Test navigatore TomTom GO 6000 con mappe gratis a vita

Il nuovo navigatore satellitare TomTom GO 6000 si rinnova nelle funzioni e dice addio alla connessione a internet del cellulare: ora fa tutto da solo

7 ottobre 2013 - 7:00

Ne avevamo accompagnato il lancio, anticipandovi le novità tecniche dei nuovi TomTom GO 5000 e 6000, i navigatori satellitari che puntano tutto su una maggiore praticità delle funzioni, meno distrazioni alla guida e l'addio alla connessione con lo smartphone.

SI LIBERA DEL CELLULARE E DI QUALCOS'ALTRO – Il nuovo TomTom GO 6000 aggiunge uno zero al dispositivo portatile da cui deriva, rispetto al quale introduce una novità che rende i navigatori satellitari olandesi della nuova gamma indipendenti dal cellulare. Il TomTom nuovo GO 6000 è infatti uguale in tutto al GO 600 ma, a differenza di quest'ultimo, non ha bisogno della connessione dati del cellulare per velocizzare la ricerca dei satelliti con QuickGPSfix e per aggiornare le informazioni sul traffico. Una sim integrata al GO 6000 si occupa della connessione del dispositivo per aggiornare le informazioni sul traffico con TomTom Traffic e il divorzio dal cellulare si percepisce subito positivamente anche nella ricerca dei satelliti. Il nuovo TomTom riesce ad agganciare il segnale GPS anche dall'interno di un garage non interrato e questo fa pensare che il GO 6000 sarà un valido compagno anche nei viaggi con cielo coperto e brutto tempo. Affermare una propria identità è servita a realizzare una gamma di navigatori “ready to go” ma come vedremo in seguito, l'azienda ha rinunciato anche ad alcune chicche che abbiamo trovato molto utili nella prova del TomTom LIVE 1005 HDT&M Europe.

A META' TRA TABLET E SMARTPHONE – La connettività integrata è solo una delle novità con cui il GO 6000 prende le distanze dai cellulari, ma sottopelle ripropone un menù a slides simile ai moderni smartphone. Le icone del menù sono raggruppate in modo più razionale e il tasto per accedere alle impostazioni è volutamente collocato in coda per obbligare il guidatore a fermarsi o scegliere le sue preferenze prima di partire. Al nostro primo contatto il menù è apparso molto ordinato e intuitivo da sembrare quasi spoglio o incompleto – complice il grande display capacitivo da 6 pollici – se confrontato ai navigatori TomTom stracolmi di widget. Anche la mappa per la navigazione è stata ripulita: le icone attive che prima il guidatore usava per interagire con le varie funzioni sono state rimosse dalla mappa per evitare rischiose distrazioni. Ora è possibile ingrandire e rimpicciolire la mappa in 2 o 3D in punta di dita e visualizzare i posti preferiti lungo il percorso (MyPlaces) per poterli raggiungere con un tocco (Tocca e Parti).

SEMPRE PRONTO E VELOCE – Quando si cerca una destinazione, il GO 6000 mostra un elenco dettagliato separando a sinistra gli indirizzi e a destra tutti i luoghi d'interesse (POI) visitabili nelle vicinanze del luogo di arrivo. Il supporto vocale alla navigazione offre 3 differenti voci (Silvia, Chiara e Roberto). Silvia a differenza degli altri due sa pronunciare anche i nomi delle strade straniere, i numeri e le informazioni dei segnali stradali, ma bisogna apprezzare una cadenza piuttosto elettronica e accettare qualche scivolone del sintetizzatore quando pronuncia, ad esempio, “Strada Statale ottandotto”. L'immancabile e preziosa Barra di percorso sulla destra del display raffigura la presenza e la distanza dagli eventi o radar per la velocità. Se si supera il limite di velocità, un bip pronunciato avverte del pericolo di beccare una multa. Il limite di velocità – in basso sulla mappa – si aggiorna in modo tempestivo passando da 130 a 40 km/h quando si affrontano le rampe di uscita ma potrebbe essere più visibile se visualizzato meglio.

LE MAPPE SONO GRATIS A VITA MA NON L'AUTOVELOX – Durante le nostre prove abbiamo constatato l'efficacia della funzione Tocca e parti, che calcola il percorso automaticamente rispetto a una destinazione selezionata sulla mappa per partenze lampo, iQRoute, che propone i percorsi più rapidi in base ai dati di percorrenza reali rilevati sulle strade, l'indicatore di corsia avanzato e la visione tridimensionale degli edifici (solo quelli più imponenti), che dà un'idea più realistica della strada che si sta percorrendo. A chi è abituato a perdere facilmente le staffe al volante quando le indicazioni vocali del navigatore diventano ripetitive e insistenti, vogliamo assicurare che il TomTom GO 6000 intuisce se il guidatore ha realmente sbagliato strada o se all'improvviso ha deciso di deviare il percorso. Dopo un paio di inviti a “fare inversione e tornare indietro quando possibile” il GO 6000 ricalcola istantaneamente il percorso sulla nuova rotta verso la destinazione precedentemente impostata. E' importante ricordare che l'aggiornamento delle mappe di 45 Paesi Europei sono gratis a vita, come per tutti gli ultimi navigatori portatili TomTom, ma dopo 3 mesi l'aggiornamento sulle postazioni di tutor, autovelox fissi e mobili e telecamere semaforiche di TomTom Autovelox si paga 29,95 euro l'anno.

PERDE IL VIVAVOCE E I COMANDI VOCALI – In vendita al prezzo di 359 euro, il TomTom GO 6000 è senz'altro un navigatore satellitare molto valido ma l'indipendenza dai cellulari ha comportato anche l'inspiegabile rinuncia alla connessione Bluetooth per rispondere in vivavoce alle chiamate durante la guida. Inoltre, non è più possibile rcercare la destinazione con il riconoscimento vocale e mancano le utili guide sulla manutenzione dell'auto e il primo soccorso di un ferito in caso d'incidente, che completano i devices nella stessa fascia di prezzo come il TomTom LIVE 1005 HDT&M.

IN SINTESI

Marca e Modello: TomTom GO 6000

Prezzo listino: 359 euro iva inclusa

Funzioni: Navigatore satellitare per auto touchscreen con display da 6 pollici capacitivo

Dimensioni e peso: (169 x 105 x 20 mm), (292 g)

Autonomia: 2 ore senza alimentazione

Accessori in dotazione: Cavo USB, supporto a ventosa con fissaggio magnetico Easy Click, caricabatteria per auto USB

Pro: Mappe gratis a vita, Servizi Live gratuiti (Autovelox solo per 3 mesi), funzione Tocca e parti e semplicità d'uso ottimizzata

Contro: dotazione accessori incompleta (un caricabatteria da rete dovrebbe essere incluso per il prezzo del dispositivo), mancano i comandi vocali e il vivavoce.

2 commenti

A.freda
23:28, 30 marzo 2014

L'ho appena acquistato ma per adesso sto rimpiangendo il vecchio TOMTOM GO 1000. Sinceramente mi sembra un passo indietro ripetto alla fama della casa produttrice.
La navigazione è più difficoltosa. La situazione del traffico è scarasamente leggibile anche perché inspiegabilmente i distributori di carburante non sono più sulla mappa ma sulla barra del traffico.
Gli autovelox a volte non vengono segnalati.
Speriamo negli aggiornamenti futuri. Per adesso l'opiinione è negativa.

Antonio
10:00, 21 ottobre 2015

Salve vorrei acquistare un tomtom che abbia la funzione Bluetooth e che sia veloce nel percorso alternativo.
Mi sapreste indicare il Mod??? Avevo pensato al tom tom 5000.
Grazie in anticipo per i consigli

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Migliori gomme 4 stagioni 2022 – 2023: lista dei test

Michelin CrossClimate 2 SUV: aderenza sorprendente nei test

Frenata su bagnato: sino a +18% la distanza con gomme sui 2 mm