Leggo e rispondo: l'App per Android che legge e risponde ai messaggi

Da alcune settimane è disponibile sul market di Android la nuova applicazione Leggo e rispondo (v0.4), l'applicazione che legge e risponde ai messaggi

19 luglio 2011 - 7:00

Da alcune settimane è disponibile sul market di Android la nuova applicazione Leggo e rispondo (v0.4), che installata su qualsiasi smartphone Android di ultima generazione, sfida dispositivi Bluetooth di ben altre caratteristiche (dai maggiori costi e inevitabilmente maggiori prestazioni) proponendosi come economico e utile supporto alla lettura dei messaggi in arrivo durante la guida.

LEGGE E RISPONDE – Lo sviluppatore NiktorTheNat, che ci ha segnalato la sua creazione, non poteva scegliere nome di battesimo più azzeccato, “Leggo e rispondo”: un'applicazione al costo di 99 centesimi che all'arrivo di un messaggio informa sul numero del mittente, proponendo al guidatore la lettura del messaggio e replicando allo stesso con il solo ausilio dei comandi vocali. Il software, che alla sua quarta versione ha raggiunto il peso di 2.64 Mb, ha aggiunto alle funzioni base di lettura e risposta vocale il tasto funzione delle istruzioni con cui si accede a una brevissima guida di utilizzo con i comandi vocali pronunciabili. L'ultima versione, notificata automaticamente come tutte le applicazioni funzionanti con il sistema operativo di Google, offre un'interfaccia grafica molto migliorata che non mortifica i moderni display ad alta luminosità (le prime versioni riprendevano la grafica del display monocromatico dei vecchi Nokia). La “home” di Leggo e rispondo è definita da due pulsanti principali, SMS e Meteo: il primo rilegge l'ultimo messaggio arrivato, l'altro fornisce informazioni meteo dettagliate sulla città inserita nel menù delle istruzioni.

COME FUNZIONA – Leggo e rispondo è compatibile con gli smartphone che abbiano un sistema operativo Android dalla versione 1.5 in poi; noi l'abbiamo testata su Samsung Galaxy Ace con Android v2.2. Il vantaggio di fruire dell'eccellente sintetizzatore vocale di Google per il riconoscimento delle parole dettate dal guidatore, richiede una connessione dati attiva per il corretto funzionamento dei comandi vocali. All'arrivo di un messaggio è indispensabile tenere attivo il programma e, se possibile, disattivare il timeout del display o sarà difficile impartire i comandi vocali quando richiesti dall'applicazione. Una migliorabile voce elettronica che ricorda quasi la pronuncia sillabica di un robot dei primi film di fantascienza esclamerà che è arrivato un messaggio con l'espressione “messaggio arrivato dal numero +393331234***.Vuoi che ti legga il messaggio?”, richiesta cui è possibile rispondere con il comando “leggi, leggimi o leggilo”. La lettura del messaggio sarà seguita dalla richiesta “vuoi rispondere a questo messaggio?” e accettando l'aiuto del programma con il comando “rispondi, risposta o rispondere”, sarà semplicissimo dettare il messaggio ascoltando l'indicazione “ora dimmi pure il messaggio che devo inviare”. Durante la dettatura e l'impartizione dei comandi è fondamentale raccogliere l'abitacolo in un religioso silenzio o i comandi e il testo del messaggio potrebbero essere fraintesi; poco male, visto che prima dell'invio definitivo il programma rilegge il messaggio dettato chiedendo conferma d'invio o nuova dettatura.  La funzione meteo che informa sul tasso di umidità, copertura del cielo e temperature rilevate della città inserita nel menù delle istruzioni è davvero utile quando si viaggia su lunghe distanze, peccato però che a ogni nuovo avvio del programma resti memorizzata la città di Milano e non l'ultima selezionata.

SECONDO NOI – L'applicazione si rivela abbastanza utile nei casi in cui si voglia avere le mani libere e rispondere a un messaggio in entrata o leggerlo semplicemente, ma utilizzarlo durante la guida richiederebbe più attenzione di quella dovuta a un dispositivo che si offre di sollevare il conducente dal rischio di inutili e pericolose distrazioni. La precisione del riconoscimento vocale del sistema operativo Android percepisce parole lunghe e complicate come “supercalifragilistichespiralidoso”, facilitando l'operazione di dettatura a patto di avere le idee ben chiare sul messaggio da dettare e scandire i numeri uno per volta (fa confusione per numeri superiori alle 4 cifre, circostanza di dettatura remota ma possibile). Se durante la dettatura si fa una pausa per riflettere, il programma la interpreta come fine della dettatura, obbligando il conducente a ripetere il testo. Peggio ancora se durante la richiesta di un comando, il programma non riesce a decifrare la pronuncia del conducente per l'eccessivo rumore di fondo e come spesso accade per le condizioni discutibili del fondo stradale, l'auto potrebbe diventare un complesso orchestrale di rumori. La presenza di una connessione internet attiva come condizione di funzionamento (standard minimo per sfruttare al meglio le potenzialità di uno smartphone), non giova alla durata della batteria e aiuta ancora meno la necessità di tenere il display sempre acceso (se si spegne durante la guida il programma non percepisce i comandi vocali e il guidatore dovrà smanettare al display per riavviare la procedura di lettura e risposta automatica, toccando l'icona SMS). Siamo certi che eventuali aggiornamenti, come la possibilità di eseguire l'applicazione contemporaneamente ad altre e il funzionamento indipendente dalla connessione internet, potrebbero migliorare la funzionalità di un'applicazione globalmente utile, in vendita al prezzo di un espresso al bar.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto familiari e seggiolini: solo 4 su 18 adatte a 3 bambini nel 2019

Green NCAP: Nissan Leaf e Opel Corsa primeggiano nei test

Test dell’Alce Tesla Model 3 2019