeggio ma pur segnalando i punti critici del percorso non è in grado di calcolare un tragitto alternativo. Il NavGear ha mostrato mancanze hardware e software riguardanti suono, pronuncia, lunghi tempi di collegamento e reazioni lente. Per i navigatori A-rival e NavGear è indispensabile installare antenne TMC (Traffic Message Channel) se si desiderano aggiornamenti sul traffico. Il TCS ha inoltre evidenziato una carenza nelle dotazioni tra i differenti prodotti che, pur offrendo scarse informazioni accessorie, hanno ottenuto punteggi migliori rispetto ai risultati poco brillanti degli altri capaci di fornire dettagliate informazioni sui campeggi. Vi è quindi l'esigenza di mettere sul mercato un prodotto completo dal punto di vista della navigazione e delle informazioni utili in viaggio.

I CONSIGLI DEL TCS – I sistemi di navigazione incrementano notevolmente la sicurezza di guida poiché assistono il conducente su strade sconosciute, permettendogli di concentrarsi sulla dinamica del traffico. Tuttavia, è importante non distrarsi durante la guida e impostare la meta del viaggio solo a veicolo fermo, nonchè evitare di fidarsi ciecamente del navigatore. Da non sottovalutare anche il corretto posizionamento del dispositivo, vietato al centro del parabrezza, ma lontano dalla traiettoria di apertura degli airbag e fuori dal campo visivo di guida. Quando il camper è lontano dal controllo visivo, in un parcheggio o area di servizio, ricordarsi sempre di riporre il navigatore al sicuro dai raggi solari e dalla destrezza dei ladri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019

+30% di auto in panne in estate: i rischi del caldo da non sottovalutare

Green NCAP: Nissan Leaf e Opel Corsa primeggiano nei test