Test Parrot Minikit Neo: il vivavoce per auto con chiamata vocale

Con il vivavoce Bluetooth Minikit Neo è davvero difficile distrarsi al volante grazie ai comandi vocali per le chiamate

10 dicembre 2012 - 7:00

Non ha nulla da invidiare ai dispositivi vivavoce Bluetooth integrati delle nuove auto, è compatto e bello da vedere e se aggiungiamo che è più economico e dà meno noie dei cugini di primo equipaggiamento, il nuovo Parrot Minikit Neo vince la sfida ancor prima di sfoderare l'eccezionale infallibilità del riconoscimento vocale.

PERSONALITA' DA ESIBIRE – Curva su se stesso seguendo linee morbide e pulite che non gli danno per niente l'aria di un aggeggio tecnologico tra i tanti. La sua struttura a goccia riproduce un design semplice ma originale con l'unico “eccesso di forme” nella manopola centrale per la regolazione del volume e la navigazione del menù. A differenza di molti altri vivavoce Bluetooth per auto che hanno clip metalliche, il Parrot Minikit Neo si fissa all'aletta parasole con la clip di plastica integrata sul retro. Nel nostro test scoprirà le sue carte vincenti come assistente di guida durante le chiamate: il guidatore non muove un dito, per chiamare basta la sua voce e il Minikit Neo fa tutto il resto.

SEMPLICE E SICURO – Tre sono i pulsanti di navigazione frontali, compresa la rotellina centrale, quasi superflui poiché, grazie ai comandi vocali, le digitazioni si limitano alle sole impostazioni dopo averlo estratto dalla scatola. Al lato sinistro il pulsante di accensione riserva una posizione al test della batteria; premendolo una voce informa sulla percentuale di carica residua, molto utile, anche se l'autonomia in standby di 6 mesi, spinge a digitarlo più per curiosità che per il timore di interrompere una conversazione sul più bello. A destra la presa microUSB, per ricaricare la batteria da 1000 mAh e aggiornare il firmware, completa l'equipaggiamento tecnico del piccolo vivavoce Parrot con i due led frontali, mentre lo speaker planare NXT da 3 W si mimetizza alla perfezione tra i colori e le forme della struttura arcuata.

UN'APP MULTIFUNZIONE – La confezione del Minikit Neo include oltre al vivavoce, al cavo USB di ricarica e all'adattatore USB 12 V per l'auto, una Quick start guide che riassume le principali funzioni del dispositivo Bluetooth. Felici di aver aiutato l'ambiente, troverete un manuale più dettagliato nell'area di Supporto Parrot online da cui è scaricabile gratuitamente anche l'applicazione per Android e iOS. Con App Suite il Parrot Minikit Neo aiuta a ritrovare l'auto nei parcheggi memorizzando le coordinate GPS sul cellulare quando si esce dal suo campo d'azione, ricorda quando è il momento di concedersi una pausa dalla guida e quando il credito del parchimetro sta per scadere. Inoltre è possibile gestire la priorità (Dual Mode) tra i due cellulari, personalizzare il jingle all'accensione e allo spegnimento registrando i suoni preferiti e scegliere se utilizzare il riconoscimento vocale del telefono o quello del vivavoce (iPhone 4S).

SI ACCENDE SALENDO IN AUTO – All'accensione i due led frontali s'illuminano e il Minikit Neo emette il caratteristico jingle ritmico di un bonghetto, dopo qualche istante la voce guida illustra nei particolari la procedura per il primo accoppiamento con il cellulare. Gli ultimi smartphone lanciati sul mercato che supportano la funzione NFC (Near Field Communication – Comunicazione di Prossimità) si possono sincronizzare al Minikit Neo avvicinandoli semplicemente alla clip di sostegno. Lo stesso supporto vocale ripete le diverse voci del menù che si scorrono con la manopolina e interagisce ai comandi vocali del guidatore per le chiamate in uscita o in ingresso. Una volta effettuato l'accoppiamento (fino a 2 simultaneamente e 10 configurabili) basterà attivare semplicemente la connessione wireless Bluetooth del cellulare e dimenticarsi completamente del vivavoce sull'aletta parasole. Scendendo dall'auto, infatti, il vivavoce Parrot entra in modalità Ultra Low Power se si esce dal suo campo d'azione per oltre 5 minuti, questo gli consente di preservare la carica della batteria per 6 mesi ma di essere subito pronto a funzionare quando si sale in auto. Un sensore di vibrazioni ristabilisce la connessione con il cellulare quando il vivavoce riconosce il rumore dello sportello che si chiude.

LO CHIAMI, LUI RISPONDE – Il riconoscimento vocale Parrot non permette distrazioni alla guida, a patto di personalizzare il Minikit Neo in base alle proprie preferenze prima di mettersi al volante e sciogliere il ghiaccio con le parole chiave (poche e semplici). Pronunciando “Minikit”, il guidatore richiama l'attenzione del vivavoce Parrot che chiede “chi si desidera chiamare” dalla rubrica memorizzata durante il primo accoppiamento con il cellulare. Il guidatore può procedere pronunciando il nome del contatto associato in rubrica o interrompere la composizione ordinando al vivavoce “annulla”. Se la vostra rubrica è composta di nomi articolati, il Minikit Neo dà la possibilità di aggiungere dei nomi vocali più brevi ed evitare che si vada nel pallone nel tentativo di bloccare una chiamata indesiderata. Una chiamata in ingresso è gestita dal vivavoce con la stessa interattività del vivavoce Parrot, che informa sul nome di chi sta chiamando (se associato al numero in rubrica) ricordando al guidatore i comandi vocali per “Accettare” o “Rifiutare”. Se si decide di rinunciare alla conversazione, l'App Suite Parrot può inviare un messaggio di risposta automatica alla telefonata o all'SMS ricevuti con i dettagli preventivamente programmati.

VOCE, MUSICA E ISTRUZIONI STRADALI – I chiacchieroni al volante apprezzeranno sicuramente l'autonomia di 10 ore in conversazione che con il microfono omnidirezionale è sempre nitida grazie al processore di riduzione dei disturbi avanzato ed eliminazione del rumore. La vostra voce arriverà agli interlocutori sempre con un audio cristallino anche con lo stereo acceso, la ventilazione a palla e tergicristalli a regime massimo durante un temporale, tuttavia il volume del Minikit Neo potrebbe avere una maggiore progressione ai livelli più alti. L'altoparlante planare NXT è sensazionale nel riprodurre anche la musica (memorizzata nel cellulare o lettore mp3 compatibile) e le istruzioni dell'applicazione di navigazione satellitare, ma nonostante la potenza acustica di 3 W sembra dare il meglio di se a frequenze non troppo basse. La peculiarità dei diffusori planari è quella di emettere un suono in tutte le direzioni a differenza di quelli conici che prediligono particolari direzioni, questo fa si che l'audio del Minikit Neo sia piacevole anche quando l'aletta parasole è reclinata in avanti, ma non può certo riprodurre la stessa compressione di un diffusore conico. Il riproduttore vocale pronuncia abilmente le istruzioni del navigatore satellitare ma la funzione potrebbe disabilitarsi durante una conversazione in base al modello di cellulare sincronizzato. Anche la riproduzione del brano musicale s'interrompe all'arrivo di una telefonata e a seconda del modello di smartphone potrebbe non riprendere automaticamente alla fine della conversazione (come per il Galaxy Ace). Durante le nostre prove non abbiamo riscontrato alcuna anomalia di funzionamento con Samsung Galaxy Ace, Galaxy S Plus, iPhone 4, HTC Desire HD ma v'invitiamo a visitare la sezione del sito Parrot riguardante la compatibilità del Minikit Neo con il vostro device.

IN SINTESI

Marca: Parrot

Modello: Minikit Neo

Prezzo: 79,90 euro

Caratteristiche tecniche: dimensioni (94 mm x 54 mm x 39 mm), peso (69 grammi)

Profili supportati: Bluetooth 3.1, A2dp (Advanced Audio Distribution Profile), HFP 1.6 (Hands Free Profile), PBAP (Phone Book Access Profile), SyncML, Synchro AT, Synchro Nokia

Batteria: polimeri di litio da 1000 mAh

Autonomia: 10 ore in conversazione, 6 mesi in standby, fino a 3 ore di ricarica (5 V – 500 mA)

Funzioni: connessione Multipoint a due dispositivi cellulari (fino a 10 configurabili), Riconoscimento vocale indipendente da chi parla, Attivazione automatica con sensore di vibrazioni, Accoppiamento NFC, Riproduzione brani musicali e istruzioni GPS

Pro

  • Audio: di ottima qualità, anche se il volume potrebbe non bastare se si conversa al volante con la capotte aperta.
  • Standby da letargo: Parrot assicura una riserva di energia utile per 6 mesi se si usa poco il cellulare in auto, diversamente la batteria è sufficiente per una conversazione di 10 ore.
  • Riconoscimento vocale: uno dei pochi dispositivi vivavoce che permettono davvero di tenere le mani ferme sul volante e usare i comandi vocali per fare e accettare una chiamata o rifiutarla. Ricordate di spegnere lo stereo o potrebbe non essere semplice fargli comprendere il nome corretto del contatto in rubrica.

Contro

  • Ricarica: si può fare in auto con la presa 12 V (o 24 V) e al pc collegando il cavo in dotazione alla porta USB ma se la riserva di energia è completamente esaurita, il Minikit Neo potrebbe non essere pronto prima di 3 ore. Una sosta più lunga rispetto ad altri dispositivi vivavoce, ma con soli 500 mA di carica non potrebbe essere altrimenti.

1 commento

Claudio
13:33, 18 agosto 2014

Più di qualche volta ho cercato notizie relative al mondo dell'auto e sicurauto.it è stato un punto di riferimento. Per quanto riguarda invece questo minikit neo della Parrot devo dissentire da quello che qui è riportato tanto che dopo aver speso la bellezza di 80 ? adesso il minikit neo sta nel suo scatolo a casa. L'ho usato per un mese e non vi dico quello che faceva… Anzi ve lo voglio dire così almeno non spendete i Vs soldini per questo aggeggio.
Fa partire da solo le chiamate, anche frenando, poi figuratevi con la radio accesa… Più che stare attenti alla strada dovrete stare attenti ai consumi in chiamate indesiderate che questo oggetto fa. L'app abbinata all'oggetto non funziona, non lo vede proprio, o quando decide che l'oggetto c'è te lo fa programmare solo in parte; per alcune funzioni lo rileva, per altre invece dice che lo devi ancora collegare… Insomma se trovi scritto Parrot, cambia strada.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Permuta auto usata

Le 10 Case auto con la migliore assistenza clienti del 2019

Monopattini elettrici a noleggio: 5 servizi a confronto

4 rischi reali di una Brexit senza accordo per i Costruttori auto in Europa